I 10 trend tecnologici che hanno rappresentato il 2020

Ripercorriamo il 2020 attraverso i trend che hanno interessato il mondo della tecnologia: dallo streaming allo smart working, dai pagamenti digitali alla PlayStation 5, passando da e-commerce e monopattini

L'anno che si avvia a conclusione non è stato come tutti gli altri: il 2020 ha portato con sé un cambiamento radicale e forzato nelle abitudini di tutti, legato a doppio filo alla crisi sanitaria da COVID-19. Ne è interessato anche l'ambito della tecnologia, su cui hanno impattato in modo importante l'esigenza di rispettare le norme del distanziamento e la necessità di adottare nuovi sistemi o dispositivi, per il lavoro così come per l'intrattenimento. Ripercorriamo questo periodo non semplice attraverso dodici trend che lo hanno segnato.

Le piattaforme di streaming

Partiamo da ciò che per molti è stata fonte di relax in questi mesi difficili: lo streaming. Servizi come Netflix e Amazon Prime Video hanno visto letteralmente esplodere il loro bacino di iscritti, complice l'obbligo di rimanere a casa che ha portato molti a trascorrere più tempo di fronte alla Tv, in compagnia di film, serie e show.

Comunicazione da remoto

Discorso analogo per quanto concerne smart working, didattica a distanza e più in generale gli strumenti utili per la comunicazione da remoto. Google Meet, Zoom, Microsoft Teams e gli altri hanno raggiunto decine di milioni di nuovi utenti, implementando in tutta fretta nuove funzionalità per offrire un'alternativa migliore rispetto a quella della concorrenza.

Smart home

Trascorrendo più tempo tra le mura domestiche inevitabilmente si tende a trasformare la casa tradizionale in smart home. Un cambiamento che avviene talvolta in modo graduale, prima collegando un display o un altoparlante intelligente, poi implementando videocamere per la sorveglianza da tenere sempre sotto controllo tramite telefono, infine chiedendo a un'IA come quella di Alexa o dell'Assistente Google di regolare la temperatura delle stanze impostando per noi il termostato digitale: et voilà, l'abitazione diventa smart.

E-commerce e acquisti online

Un'altra trasformazione in atto è quella legata alle abitudini di acquisto, per ovvie ragioni meno focalizzate sui negozi fisici e più sulle piattaforme dello shopping online. Gli ordini processati dagli store dell'e-commerce, Amazon su tutti (ma anche eBay e realtà più piccole o locali), hanno subito una brusca impennata in concomitanza con il lockdown. Una nuova tendenza che ha interessato anche il mercato del food delivery per la consegna dei cibi a domicilio e destinata a diventare strutturale: non si tornerà indietro, almeno non come a prima di questo 2020.

Pagamenti digitali

Quasi inevitabile la massiccia adozione dei pagamenti digitali. L'Italia ha messo un piede nell'era del cashless, avviando un percorso che porterà pian piano all'abbandono del contante. Ci si è mossi in questa direzione scegliendo sempre più spesso di acquistare online e lo si farà con frequenza ancora maggior grazie alle iniziative promosse a livello istituzionale, partendo dal Cashback ora nel pieno della sua prima fase sperimentale.

SPID

In tema di Trasformazione Digitale, il 2020 ha visto una forte adozione dello SPID. Oltre 14 milioni di italiani hanno scelto di affidarsi al Sistema Pubblico di Identità Digitale per l'accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione: erano poco più di 5,5 milioni dodici mesi fa. A innescare l'accelerazione la possibilità di ricorrere allo strumento per l'ottenimento di contributi e bonus.

Monopattini e nuova mobilità

Tra i fattori abilitanti per la crescita di SPID anche il Buono Mobilità che a inizio novembre è stato distribuito (non senza qualche problema) ai cittadini. Verrà ricordato come l'anno dei monopattini, ormai pressoché onnipresenti nei centri urbani del Paese, segno tangibile di come il modo di spostarsi stia cambiando, soprattutto nel contesto delle città, aspettando la rivoluzione promessa dalle auto elettriche e fin qui mantenuta solo in parte.

Smartphone e PC pieghevoli

Il 2020 ha portato con sé la seconda generazione degli smartphone pieghevoli, messi a punto sulla base dell'esperienza maturata con i primi modelli del 2019: Samsung, Huawei e Motorola hanno perfezionato l'idea che al primo tentativo non si era dimostrata all'altezza delle aspettative. Prodotti ancora di nicchia, ma che negli anni a venire potranno esprimere il loro potenziale. Lo stesso vale per i PC foldable: stesso principio, ma con form factor più esteso e modalità d'uso differente. Il primo a debuttare è stato Lenovo ThinkPad X1 Fold e Intel ha mostrato il suo concept Horseshoe Bend. Ne arriveranno altri.

