Il Papa va in difesa dell'islam. Ma cala il silenzio sui cristiani

Fanno discutere le parole di Francesco sugli uiguri in Cina. C'è chi reclama più attenzione per i cristiani perseguitati

Papa Francesco è anche il pontefice dei popoli che abitano le "periferie economico-esistenziali". E tra queste popolazioni possiamo annoverare gli uiguri, minoranza islamica che risiede nello Xinjiang, una regione della Repubblica popolare cinese. Qualche giorno fa, Jorge Mario Bergoglio ha usato questo aggettivo nei confronti dei fedeli islamici che abitano il nord ovest della Cina: "perseguitati". Pechino - come ripercorso dall'agenzia Nova - ha risposto attraverso le dichiarazioni del portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian. E la replica non può essere inserita nell'elenco dei "buoni uffici" che hanno accompagnato in questi anni le due realtà geopolitiche protagoniste di questa vicenda.

Le parole del Santo Padre sono state considerate infondate: le autorità cinesi hanno voluto sottolineare con l'ufficialità del caso la loro contrarietà. La questione è complessa, se non altro perché tutto questo avviene mentre Santa Sede e Cina si apprestano a firmare, a meno d'improvvisi ripensamenti, il rinnovo dello storico accordo per la nomina dei vescovi (e per il riconoscimento della legittimità spirituale del vescovo di Roma nella nazione asiatica). Come spiegato da Emanuel Pietrobon, non siamo comunque dinanzi ad una crisi diplomatica tra Vaticano e Repubblica popolare. Francesco è il pontefice che ha speso parole al miele per Pechino, ammettendo di sognare un viaggio nella capitale della nazione governata da Xi Jinping. Una visita apostolica che costituirebbe un unicum. Bergoglio, soprattutto per via della pandemia e delle sue conseguenze, non ha per ora potuto esaudire il progetto, che non è tuttavia stato riposto.

Quel patto - l'accordo tra Cina e Vaticano - è il fiore all'occhiello della strategia del multilateralismo diplomatico. Papa Francesco e il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin hanno difeso l'accordo con la Cina dalle critiche biennali dei tradizionalisti: il Vaticano è convinto che il patto serva a tutelare i milioni di cattolici cinesi; la destra ecclesiastica avrebbe preferito evitare la creazione di qualunque sinergia, e legge la novità come una mossa geopolitica poco ragionata. La presa di posizione di Papa Francesco sugli uiguri, a ben vedere, rientra nella tipiche scelte pastorali di questo regno: nel 2017, il vescovo di Roma si schierò in difesa dei Rohingya, un'altra minoranza di fede islamica che abita nel Myanmar.

I "popoli" cui guarda Papa Francesco

Stando alla interpretazione data dal vaticanista Sandro Magister, Jorge Mario Bergoglio non cita popoli a caso, ma li sceglie: "Il papa li identifica con la moltitudine dei reietti da cui il papa vede prorompere 'quel torrente di energia morale che nasce dal coinvolgimento degli esclusi nella costruzione del destino del pianeta'”. Bergoglio andrebbe in cerca dunque di un "popolo mitico", che sarebbe composto da tante singole esperienze identitarie e che per il Santo Padre è vittima di quella che chiama "economia dello scarto". Un atteggiamento - questo dello "scarto" - che oltrepasserebbe l'economia, per tangere macro-problemi bioetici quali l'aborto. Un'altra interpretazione che i conservatori criticano, perché alimenterebbe la "confusione" tra i cattolici, confondendo appunto il piano del pratico, ossia quello economico, con quello dei valori non negoziabili.

Insomma il Papa - annotano dal fronte dei critici - , sulla scia di queste sue "preferenze", si dimenticherebbe dell'Occidente ormai secolarizzato, ma non delle minoranze religiose e non, come quella degli uiguri. Qual è l'argomentazione che viene sollevata dagli "anti-bergogliani"? In genere, i critici affermano che il Papa si interessa poco di cristiani perseguitati: il vescovo di Roma si concentrerebbe di più su queste popolazioni, per quanto appartengono a confessioni religiose diverse rispetto a quella cristiano-cattolica. Il problema sarebbe tutto interno alle priorità della pastorale. In realtà, il primo pontefice sudamericano della storia ha in più circostanze citato nei suoi discorsi il dramma dei cristiani perseguitati ma, pure in questo caso, gli oppositori vorrebbero più chiarezza comunicativa, oltre che una crescente attenzione sul "prossimo", che per i conservatori è in primis il "cristiano" e poi tutto il resto.

Quanti sono i cristiani perseguitati nel mondo

Presentare un computo preciso dei cristiani perseguitati nel mondo non è un'operazione semplice. Ogni anno, alcuni report, si occupano di fotografare la situazione mondiale. Alcune delle nazioni in cui avvengono le persecuzioni, del resto, non sono giornalisticamente accessibili con facilità. E allora bisogna affidarsi al lavoro delle associazioni, degli enti o delle realtà che si occupano nello specifico di come chi professa la fede cristiana venga trattato sul globo terrestre. Silvio Dalla Valle, interpellato da IlGiornale.it, fa parte dell'associazione Luci sull'Est, che ha costruito un vero e proprio "Osservatorio sulla cristianofobia". " É difficile - esordisce Dalla Valle - essere certi del numero di cristiani perseguitati nel mondo". Sì, perché anzitutto bisogna operare attraverso qualche distinguo: " Secondo l’autorevole rapporto di Open Doors, l’agenzia americana di aiuto ai cristiani perseguitati, nel mondo sarebbero oltre 260 milioni i cristiani perseguitati. Bisogna comunque distinguere tra i diversi tipi di persecuzione. Quella cruenta – secondo Open Doors nel 2019 sono stati uccisi per la fede 2.983 cristiani – e quella incruenta". La persecuzione dei cristiani va dunque ripartita per tipologia, ma i numeri raccontano in ogni caso un dramma.

Le ultime evidenze pubblicate da Aiuto alla Chiesa che Soffre sono molto più che preoccupanti. Stando a quei dati, i cristiani non sono mai stati perseguitati come in questo periodo storico. Si pensi alle giovani donne costrette al matrimonio dopo un processo altrettanto forzato di conversione: quante sono? Difficile esibire numeri precisi. Sappiamo che il fenomento esiste, come in Pakistan, dove la questione delle "spose bambine" però è emerso. Esistono nazioni in cui hanno attecchito tragedie sommerse? In Pakistan a volte si arriva a processo, ma la sensazione è che il dramma dei cristiani perseguitati sia più esteso di come appare: "Quest’ultima - ci dice Dalla Valle, riferendosi alla persecuzione "incruenta" - colpisce, secondo la Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, oltre 300 milioni di cristiani che vivono in terra di persecuzione. Questi cristiani patiscono l’umiliazione, le vessazioni, in tanti casi sono ingiustamente accusati del cosiddetto crimine di blasfemia e messi in prigione. Tante volte hanno le loro case distrutte e costretti a andare via dai loro villaggi. Più grave ancora sono le ragazze rapite e fatte sparire, tante di loro obbligate a “convertirsi” e sposare il loro aguzzino". Le statistiche non hanno la capacità di essere esaustive.

Chi sono gli uiguri

Il popolo cui Bergoglio si è riferito da ultimo con la qualifica di "perseguitati" non è uno dei tanti: è particolare. C'è, nella mossa del Papa, una componente storica, cioè un vero e proprio strappo con quello che ci si sarebbe aspettati in virtù delle rinnovate relazioni tra Santa Sede e Cina. E il gesuita è di certo un vescovo capace di stupire, come ha dimostrato più volte durante questi sette anni e mezzo di permanenza sul soglio di Pietro. Nessun pontefice prima dell'argentino aveva portato alla ribalta la vicenda degli uiguri del nord ovest cinese. Bergoglio in passato si è detto preoccupato per la situazione di Hong Kong, ma per i tradizionalisti, gli avvertimenti del successore di Pietro su quello che accade da quelle parti del mondo non sono mai sufficienti. La domanda diviene allora retorica, oltre che spontanea: perché gli uiguri sì e la repressione cristiana ad opera dei cinesi - quella che viene ventilata per esempio dal cardinale conservatore ed ex arcivescovo di Hong Kong Joseph Zen - no?

Padre Abbè Guy Pagès, sacerdote francese esperto d'islam, e oggi impegnato nel fronte dei cattolici che chiedono a gran voce la libertà di culto all'interno del quadro delle restrizioni imposte Oltralpe per via della diffusione del Sars-Cov2, ci ha aiutato a focalizzare l'annoso problema degli uiguri, spiegando: "Per lo più - ha dichiarato, tenendo conto del punto di vista del consacrato, che è ritenuto un conservatore - musulmani sunniti, gli uiguri sono un popolo di lingua turca di 25 milioni di persone, di cui la metà vive in Cina. Il loro progetto separatista è oggi sostenuto dal Partito islamico del Turkestan (PIT), classificato come 'organizzazione terroristica' dall'Onu nel 2003, che mira a creare uno Stato islamico, che non impedisce ai suoi jihadisti di combattere a migliaia in Siria, con l'aiuto di kamikaze e bambini soldato. La Cina li sta rieducando per prevenire i loro numerosi attacchi". Quindi la Cina starebbe in realtà prevenendo. E questa sensibilità del pontefice, ancora una volta, potrebbe essere interpretata come una mano allungata nei confronti della religione islamica, nello spefico verso l'emisfero sunnita.

La scelta di Francesco

Come mai allora Francesco ha optato per una scelta così inusuale rispetto al contesto diplomatico avviato con il colosso cinese? Il segretario di Stato degli Stati Unti Mike Pompeo si è affrettatto nel dirsi "grato" al Santo Padre per la sua presa di posizione sugli uiguri.

Pompeo è fortemente contrario all'accordo tra Cina e Vaticano. Quando si è recato in Italia l'ultima volta, il membro dell'amministrazione guidata da Donald Trump, che dopo i risultati delle presidenziali è ormai uscente, ha persino chiesto alla Santa Sede di non rinnovare quel patto per mantenere l' "autorità morale" che il Vaticano può vantare sul consesso globale. Tutto suggerisce come questo strappo sugli uiguri non sia destinato ad inficiare sui buoni uffici che intercorrono tra i sacri palazzi e Pechino, ma certo la strategia di Francesco sulla minoranza islamica ha fatto discutere anche coloro che si occupano di cristiani perseguitati.

Come Silvio Dalla Valle, che sul punto ci ha detto quanto segue: "Non sono in grado di rispondere al perché Papa Francesco ha ricordato la minoranza islamica perseguitata in Cina e si mostra poco attento, al meno in apparenza, alla persecuzione dei cristiani nel mondo. Questo atteggiamento di Papa Francesco è comunque sconcertante e sorprendente, speriamo ci venga fornita una spiegazione".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Attila51

Attila51

Dom, 29/11/2020 - 10:08

Me ne frego

cgf

Dom, 29/11/2020 - 10:15

Dice nulla sui uiguri è filocinese, ne parla, così come parla dei cristiani armeni, quelli pakistani, in Nigeria… di consacrati/e uccisi in giro per il mondo… nessuna notizia che sia di fonte vaticana, poi arriva chi se ne frega sempre e vuole prendere le difese di non sia bene chi.

routier

Dom, 29/11/2020 - 10:15

Un occhio di riguardo per gli islamici cinesi e invece negletti i cristiani perseguitati dai satrapi africani. Una politica un po strabica, non Le pare don Bergoglio?

Much63

Dom, 29/11/2020 - 10:16

Eh certo, il tuo problema sono i musulmani cinesi, i cristiani sono massacrati in ogni parte del mondo e però la tua attenzione va agli uiguri. Ma chi ti ha messo a capo della chiesa cattolica? Per quanto mi riguarda fino al prossimo conclave me ne starò a casa....

Ilsabbatico

Dom, 29/11/2020 - 10:22

Avanti così che la chiesa perde ancora ....

Totonno58

Dom, 29/11/2020 - 10:23

Attila51, anch'io...questi discorsi hanno rotto e sono pure totalmente falsi.

antonmessina

Dom, 29/11/2020 - 10:27

brutta brutta bruttissimo personaggio

Ritratto di Smax

Smax

Dom, 29/11/2020 - 10:32

Ormai è un caso senza soluzioni. Sta demolendo tutto.

steacanessa

Dom, 29/11/2020 - 10:42

Addio cattolicesimo, questo distrugge secoli di tradizione e neanche si chiede perché l’islam, che è saldo nelle sue tradizioni in molti casi violente, continua ad avanzare.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/11/2020 - 10:43

