Rissa sul bus e vetri rotti: la furia di otto giovani

Il bus transitava in piena notte nel quartiere Eur, zona della movida. Arrestate tre persone, cinque i denunciati. Due di loro possedevano droga

Paura sul bus. Maxi rissa su un bus Atac all’Eur, una delle zone principali della movida di Roma. Protagonisti otto ragazzi, tutti fermati dai carabinieri accorsi sul posto perché allertati dal conducente del mezzo pubblico. I fatti si sono verificati intorno alle 4:30 del mattino del primo dicembre, in viale Umberto Tupini all’altezza dell’incrocio con piazzale Ferruccio Parri. Qui, il conducente del bus Atac ha arrestato la marcia del bus e, notata la pattuglia dei carabinieri, ha attirato l’attenzione dei militari facendo i fari. I militari sono subito accorsi in aiuto dell'autista.

Gli uomini dell’Arma, saliti sul mezzo, hanno quindi sedato una vera e propria rissa tra ragazzi. Tre gli arrestati: due romani di 19 anni e un marocchino di 18. Cinque, invece, i giovani denunciati. Si tratta di un 17enne, tre sedicenni e un ragazzo di 15 anni. Tutti sono accusati di rissa, interruzione di pubblico servizio e danneggiamento. Sì, perché il vetro posteriore del bus, durante le fasi concitate, è stato rotto. Nel momento delle perquisizioni il 18enne marocchino è stato trovato con 4 grammi di hashish e una dose di cocaina. Sostanza stupefacente che nascondeva anche uno dei minorenni. Non è escluso, quindi, che alla base della rissa possano esserci delle motivazioni legate alla droga. I tre maggiorenni sono stati portati in caserma. Uno di loro, un 19enne romano, è rimasto ferito e trasportato all’ospedale Sant'Eugenio: ne avrà per 8 giorni. I minorenni denunciati, invece, riaccompagnati dai genitori.

Poco tempo fa un altro fatto di cronaca ha colpito i mezzi dell’Atac. È stato denunciato per danneggiamento un ragazzo di 17 anni che, nel pomeriggio del 19 novembre, con un calcio ha distrutto il vetro della porta posteriore del tram 14. I fatti sono avvenuti intorno alle 18 circa in via Prenestina, all’altezza della fermata di Tor de Schiavi, mentre la vettura Atac stava transitando. Il conducente del mezzo pubblico, nel ripartire, non si era accorto del danno.

Il giovane, nato a Roma e residente del campo di via dei Gordiani, è stato però notato da una pattuglia dei carabinieri del Nucleo Radiomobile che stava sorvegliando la zona. Rintracciato, è stato quindi denunciato e riportato dai suoi genitori. Insomma l’ennesimo atto vandalico contro un tram Atac. Solo una settimana prima al Laurentino un gruppo di giovani ha lanciato sassi contro l’autobus della linea 779 che stava camminando.

I passeggeri a bordo si sono spaventati anche perché il lunotto posteriore del mezzo è andato in frantumi. Il fatto è accaduto intorno alle 17:30. L’autista del bus ha fermato la corsa e allertato subito le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione Cecchignola che hanno avviato le indagini, ascoltando la testimonianza dei presenti. Secondo il racconto del conducente il gruppo di giovani (almeno 4, forse minorenni) avrebbero colpito il tram all’altezza di piazza Eugenio Montale per poi fuggire. Nessuno è rimasto ferito.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.