Sanremo 2023: i cachet di Amadeus, ospiti e conduttori

Ecco quanto potrebbe spendere la Rai per pagare conduttori, co-conduttrici, ospiti e addirittura cantanti in gara per il festival di Sanremo 2023

Sanremo 2023: i cachet di Amadeus, ospiti e conduttori

Sanremo non è solo musica, spettacolo e gossip. È soprattutto cifre, entrate e uscite. Tema assai caldo e pruriginoso quando si parla di televisione pubblica e canone. Così, alla vigilia dell'inizio della 73esima edizione del festival di Sanremo - la quarta condotta da Amadeus - si torna a puntare l'attenzione sui costi e sui ricavi che la kermesse canora ha.

La macchina organizzativa di Sanremo costa, è indubbio, ma le entrate - negli ultimi anni - sono decisamente lievitate. Grazie al successo della passata edizione viale Mazzini ha messo in banca 42 milioni di euro di ricavi, cifre record rispetto al passato. Ma questo non ha fermato la spending review della Rai, che starebbe vendendo pacchetti pubblicitari con prezzi da 715mila euro (per 15 secondi) a 1,7 milioni di euro, ma punta a sforbiciare le spese dei compensi dei protagonisti con un occhio di riguardo, però, per qualcuno.

Il cachet dei conduttori: Amadeus e Gianni Morandi

Sono tanti i siti di informazione e spettacolo che avanzano ipotesi e sparano cifre sui compensi dei protagonisti di Sanremo 2023. La certezza dei cachet non c'è a causa della privacy, ma secondo il sito Money, uno dei più autorevoli in materia, Amadeus dovrebbe incassare 70mila euro a serata per un totale di 350mila euro. Secondo qualcun altro, invece, il compenso del direttore artistico e conduttore (visto il doppio ruolo rivestito) si aggirerebbe attorno ai 500mila euro. Cifra che comunque rimane abbondantemente inferiore ai compensi degli anni passati, dove si parlava addirittura di 900mila euro. Leggermente ridotto il compenso che dovrebbe percepire Gianni Morandi in qualità di co-conduttore delle cinque serate. Si parla di 60mila euro a serata per un totale di 300mila euro.

Cachet co-conduttrici: Ferragni, Francini, Egonu, Fagnani

Ai quattro volti femminili che si alterneranno sul palco del teatro Ariston dal 7 all'11 febbraio dovrebbero andare i "classici" 25mila euro. Un gettone di presenza simile a quello delle passate edizioni e che sarebbe in linea con la singola presenza di ciascuna co-conduttrice. Discorso a parte, invece, per Chiara Ferragni. Secondo Money, l'imprenditrice digitale dovrebbe incassare un cachet di 50mila euro totali per due serate, ma le voci che in realtà la cifra sia 100mila o poco superiore sono insistenti. Anche perché di mezzo c'è la donazione fatta dalla moglie di Fedez in favore dell'associazione D.i.Re, alla quale la Ferragni ha devoluto per intero il suo compenso.

Cantanti in gara e ospiti

Rimane invece un mistero, almeno per il momento, l'ammontare del compenso che percepiranno gli ospiti nazionali e internazionali, che calcheranno il palco dell'Ariston nelle cinque serate del Festival: dai Pooh ai Black Eyed Peas fino agli artisti che si esibiranno sui palchi esterni (quello sulla Costa Crociera e quello in piazza a Sanremo).

Ma è chiaro che non andranno gratis e se per gli ultimi (tra i quali si contano Fedez, Achille Lauro, Salmo e Guè Pequeno) si prevede un gettone di presenza di qualche migliaio di euro, per gli ospiti internazionali si dovrà attendere per conoscere i compensi. Come ogni anno, invece, ai cantanti in gara andrà un indennizzo di circa 48mila euro come rimborso spese.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica