Spunta l'ipotesi doppio vaccino: perché e cosa può accadere dopo la prima dose

Prima il personale sanitario, poi gli over80 e via via tutti gli altri. I test immunologici per sapere a chi servirà un’altra somministrazione

Pronti anche a un doppio vaccino nel caso la prima somministrazione non vada a buon fine. Intanto ieri in Italia si è toccato il record di decessi della seconda ondata: 853 le vittime. Almeno i ricoveri nelle strutture ospedaliere sono calati. A fronte di questi dati è necessario quindi iniziare a pensare a un piano da adottare quando sarà disponibile il vaccino.

Il doppio vaccino

Come riportato da La Repubblica, il piano di Palazzo Chigi sarebbe quello di partire con ospedali e Rsa e passare poi agli ultra 80enni. In seguito si scenderà ai soggetti di fasce d’età più giovani, che verranno vaccinati grazie all’assunzione apposita di personale. Verranno fatti dei test immunologici per riuscire a capire se il vaccino ha avuto l'effetto desiderato, ovvero la produzione di anticorpi e, nel caso non abbia funzionato a dovere, verrà fatta una seconda somministrazione. Quando si sarà sicuri che l’organismo avrà sviluppato gli anticorpi necessari a contrastare il Covid, verrà rilasciato un passaporto vaccinale.

Queste sono alcune della indicazioni che il ministro della Salute Roberto Speranza presenterà in Parlamento il prossimo mercoledì 2 dicembre, quando parlerà del Piano strategico per la vaccinazione anti coronavirus. L’obiettivo del governo sarebbe quello di riuscire a coprire da gennaio, in un lasso di tempo breve, quante più persone possibili. Naturalmente, la riuscita dipenderà anche dalla quantità di vaccino che sarà disponibile.

Secondo quanto dichiarato da Gianni Rezza, attuale Direttore Generale della Prevenzione presso il Ministero della Salute, in questo modo tra il “60% e 70% della popolazione dovrebbe essere vaccinata per ottenere l'immunità di gregge”.

I dubbi della popolazione

Sempre che la popolazione sia propensa a farsi vaccinare. E la decisione non sarebbe così scontata. Secondo un sondaggio di Swg, il 25% degli intervistati ritiene il virus frutto di un complotto, il 75% si fiderebbe di un vaccino italiano, il 67% di uno europeo e solo il 57% di uno statunitense. Insomma, i dubbi in proposito sembrano essere molti e diversi. Intanto ieri in Italia si sono registrati 23.232 nuovi positivi e ben 853 decessi, il record della seconda ondata per quanto riguarda le vittime. A fronte di 188.659 tamponi effettuati.

Il Piano strategico per la vaccinazione anti Covid sembra che preveda capitoli su logistica, soggetti da vaccinare, sistema informativo, gestione delle reazioni avverse, comunicazione ai cittadini, sorveglianza immunologica. Domenico Arcuri, il commissario per l’emergenza, si occuperà della parte logistica. Dovrebbero essere distribuite 975 dosi in circa 300 ospedali. Previsti anche dei test sierologici dopo alcune settimane dalla somministrazione, ma ancora non vi è un progetto vero e proprio, per valutare se chi è stato vaccinato ha sviluppato gli anticorpi necessari contro il virus. In caso contrario si provvederà a una seconda vaccinazione, questa volta usando un farmaco differente. Dovrebbero infatti venire prodotti più vaccini che saranno quindi utili nel caso le prime dosi non dovessero funzionare adeguatamente.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Mer, 25/11/2020 - 10:04

Sia quello russo che quello italo-inglese prevedono il richiamo della seconda dose dopo qualche settimana.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 25/11/2020 - 10:16

Come ho commentato in precedenza,ci vuole una bella faccia tosta,continuare a MARTELLARE su questi vaccini tipo "RNA",che oltretutto NON sono stati testati,sulla fascia d'eta(con 2-3 + patologie),di soggetti a cui dovrebbero essere destinati!!Nemmeno sugli effetti a "breve",figuriamoci su quelli a lunga distanza....Gli Italiani così sensibili agli "OGM",trovano il 60% disponibili a farsi iniettare questi vaccini "RNA",laddove vengono iniettati frammenti inattivati del "covid"(che è un virus a Rna) tramite un vettore, in genere un altro virus, che infettando le cellule introduce la frazione di Rna virale....in pratica un OGM!!...Perchè non si parla "eventualmente" dei vaccini tipo "DNA",che oltretutto sono più sicuri(non utilizzando alcun vettore virale),e duraturi?....Perchè non si parla del vaccino tipo "DNA" in sperimentazione all'Ospedale San Matteo di Monza?....Mistero o convenienza spicciola?

xgerico

Mer, 25/11/2020 - 10:20

Ancora deve arrivare la prima dose e non si sà quando e qui già parlano del richiamo! Voi del Giornale siete troppo avanti con gli articoli! lasciatene uno per Natale!

xgerico

Mer, 25/11/2020 - 10:33

@Zagovian-Mer, 25/11/2020 - 10:16- Abbiamo capito che "sei del campo" tranquillo, nessuno ci capisce!

