Le ali di Milano

Linate e Malpensa: con il progetto eMago alimentazione elettrica nei piazzali

Firmato l’accordo tra Agenzia esecutiva europea per le infrastrutture climatiche e l'ambiente e Sea nell’ambito del programma Connecting Europe Facility, per l'installazione di colonnine di ricarica dei veicoli aeroportuali e delle infrastrutture di alimentazione elettrica fissa per gli aerei

Linate e Malpensa: con il progetto eMago alimentazione elettrica nei piazzali

Ascolta ora: "Linate e Malpensa: con il progetto eMago alimentazione elettrica nei piazzali"

Linate e Malpensa: con il progetto eMago alimentazione elettrica nei piazzali

00:00 / 00:00
100 %

Vanno avanti i programmi di sostenibilità ambientale negli aeroporti di Milano con la firma dell’accordo tra Cinea (Agenzia esecutiva europea per le infrastrutture climatiche e l'ambiente) e Sea per il finanziamento, nell’ambito del programma CEF (Connecting Europe Facility), delle colonnine di ricarica dei veicoli aeroportuali e delle infrastrutture di alimentazione elettrica fissa per gli aeromobili.
È il primo progetto aeroportuale finanziato in Italia su questi temi preceduto, a livello europeo, dagli aeroporti di Parigi (Orly), Riga, Vilnius e Kaunas.

Il cambiamento climatico è una sfida globale e anche gli aeroporti si stanno impegnando per raggiungere l'obiettivo di "zero emissioni nette di CO2" fissato da ACI Europe entro il 2050. Milano Linate e Milano Malpensa, insieme ad altri 91 aeroporti europei, sono pronti ad accelerare il raggiungimento dell'obiettivo "zero emissioni" entro il 2030 e sono diversi i progetti che Sea sta portando avanti: eMAGO è tra i più importanti nell’avanzamento del processo di elettrificazione degli aeroporti.

Il valore complessivo del finanziamento è di 4.401.000 euro, mentre il costo totale del progetto è 14.670.000 euro. Il progetto eMAGO, della durata di 36 mesi, prevede l’installazione nei piazzali di Linate e Malpensa delle cosiddette “Aircraft Ground Power Units” per fornire alimentazione elettrica agli aeromobili in aeroporto durante la sosta e le operazioni di assistenza a terra senza così dover utilizzare i generatori di bordo e dei generatori diesel mobili.

Saranno installate anche stazioni di ricarica per i mezzi elettrici impiegati nelle operazioni di trasferimento di merci e passeggeri tra l’aereo e i terminal, trasporto del personale addetto ai servizi di carico e scarico, pulizia, manutenzione. Queste nuove infrastrutture di ricarica sono essenziali per completare il processo di elettrificazione dei veicoli e delle attrezzature aeroportuali, iniziato da Sea dal 2020 con la sostituzione del 50% degli autobus passeggeri di Malpensa con modelli a propulsione elettrica, e che prevede la completa sostituzione della flotta aziendale dei veicoli (automobili e van) con mezzi per il 70% elettrici e per la restante parte ibridi.

“Sea ha da tempo iniziato a introdurre tecnologie e lavorare a progetti per accelerare la transizione verso un trasporto aereo più sostenibile, per raggiungere l'obiettivo zero emissioni - spiega Giorgio Medici, direttore Environment and Funded Initiatives Sea –. Grazie al finanziamento ottenuto possiamo fare importanti passi avanti nel processi di elettrificazione dei nostri aeroporti agendo sui mezzi di terra che ci competono direttamente e sulla fornitura di energia agli aeromobili in transito sui nostri aeroporti”.

"Cofinanziando il progetto eMAGO, l'Unione Europea sostiene la decarbonizzazione del settore dell'aviazione. L'elettrificazione delle operazioni aeroportuali a terra negli aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa sarà una svolta e un primo importante passo sulla strada delle emissioni net-zero. In questo senso, il progetto eMAGO darà un contributo significativo al Green Deal europeo", ha sottolineato Richard Ferrer, responsabile del settore Carburanti alternativi di Cinea.

Gli aeroporti di Milano, insieme agli altri scali che hanno aderito al programma per l’abbattimento delle emissioni di ACI Europe, l’associazione internazionale degli aeroporti europei, hanno raggiunto lo straordinario risultato mai registrato a oggi: da maggio 2021 a maggio 2022 sono riusciti a ridurre le emissioni totali di CO2 sotto il loro controllo di 549.643 tonnellate, pari a -8,1%.

Commenti