"E pijatela ner c... dai": la Egonu si scaglia contro l'avversaria

La portabandiera dell'Italia è stata protagonista di un inatteso siparietto nella gara contro la Russia. Ignorata da un'avversaria dopo le scuse in inglese, Paola Egonu ha mandato a quel paese l'atleta russa in romanesco

"E pijatela ner c... dai": la Egonu si scaglia contro l'avversaria

Non poteva esserci esordio migliore per la nazionale di volley femminile, che a Tokyo 2020 ha messo ko la Russia con un netto 3-0. La superiorità delle azzurre nel loro primo match alle olimpiadi è stata evidente, ma a tenere banco è stato soprattutto un episodio che ha visto protagonista la portabandiera dell'Italia Paola Egonu che, per mandare a quel paese un'avversaria, ha scelto un colorito epiteto romanesco.

Il video della reazione dell'azzurra è diventato virale in poco tempo, dando il via a commenti ironici ma anche a qualche critica. La nazionale di volley guidata dal tecnico Davide Mazzanti ha esordito alle olimpiadi di Tokyo con una bella vittoria all'Ariake Arena, superando il scioltezza la squadra russa. Durante il match però la Egonu si è resa protagonista di un siparietto che è stato ripreso dalle telecamere. Nelle immagini del video, al termine di un'azione che ha permesso all'Italia di portare a casa il punto, si sente Paola Egonu chiedere scusa a un'avversaria. Per farlo l'atleta - opposto dell'Imoco - ha ripetuto per ben tre volte "sorry", senza però ottenere un riscontro dall'atleta russa.

A quel punto la portabandiera azzurra, visibilmente spazientita, ha mandato a quel paese la giocatrice avversaria, cogliendo spunto dal lessico romanesco: "E pijatela ner c... dai". Il filmato si è diffuso a macchia d'olio sui social network e anche numerose testate giornalistiche internazionali ne hanno parlato. Ma intanto sul web il popolo dei social si è diviso. Da una parte i più ironici hanno commentato divertiti l'accaduto: "Italianità allo stato puro", "Io che rido da 10 minuti al vattela a pijatela ner culo della Egonu", "Schietta e sincera".

Dall'altra c'è chi ha storto il naso e si è lasciato andare alle critiche per la sua uscita in quanto rappresentante della delegazione italiana alle olimpiadi. Quando è stata nominata portabandiera dell'Italia a Tokyo 2020, lei aveva commentato con orgoglio: "Sono molto onorata per l'incarico che mi è stato dato a far parte del Cio per portare la bandiera olimpica". E alla luce di ciò ecco arrivare le critiche per il suo gesto in campo: "Beh ottima testimonial dello spirito olimpico…", "Deplorevole. Dovrebbe essere squalificata dalle olimpiadi", "Ammazza che finezza... Che sportività...". Ancora una volta la Egonu divide il pubblico, ma intanto sul campo l'Italia prosegue la sua corsa.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti