Cantone: "La Corte dei Conti indaghi sul cachet di Fazio"

L'Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone solleva dubbi sullo stipendio d'oro di Fabio Fazio. E invia le carte alla Corte dei conti

Cantone: "La Corte dei Conti indaghi sul cachet di Fazio"

Lo stipendio d'oro di Fabio Fazio torna a destare scandalo. Ma stavolta contro la decisione di aumentare il cachet del conduttore di Che tempo che fa si scaglia pure l'Anticorruzione.

A settembre, infatti, l'autorità guidata da Raffaele Cantone aveaveva chiesto alla Rai le carte del contratto, per indagare sul superingaggio per 4 anni. E ora, come racconta Repubblica, il fascicolo istruttorio passa alla Corte dei conti.

Nel luglio scorso, infatti, viale Mazzini - che pure aveva tagliato gli stipendi delle altre star - decise di puntare tutto su Fazio, praticamente raddoppiando la sua retribuzione a oltre 3 milioni di euro l'anno (compresi i diritti sul format e il ricavo come produttore) e giustificando la decisione con il "sicuro" ritorno economico portato dal programma - spostato, tra l'altro, da Raitre a Raiuno -. Ritorno economico che non c'è stato, considerato il calo di ascolti iniziale.

E ora Cantone solleva "perplessità sulla giustezza dei costi/ricavi preventivati" e rimanda il tutto ai giudici contabili. Che, se dovessero trovare irregolarità, potrebbero chiedere ai membri del consiglio di amministrazione di risponderne in solido.

Commenti