Al1964

Mer, 25/11/2020 - 10:34

L'autrice dell'articolo dovrebbe controllare la correttezza di quanto scritto, perché effettuare una seconda vaccinazione con un vaccino differente dal primo rende nulli tutti gli studi di sicurezza effettuati sia sul primo che sul secondo tipo di vaccino. Anche un laureato in scienze politiche come il nostro ministro della salute dovrebbe essere in grado di capirlo, se quanto scritto dovesse però corrispondere al vero dovremo denunciare le nostre autorità per tentata strage. Anche uno studente del primo anno di qualsiasi facoltà scientifica sa che il richiamo si esegue utilizzando sempre il medesimo vaccino, come riportato negli studi dei vaccini Pfizer e AstraZeneca in fase di registrazione.

giulio1963

Mer, 25/11/2020 - 11:17

Al1964, sono d'accordo, ma anche da alte fonti arriva la stessa notizia: se non si producono gli anticorpi, la seconda vaccinazione dovrebbe essere fatta con un prodotto diverso. Del resto, lo dice lei, si parla di uno che di medicina capisce niente e che, se non fosse stato per Grillo sarebbe un bel nessuno.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mer, 25/11/2020 - 11:20

E dai! Vaccino a due dosi, per assicurare l'inoculazione completa di sostanze atte a controllare la popolazione .... Tutto molto, molto sospetto!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mer, 25/11/2020 - 11:26

Meditate, gente, meditate ... Obbligatorietà del vaccino, patente per potersi spostare fuori regione e fuori dallo stato, richiamo di dose quando ancora non c'è un vaccino sicuro. Tutto molto, molto sospetto per un virus che colpisce qualche % della popolazione e un tasso di mortalità dello 0.5% circa. Perché tutta questa esagerazione, se non per inoculare il 99.5% della popolazione mondiale con qualche strana sostanza?

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 25/11/2020 - 11:28

Non è che finisce come con i DCPM, uno non basta serve un'intera collezione.

jaguar

Mer, 25/11/2020 - 11:33

Visto il gran giro di miliardi che ruota attorno al vaccino, andrà a finire che dovremo farlo una volta al mese.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 25/11/2020 - 11:48

poi arrivera' il vaccino contro gli effetti collaterali del primo vaccino...non vorrei mai essere tra iprimi a sperimentare la cura.il ministri si è detto favorevole' lo testi lui per primo

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 25/11/2020 - 12:12

Carlo_Rovelli 11:26...mai sentito parlare della "4a rivoluzione industriale"?...Beh,è un "progetto" del FONDO ECONOMICO MONDIALE( Davos...),che prevede la trasformazione della Società(quella dei Paesi Industrializzati),con impazzante Digitalizzazione,impazzante Cibernetica,con un delirante "Sostenibile"(tanto per riempirsi la bocca),laddove il "sostenibile",e gli altri due elementi citati,entrano in modo invasivo nella nostra vita,privano di lavoro milioni di persone,con ingerenze programmate sulla superfice dlla Terra,sui mari,sul cibo,sul nostro "modo di vivere","modo di pensare". L'industra "transnazionale" vuole l'occupazione,il controllo(con la complicità dei "governi" più deboli),delle nostre vite,dell'economia Mondiale,per effetto della DECOMPOSIZIONE,degli attuali meccanismi di sviluppo,ormai fuori controllo,per troppo "FASULLO" innescato dallo stesso FEM.La "pandemia" covid,è stata il pretesto-occasione per accelerare il progetto!..."1984" è alle porte!

ruggerobarretti

Mer, 25/11/2020 - 12:14

Mi devo ricredere sullo "zanzarologo". Almeno in questo caso.

ruggerobarretti

Mer, 25/11/2020 - 12:38

Corte d'appello Lisbona su test PCR. Nature pubblica studio cinese su asintomatici (non contagiosi) Provincia di Bolzano effettua screening sul 62% della popolazione residente e non trova una beata mazza. Tre notizie ultra rintracciabili, non le ho scritte certo io.

lorenzovan

Mer, 25/11/2020 - 14:58

si sapeva dall inizio...e non e' l'unico vaccino esistente che ha bisogno della seconda dose distanziata

Ritratto di cicopico

cicopico

Gio, 26/11/2020 - 13:39

in nessuna maniera faro mai il vaccino,questa e dittatura e ogni dittatura e stata spazzata via dalla storia.il popolo quando comprende poi si incazza.