Tecnologia e piante, mix per la bellezza

Linea cosmetica di creme e integratori messa a punto da un farmacista trentino

Paola Fucilieri

«La bellezza non è mai solo estetica». Minuto, mani sottili che non si muovono invano, occhi profondi, una voce calma ma decisa. Questo è Michele Moggio, 32 anni, trentino di Besagno (poco lontano da Rovereto), un piccolo grande uomo che scruta nell'animo e nel corpo per poi distillare concetti profondissimi, condensandoli in frasi alla portata di tutti, accompagnati dalla modestia e dal realismo di chi non desidera affatto irrompere a gamba tesa nel mondo della scienza tout cour, ma al tempo stesso sprigionando un carisma che convince nell'ambiente fin troppo variegato a ridosso tra la medicina moderna e le cure alternative.

Laurea specialistica in farmacia a Padova con master in naturopatia e terapie complementari a Milano, attualmente impegnato in studi su nutrizione chimica e cosmetologia grazie ai quali sta realizzando nei suoi laboratori, quelli della Voxal corporation, una propria linea di prodotti cosmetici e integratori alimentari altamente personalizzati, Moggio vive in una splendida casa tra le valli trentine, immersa nella natura, dove, da sempre, ha raccolto l'eredità della nonna. «È lei che mi ha introdotto al mondo affascinante e misterioso della radiestesia che utilizzava durante la seconda guerra mondiale per sapere fino a dove si sarebbero spinti gli eserciti. E indovinava sempre».

«Radiestesia deriva dalla parola latina radius, che significa raggio, e dalla parola greca aesthesis, che vuol dire sensibilità. La radiestesia è quindi la capacità di un individuo nell'essere sensibile alle radiazioni fisiche (ad esempio i campi elettromagnetici) oppure spirituali -. ci spiega ancora Moggio - L'antenna conduttrice a questa percezione è il pendolo, una massa uniformemente distribuita ed equilibrata, che può essere di vari materiali, sospesa a un filo. Attraverso questo oggetto dai poteri straordinari confermati da una tradizione millenaria nonché da notevoli studi scientifici non divulgati, si può arrivare a comprendere la sinergia tra individuo e piante e naturalmente anche tutte le affinità con il mondo della bellezza».

Moggio ha iniziato a coltivare un piccolo laboratorio di piante a soli 9 anni. Fu allora che per caso conobbe un erborista di grande fama. «Lui utilizzò il pendolo su di me. L'oggetto oscillò moltissimo e l'erborista si stupì. Disse che possedevo quella che definì «una intensità energetica» molto forte, spronandomi a continuare su questa strada. Io volevo però prima frequentare l'università per comprendere tutti gli aspetti scientifici di questo mondo, spinto dal desiderio di approfondire i disturbi, le problematicità per affrontarle con l'utilizzo di piante officinali e la realizzazione di prodotti cosmetici e integratori alimentari ad personam».

Ora Moggio,che ha scritto un'opera scientifica di grande pregio e tiene seguitissime conferenze in tutta Italia (potete consultare il suo sito Facebook e il profilo Instagram alla voce Voxal Corporation), ha le idee ben chiare. «La cosmetica andrà sempre più verso prodotti creati in base alle necessità di ciascuna persona - conclude -. Tutte le donne possono avere una pelle curata e sana a ogni età ma devono comprendere prima le loro specifiche problematiche per poi affrontarle sia attraverso cosmetici e integratori alimentari, oltre ovviamente a considerare la propria identità sotto tutti gli aspetti, fisici e psichici».