Milan, le decisioni dell'arbitro Valeri che fanno infuriare i rossoneri

Al centro delle polemiche la direzioni di gara del fischietto romano Paolo Valeri dopo Milan-Juventus di ieri sera

La partita delle polemiche, non c'è modo migliore per definire Milan-Juventus, semifinale d'andata di Coppa Italia, terminata con il punteggio di 1-1.

Tre squalificati per la gara di ritorno (Ibrahimovic, Theo Hernandez e Castillejo) e il rigore all'ultimo minuto che ha consentito alla Juventus di pareggiare una partita fino a quel momento condotta con pieno merito dal Milan, sono le decisioni dell'arbitro Paolo Valeri, che hanno fatto infuriare l'ambiente rossonero.

Le decisioni controverse

Una partita ricca di episodi al limite del regolamento e una direzione di gara, al di là del merito degli episodi, poco autorevole, quella del fischietto romano, che ha lasciato l'amaro in bocca ai tifosi rossoneri, scatenando furiose polemiche sui social e nel post partita. A ridosso della mezzora, la prima tegola per il Milan: Zlatan Ibrahimovic e De Ligt staccano a centrocampo e lo svedese colpisce l'avversario con una manata in pieno volto. Inevitabile l'ammonizione e la conseguente squalifica per lo svedese, tra i diffidati della partita. Stessa sorte pochi minuti più tardi per Theo Hernandez, ammonito pochi minuti più tardi per un fallo evitabile su Dybala, decisione legittima ma prima del suo fallo i rossoneri lamentano un intervento scorretto su Bennacer.

Nel corso della ripresa gli episodi più delicati in cui le decisioni di Valeri e del Var lasciano numerosi dubbi. Se il secondo giallo per Theo Hernandez appare corretto per il fallo e le proteste, l'esterno era già ammonito e lascerà il Milan in 10 e lo è anche il giallo a Samu Castillejo che butta via la palla in un gesto di stizza. Tuttavia Valeri fischia allo spagnolo un fallo contro che sembrava non esserci. I casi più spinosi arrivano poi nel concitato finale di gara. Rebic colpisce Cuadrado con la mano, lo fa in modo falloso: Valeri è di spalle, non può vedere bene il gesto ma il guardalinee è perfettamente in linea e avrebbe dovuto segnalare l'episodio. Così come il Var visto che dalle immagini sembra netto il colpo al viso.

La rabbia dei tifosi rossoneri monta inevitabilmente nell'occasione del rigore fischiato alla Juventus: viziato ad inizio azione da un possibile fallo su Ibrahimovic non sanzionato dal direttore di gara. Sul tocco di mano di Davide Calabria, invece la moviola è irremovibile: si controlla il gesto e si decreta il rigore. Il tocco c'è ma il difensore nulla può essendo in caduta anche se allarga leggermente il braccio in modo spontaneo. Per il Var e Valeri è calcio di rigore ma regolamento alla mano, resta una decisione al limite, che difficilmente riuscirà a fugare ogni dubbio.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

widmer.v.r

Ven, 14/02/2020 - 18:10

l'arbitrino valeri è in malafede oltre che incapace: dybala dopo aver preso l'ammonizione ha fatto un fallo al limite dell'area (mi pare su ibraimovic, da dietro e sanzionato) che era da ammonizione nettamente, e poco dopo ancora un fallo (spinta plateale e violenta) su bennacer che pure era da ammonizione e invece non è stato neppure fischiato.. tanto che è poi scaturita invece l'ammonizione a hernandez che per reazione ha fatto un brutto fallo; conclusione dybala doveva essere espulso nel primo tempo! ma si sa che quelli della iuve non si buttan fuori, mai. non parliamo poi del rigore, che in diretta lui non ha proprio visto, e anche dopo la var ha interpretato in maniera difforme dalle indicazioni del designatore rizzoli... avrei voluto vedere a parti invertite cosa avrebbe deciso l'arbitrino.

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 15/02/2020 - 10:00

in italia il 90% degli scudetti si sono sempre vinti in preventivo mai in consuntivo!