Cultura e Spettacoli

"Vai fuori dallo studio": scoppia la rissa fra Signorini e la Manfuso

L'uscita dalla Casa della Manfuso ha acceso la discussione in studio durante l'ultima diretta e all'ennesima accusa della donna, Alfonso Signorini l'ha invitata a uscire dallo studio

"Vai fuori dallo studio": scoppia la rissa fra Signorini e la Manfuso

L'eccesso di protagonismo si paga, sempre. E nell'ultima diretta del Grande fratello vip la sfuriata di Sara Manfuso le è costata la cacciata dallo studio del popolare reality. Stanco di sentire accusare la produzione, i suoi opinionisti e lui stesso, Alfonso Signorini ha indicato la porta a Sara che, fino a pochi istanti prima, aveva accusato tutti di scarsa sensibilità nei suoi confronti per un episodio avvenuto nella Casa prima della sua uscita.

L'intervento di Sara Manfuso in diretta è iniziato con la spiegazione dei motivi che l'hanno spinta a lasciare il gioco. "Non potevo pensare di concorrere per un montepremi e giocare dopo che sulla Casa pendeva un'accusa per me troppo pesante. Ho sentito di non poterlo fare, va contro i miei principi", ha spiegato la gieffina riferendosi al caso Marco Bellavia e alle accuse di bullismo nei suoi confronti. A quel punto Signorini ha cercato di farla ragionare, facendole capire che forse avrebbe potuto combattere dall'interno per gli stessi principi, ma Sara è passata all'attacco: "Ti rispondo di no, non era meglio. Perché io non mi sono sentita tutelata e te lo volevo dire guardandoti negli occhi".

Ciacci, la violenza sessuale e le accuse

Alfonso Signorini e gli spettatori sono cascati dalle nuvole, così la Manfuso ha rivelato cosa l'ha davvero spinta a lasciare la casa del Grande fratello vip. Non i sensi di colpa per Marco, bensì un episodio legato al suo passato: "Sono entrata al Gf Vip per raccontare la mia storia. Sai che sono stata vittima di violenza sessuale. Ti avevo detto che entravo senza un'etichetta per farmi conoscere per come sono non per il mio passato". Signorini ha provato a anticiparla, chiarendo: "Tu non ci hai dato il tempo di raccontarla, te ne sei andata. Mi sembra che ti abbiamo messo nelle condizioni di poterlo fare".

Poi Sara Manfuso ha citato un fatto che l'ha ferita, legato a Giovanni Ciacci, il quale era seduto accanto a lei in studio. "Mi ha toccato il culo e mi ha detto simuliamo una violenza sessuale", ha raccontato la concorrente ricordando l'episodio di pochi giorni fa, che aveva fatto indignare i telespettatori. "Io ho riso, ma ero in imbarazzo. Ho provato vergogna e non se ne è accorto nessuno. Nessuno mi ha chiamato in confessionale e chiesto come stessi. Ma dietro a quella risata c'era dolore e umiliazione, chiaro!", ha sbottato la Manfuso.

Lo scontro tra Sara e Alfonso

Giovanni Ciacci è apparso sorpreso dalle parole di Sara Manfuso e si è difeso con forza. Tra i due è iniziato un serrato botta e risposta interrotto solo da Alfonso Signorini, che ha voluto fare una precisazione a Sara: "Ti ricordo che potevi dargli un ceffone, invece di sorridere se ti aveva dato fastidio". A quel punto la Manfuso si è scagliata contro il conduttore con pesanti accuse: "Bello far finta di ignorare le premesse, tu non mi hai tutelata". Scatenando la replica seccata di Signorini: "Questa è retorica e io non ci casco. Credo che avresti potuto trovare una scusa migliore per uscire dalla Casa".

Così, mentre Sonia Bruganelli sottolineava la scelta azzeccata da Sara di abbandonare il gioco ("Non è l'ambiente adatto a te, sei brava con le parole ma con i fatti molto meno"), la concorrente ha iniziato a ringraziare tutti sarcasticamente e Signorini non ci ha più visto: "Grazie anche a te che mi hai preso per i fondelli ogni volta che ti dicevo: 'Resta". E tu mi rispondevi 'sì'. Vai pure fuori dallo studio, accomodati". E il gesto della mano di Signorini è stato accompagnato da un lungo applauso del pubblico mentre Sara abbandonava gli studi televisivi. Poco dopo il conduttore ha mandato in onda il video "incriminato", mostrando quanto la reazione della Manfuso sia stata spropositata rispetto a quanto successo in Casa.

Commenti