Moringa, tutti i benefici dell'albero dei miracoli

Le innumerevoli virtù di questa pianta erano già note agli antichi egizi, greci e romani. Ecco quali sono le proprietà della moringa e come è possibile sfruttarle tutte

Moringa, tutti i benefici dell'albero dei miracoli

La moringa, una pianta appartenente alla famiglia delle Moringaceae. Nasce nella zona sub-Himalayana che spazia dal Pakistan e dall'Afghanistan, fino alla regione occidentale dell'India e del Bangladesh. Oggi è coltivata in maniera diffusa in tutte le zone tropicali, compresi i Caraibi, l'America latina e le isole del Pacifico. Il nome moringa proviene dal termine "murungai" in lingua Tamil. In inglese viene chiamata "drumstick tree" per la forma dei baccelli o "horseradish tree" a causa del sapore pungente delle sue radici che ricorda quello del rafano.

Da sempre utilizzata nella medicina popolare indiana, la pianta viene spesso definita "albero dei miracoli" poiché, secondo la tradizione, essa è in grado di prevenire e di trattare numerosi disturbi. Questa definizione, tuttavia, oltre che dalle presunte virtù curative dell'arbusto, potrebbe altresì derivare dalla stessa capacità dello stesso di crescere in condizioni sfavorevoli, ovvero in presenza di terreni poveri e messi a dura prova dalla siccità.

La FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura) considera la moringa un vero e proprio superfood. Nei Paesi occidentali le foglie essiccate vengono utilizzate per la preparazione di infusi e di bevande. I semi, invece, sono impiegati nella composizione di vari integratori alimentari, il cui uso in Italia è approvato dal Ministero della Salute.

Le proprietà della moringa

La polvere di moringa, ricavata dall'essiccazione e dalla successiva macinazione delle foglie e dei semi, è un vero e proprio concentrato di sostanze benefiche e non è un caso che facesse parte dell'alimentazione degli antichi egizi, greci e romani. In essa sono contenuti nove amminoacidi essenziali, 46 antiossidanti e 27 vitamine, tra cui la vitamina E, la vitamina C e la vitamina A e molti sali minerali.

Ecco, dunque, perché a questa pianta sono ascrivibili innumerevoli virtù. Nello specifico, la moringa possiede:

  • proprietà antiossidanti: merito dei polifenoli;
  • proprietà antinfiammatorie: grazie alla presenza dei flavonoli e degli acidi fenolici;
  • proprietà ipoglicemiche: esito dei terpenoidi;
  • proprietà antimicrobiche: in particolare nei confronti di batteri Gram-positivi e, seppure in maniera inferiore, nei confronti dei batteri Gram-negativi;
  • proprietà antitumorali: merito dei glucosinolati.

Gli effetti benefici della moringa

Gli effetti benefici della moringa sulla salute sono stati confermati da comprovati studi scientifici e, attualmente, questa pianta rappresenta il cibo più nutriente disponibile in Paesi quali il Senegal, l'India e il Malawi. La stessa medicina ayurvedica afferma che "l'albero dei miracoli" è in grado di prevenire 300 malattie. Le foglie sono estremamente ricche di ferro, proteine, riboflavina, vitamina C e vitamina B6. La polvere che si ottiene dalla loro macerazione rafforza il sistema immunitario, regola la pressione arteriosa e aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo. Inoltre è un toccasana per la memoria, previene l'invecchiamento e protegge la vista.

Come abbiamo già sottolineato, la moringa è famosa per i suoi antiossidanti, in particolare la quercetina e l'acido clorogenico. Uno studio pubblicato nel 2012 sul Journal of Food Science and Technology ha dimostrato che l'assunzione giornaliera di 7 grammi di polvere (un cucchiaino e mezzo) per tre mesi si traduce in un incremento significativo di antiossidanti nell'organismo.

Da un'altra analisi è emerso che l'aggiunta di 50 grammi di foglie a un pasto è in grado di limitare del 21% l'innalzamento della glicemia. Infine, non meno importanti sono le capacità della pianta di abbassare i livelli di colesterolo LDL o cattivo e di purificare l'organismo e l'acqua. Nei Paesi in via di sviluppo, infatti, essa è impiegata per ottenere l'acqua potabile.

Usi della moringa

In Italia, poiché la moringa non è disponibile fresca, la si trova sotto forma di integratori alimentari che quasi sempre vengono realizzati con estratti ottenuti dai semi della pianta. Tuttavia, alcuni sono ottenuti anche con la polvere derivante dall'essicazione delle foglie. Questi integratori, noti per le loro proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, in linea di massima sono ben tollerati, anche se l'assunzione non è indicata in gravidanza e durante l'allattamento. Solo un uso incontrollato e prolungato nel tempo può causare la comparsa di effetti lassativi e, seppur più raramente, di reazioni allergiche.

L'olio di moringa, particolarmente ricco di proprietà emollienti, idratanti e antiossidanti, è utilizzato in cosmesi per mantenere in salute la pelle, i capelli e il cuoio capelluto. Inoltre l'olio è utilizzato per fissare le fragranze nei profumi e per aumentare la spalmabilità degli oli in seguito all'aggiunta di pigmenti (ossido di ferro monoidrato) e di antiossidanti (tocoferolo).

Commenti