5G

Non si può parlare di smartphone senza un cenno ai network mobile. Abbiamo visto accendersi le prime antenne del 5G. La copertura è oggi piuttosto limitata, complici anche le difficoltà incontrate: dalle teorie del complotto fino al rallentamento dei lavori per via della crisi sanitaria, senza dimenticare l'incertezza in merito alla possibilità di affidarsi a un fornitore importante come Huawei per ragioni che vanno ricercate nello scontro tra il gruppo cinese e l'amministrazione Usa. La strada è comunque segnata.

PlayStation 5 e Xbox Series X

Gli appassionati di gaming ricorderanno il 2020 come l'anno in cui ha preso il via una nuova era della console war. PlayStation 5 e Xbox Series X sono state lanciate in contemporanea, giusto qualche settimana prima che prendesse il via la stagione dello shopping natalizio, aprendo così un nuovo capitolo nella storica rivalità tra Sony e Microsoft per eleggere la console migliore del mercato. Il terzo incomodo è Nintendo che con la sua Switch può già contare su una base installata da quasi 70 milioni di unità nel mondo (fonte Statista).

Smartwatch e dispositivi indossabili

È cresciuta anche l'adozione dei dispositivi indossabili. A beneficiarne sono in primis realtà del calibro di Apple e Samsung. Altri giganti hi-tech si stanno muovendo su questo fronte come testimonia l'acquisizione di Fitbit da parte di Google. Quelli evoluti sono molto più di un gadget da mettere al polso: possono monitorare i parametri biometrici e, secondo un recente uno studio, sono in grado di suggerire la positività a COVID-19 nelle fasi iniziali della malattia.

8K

Abbiamo aperto con un cenno all'intrattenimento multimediale e chiudiamo il cerchio con quella che sarà la prossima evoluzione in ambito Tv: l'adizione del formato 8K. Alcuni apparecchi compatibili sono già sul mercato, ma a prezzi decisamente poco accessibili. Considerando la carenza di trasmissioni e film prodotti in modo nativo per questa risoluzione se ne sconsiglia l'acquisto. Entro i prossimi anni accadrà esattamente ciò a cui abbiamo assistito prima per il Full HD e poi per il 4K: più modelli, più contenuti e costi in picchiata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Raffaello13

Sab, 26/12/2020 - 14:28

Secondo questo articolo il 2020 è stato l'anno della stupidità e dell'inutilità, perchè lo "smart working" è molto spesso un "null Working" in quanto si possono trasmettere a distanza principalmente CHIACCHIERE e NON Fatti, quindi si trasmettono esattamente DATI NUMERICI, DEFINIZIONI e Stop! Il Lavoro è un'Altra Cosa! Perchè questo sia diverso dalla Fuffa (= Fiato Sprecato) occorre vi sia Produzione di Beni e quindi Oggetti materiali, oppure Plus Valore, ma questo si ottiene solo con Speculazione finanziaria e NON un Lavoro vero e proprio. Il Mondo della Informazione SE NON è ccombinato con Verità ed Utilità produce ZERO! Anzi è un Inquinamento Acustico e Mentale.

Raffaello13

Sab, 26/12/2020 - 14:36

Tutti i Dispositivi Informatici descritti nell'articolo sono un Prodotto Parassita di cattiva Legislazione! Microsoft ha raddoppiato i prezzi dei Pc e lanciato gadget, sfruttando l'Ubriacatura Ideologica che prevede Benessere legato alla "rivoluzione Digitale" che in realtà diventa un Cappio al collo dei cittadini, costretti a PAGARE Abbonamenti e Balzelli per poter accedere ai Pubblici Servizi che spetterebbero loro Gratuitamente. Gli Unici a guadagnarne, sempre più saranno i produttori di software e i possessori delle reti informatiche. Violati i Diritti Costituzionali per volere di una Sinistra venduta a Lobbies.

Raffaello13

Sab, 26/12/2020 - 14:41

La Sinistra ha TRADITO il POPOLO appaltando tutti i Servizi Essenziali a Burocrazia Informatizzata a cui si può accedere solo tramite operatitvità Informatica, dal ricevimento della pensione fino a qualsiasi comunicazione on gli Uffici Pubblici, privando di fatto i Singoli di Accedere Personalmente, senza intermediari. A spese parassite a carico dei Cittadini.