Emis Killa fuori controllo: "Le botte a Brumotti? Ma se le va a cercare"

Il rapper, stuzzicato dai suoi fan sui social, ha sparato a zero contro l'inviato di Striscia che, a suo avviso, "fa di tutto per andarsele a cercare"

"Strano oh", così Emis Killa ha commentato l'ultima aggressione subita da Vittorio Brumotti durante uno dei suoi servizi contro lo spaccio nelle città italiane. Il rapper ha condiviso nelle storie del suo profilo Instagram un articolo sul pestaggio dell'inviato di Striscia, ironizzando sull'ennesima aggressione subita da Brumotti. La condivisione del contenuto, però, ha scatenato i suoi follower.

Emis Killa, pressato dalle domande dei suoi seguaci sulle imprese di Vittorio Brumotti, si è scagliato contro il campione di bike trial, andandoci giù pesante: "Premetto che non mi sta simpatico, ma dovendo essere obiettivo trovo una pagliacciata sta cosa dei servizi antidroga. Non capisco, se gli sta davvero a cuore la faccenda, perché non si mette una divisa e non fa le cose seriamente". Per il rapper brianzolo le imprese dell'inviato di Striscia, che gli sono costate diversi pestaggi e qualche ricovero in ospedale, sarebbero frutto dell'ego di Brumotti: "Andare con le telecamere da sti 4 disperati in strada mi sembra un modo per mettersi in mostra e farsi bello, tipo batman dei poveri. Riguardo alle botte che prende di continuo, non spetta a me dire se gli stia bene o no, ma di sicuro fa di tutto per andarsele a cercare".

Di vocazione, invece, ha parlato Vittorio Brumotti che, nelle scorse ore, è apparso sui social network per rassicurare i suoi fan sulle sue condizioni di salute dopo l'ultima violenta aggressione in strada a Milano. Un pestaggio che gli è costato il soccorso degli operatori sanitari e il ricovero, momentaneo, in ospedale. La vicenda, però, non ha scosso Emis Killa, che ha giudicato l'inviato del tg satirico di Antonio Ricci un "batman dei poveri". Che tra i due non scorra buon sangue è storia recente. Lo scorso anno Brumotti aveva ironizzato contro alcuni esponenti della scena rap italiana sui social, dopo esser finito (suo malgrado) nella strofa di un brano di Salmo. Il campione di bike trial su Instagram aveva ironizzato su Salmo, Achille Lauro, Sfera Ebbasta ed Emis Killa, scrivendo che l'Italia non avrebbe potuto fare a meno di loro. Inevitabile la presa di posizione dei rapper: Emis Killa non sembra aver dimenticato il sarcasmo del 39enne ligure. Del resto il rapper non è nuovo a dire la sua senza mezzi termini sui social. Come quando, mesi fa, scrisse alcuni tweet dal sentore sessista all'indirizzo del genere femmile. Parole che scatenarono una vera e propria bufera social.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

sbrigati

Lun, 25/05/2020 - 15:31

Se per il rapper è normale prendere delle legnate da delinquenti quando si circola liberamente per le città ........

roberto.morici

Lun, 25/05/2020 - 16:51

"Le botte a Brumotti? Ma se le va a cercare!" Nel senso che normali commercianti vanno in giro a vendere droga?

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 25/05/2020 - 16:59

Rapper? Cos'è? Uno che raccoglie rape?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 26/05/2020 - 16:21

... è vero che prende molte botte... ma anche molti soldi!