Un'altra madre non vaccinata morta di virus dopo il parto

Un'altra tragedia. Su cui riflettere. Una vita che, forse, poteva essere salvata. Se solo si fosse dato ascolto alla scienza e non ad altro.

Un'altra madre non vaccinata morta di virus dopo il parto

Un'altra tragedia. Su cui riflettere. Una vita che, forse, poteva essere salvata. Se solo si fosse dato ascolto alla scienza e non ad altro. Lei era una ragazza amata da tutti per il suo altruismo: si chiamava Palma, aveva 28 anni. Aveva deciso di non vaccinarsi. E ieri è morta di Covid. Il dramma si è consumato nel reparto dedicato alle donne in stato di gravidanza e positive al Secondo Policlinico di Napoli. Era originaria di Santa Maria Capua Vetere ed era stata ricoverata lo scorso 29 agosto. I medici hanno fatto nascere suo figlio con un cesareo a 35 settimane. Il bimbo sta bene.

«Nei giorni seguenti al parto - ha spiegato alla Stampa Giuseppe Bifulco, professore di ginecologia e ostetricia e direttore del reparto per le donne incinte con Covid al Policlinico - c'è stato un aggravamento del quadro respiratorio e avevamo dovuto trasferirla in rianimazione da un decina di giorni, ma oggi (ieri ndr) non ce l'ha fatta».

«La donna non era vaccinata continua Bifulco e neanche il marito, anch'egli positivo e al momento in isolamento domiciliare. Il reparto è pieno anche confrontandoci con altri colleghi sul territorio molte donne incinte sono infettate anche se asintomatiche. Noi possiamo solo ricordare a tutte le donne in attesa di fare il vaccino dopo il terzo mese per evitare rischi e il cesareo prematuro».

Quello della 28enne è il secondo decesso nel reparto. Palma si era accorta di essere positiva al Covid dopo un primo ricovero all'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta, per la gravidanza del suo quarto figlio.

Commenti