Stangata sui carburanti: ogni pieno 3,3 euro in più

Quinto rialzo consecutivo di Agip (il quarto nel mese di ottobre) che porta il prezzo consigliato della benzina ben oltre quota 1,3 euro/litro e quello del gasolio oltre 1,15. La denuncia del Codacons: "Aumento a velocità impressionante"

Stangata sui carburanti:  
ogni pieno 3,3 euro in più

Roma - Dopo un fine settimana di sostanziale stasi, oggi torna a salire il prezzo sulla rete carburanti. Quinto rialzo consecutivo di Agip (il quarto nel mese di ottobre) che porta il prezzo consigliato della benzina ben oltre quota 1,3 euro/litro e quello del gasolio oltre quota 1,15 euro/litro. Con un balzo di 2 centesimi netti, il market leader raggiunge 1,314 euro/litro sulla verde e 1,158 euro/litro sul gasolio. A rendere noti i dati la Staffetta Quotidiana che segnala altre tre compagnie oltre la soglia di 1,3 euro/litro sulla verde (Esso, Shell e Total).

La denuncia del Codacons "Si tratta di prezzi isterici, che aumentano ad una velocità impressionante. Basti pensare che solo 20 giorni fa la benzina costava 1,248 euro al litro e il gasolio 1,095". A denunciarlo è il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, commentando l’andamento dei prezzi dei carburanti. L’isterismo dei listini, che solo in parte è giustificabile con i rincari avvenuti nelle quotazioni internazionali del petrolio, allo stato attuale, rileva il presidente dell’associazione dei consumatori, "determina un maggior esborso pari a 3,3 euro per un pieno di benzina e 3,15 euro per un pieno di gasolio. Non ci resta che sperare in una futura cura che possa guarire la patologia di cui soffre il settore dei carburanti in Italia - conclude Rienzi - sempre più caratterizzato da prezzi che schizzano rapidamente al rialzo al primo accenno di aumento del petrolio".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti