Due mesi di carcere per il comico Dieudonnè

È stato giudicato colpevole di incitamento all'odio per aver espresso delle posizioni razziste durante uno spettacolo del 2012

Due mesi di carcere per il comico Dieudonnè

Nuova bega giudiziaria per Dieudonnè: la corte di Liegi ha condannato il comico francese a due mesi di carcere e 9mila euro di multa per delle affermazioni considerate antisemite durante uno spettacolo tenuto il 14 marzo 2012 nella città belga di Herstal. Il controverso artista è stato giudicato colpevole di incitamento all'odio per aver espresso delle posizioni razziste, xenofobe e omofobiche davanti a un migliaio di spettatori. In quella occasione, hanno sostenuto i giudici, il comico presentò un "catalogo di clichè antisemiti", esortando chiaramente al genocidio con l'invito a cristiani e musulmani a "unirsi per uccidere gli ebrei". La pena, ricorda Le Figaro, prevede anche che Dieudonnè faccia pubbliccare a sue spese la sentenza su due quotidiani francofoni belgi, Le Soir e La Libre Belgique. Già perseguito dalla giustizia francese per alcune affermazioni pronunciate durante lo spettacolo "La bestia immonda", il comico dovrà presentarsi davanti al tribunale di Parigi il prossimo 26 febbraio.

Commenti