Cittadini

Pensioni minime in aumento: ecco cosa accadrà dal 2023

I percettori del trattamento minimo si avvicineranno alla soglia dei 600 euro mensili

Pensioni
Pensioni

Pensioni minime in aumento fino quasi a 600 euro mensili. Dovrebbe essere proprio questo l'effetto della rivalutazione che partirà fin dal prossimo 1 gennaio 2023 come conseguenza del decreto ministeriale firmato dal titolare del Mef Giancarlo Giorgetti. Le pensioni minime cresceranno tramite l'indicizzazione al 120 per cento rispetto all'inflazione.

Gli aumenti

"Rivaluteremo tutti i trattamenti secondo l’indicizzazione, ma lo faremo con una percentuale diversa in base a quanto è alta la pensione", aveva annunciato il presidente del consiglio Giorgia Meloni. La rivalutazione al 120% sarà riconosciuta solo ai trattamenti minimi: una percentuale che diminuirà in modo proporzionale con l'incremento dell'assegno. "Tutte le pensioni fino a 2.100 euro vengono rivalutate del 100%, e man mano che la pensione aumenta diminuisce la rivalutazione fino alle pensioni superiori ai 5.000 euro per le quali l'indicizzazione è bloccata al 35 per cento".

All'interno della legge di Bilancio, in attesa del via libera da parte del Parlamento, esiste uno specifico capitolo dedicato proprio ai trattamenti minimi. Questi sono stati fissati dall'Inps, nella circolare n. 120/2022 a 525,38 euro. Con l'adeguamento al 120%, più elevato rispetto alla quota inizialmente preventivata, dovrebbe venire a verificarsi una situazione del genere: considerando un'inflazione al 7,3%, le pensioni minime dovrebbero crescere dell'8,76%. Si parla pertanto di un aumento netto di 38,35 euro, che farebbe salire il trattamento minimo fino alla cifra di 563,73 euro al mese (7.328,49 euro annui).

La novità introdotta in Manovra consiste in un aumento dell'1,5% dell'importo per le pensioni inferiori a 563,73 euro. Una percentuale, questa, che nel 2024, dovrebbe salire fino alla soglia del 2,7%: così facendo ci sarà un aumento di 8,45 euro, che sposterà il tetto della pensione minima fino a 572,18 euro.

Forza Italia spinge per raggiungere un adeguamento indirizzato in particolar modo agli over 70 con Isee basso, tuttavia per poter realizzare un progetto del genere, al momento, mancano le coperture. Si tratta comunque di piccoli passi per raggiungere il vero obiettivo dichiarato fin da subito dalla maggioranza di governo: arrivare a mille euro mensili per le pensioni minime entro la fine della attuale legislatura.

Commenti