Questo Papa è il capo di una religione fondata su una grande bufala infatti mentre la scienza basa l'esistenza dell'uomo sulla evoluzione delle speci stabilendo che l'uomo discende dalla scimmia antropomorfa, secondo la religione di cui questo tizio è capo, l'uomo discende da Adamo ed Eva che avrebbero commesso il Peccato Originale che avrebbe poi dato la stura a tante altre favole e bufale incredibili. Ci rendiamo conto che razza di baggianate milioni di esseri umani prendono sul serio?

amedeov

Dom, 29/11/2020 - 10:46

La chiesa e il cristianesimo ha solo perso con questo papa

VIVASALVINI

Dom, 29/11/2020 - 10:49

L'avetè vista la foto dove il papuncolo baciava le scarpe ai muslim? Piu' chiaro di cosi!E' l'anticristo!

florio

Dom, 29/11/2020 - 10:49

Le parole di Paolo VI ex Card. Montini furono profetiche: se non prendiamo coscienza che la chiesa deve cambiare, prestodiventeremo folcrore. Oggi con questo don Bergoglio, si è avverata la profezia, più folcrore di così!

claudioarmc

Dom, 29/11/2020 - 10:50

A questo non frega nulla dei Cristiani

Altrimenticiarr...

Dom, 29/11/2020 - 10:50

A voi fondamentalisti cristiani, questo papa vi sta mandando fuori di testa! Cosa volete? Un papa che massacri gli infedeli, in stile papi medievali? Un papa che perseguiti gli omosessuali? Se non cambia la chiesa sparirà nel giro di 100 anni e questo Bergoglio lo sa.

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Dom, 29/11/2020 - 10:56

Oramai il mondo gira "all'incontrario" e il Papa si adegua. Mi chiedo che cosa ancora dobbiamo vedere; non ci si stupisce neppure davanti al cervello bacato di "terrapiattisti" che con la loro teoria sono convinti di aver quadrato il cerchio. Cordialità

timoty martin

Dom, 29/11/2020 - 11:01

Non capiro' mai quali gli obiettivi di questo papa: amico di tutti, aiuti a tutti e niente difesa ai Cattolici. Non vogliamo la morte della nostra Chiesa ne vogliamo diventare tutti martiri....

Alfa2020

Dom, 29/11/2020 - 11:03

Ma io dico se anno messo Razzinger da parte perche non mettono a questo da parte che la chiesa sta perdendo da tutte le parte del mondo i fedeli questo uguale a conte

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 29/11/2020 - 11:08

Non si tratta di fondamentalismi ma semplicemente di anticristiasni.Credo che di questo passo la chiesa sparirà molto prima di 100 anni.

Ritratto di ateius

ateius

Dom, 29/11/2020 - 11:09

procedendo all'indietro.. nel pre-politico e nel pre-religioso troviamo in ambito psichico ciò che li accomuna e li rende simili in ogni Parte del mondo.- poi diventeranno Papi Presidenti di governo talvolta sgozzatori fideisti o fautori del "buonismo" ideologizzato.. a seconda delle Occasioni della VITA. ma certamente diventeranno ciò che definiamo SINISTRI.- con le diverse e contraddittorie sfaccettature sempre al servizio del male Oscuro che li porta a lasciare MACERIE ovunque passino. contro la Civiltà contro il Bene COMUNE. contro la nostra gente.

Ritratto di Faite

Faite

Dom, 29/11/2020 - 11:12

O Altrimenticiarr... ma che dici ? Se la chiesa si adegua ai tempi non è più una chiesa, ma un partito. E infatti questa di Bergoglio non è più una chiesa. Prova a dirlo agli islamici di adeguarsi ai tempi e senti che ti rispondono. Sei tu che devi scegliere se credere o no in una religione e non la religione che deve rendersi simpatica a te. O hai fede o non ce l'hai.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 29/11/2020 - 11:17

gianniverde Dom, 29/11/2020 - 11:08 Le intenzioni dei progressisti sono queste:far si che i valori cristiani,cardini della famiglia e della società occidentale,vengano annichiliti,e la gente li considererà solo dei ricordi che si perderanno strada facendo.

honhil

Dom, 29/11/2020 - 11:22

Al di qua e al di là delle interpretazioni che possano darsi alle parole del Santo Padre, ciò che limpidamente emerge da questo suo fraseggio gesuitico è che parla delle odierne persecuzioni di tutti, tranne di quella, peraltro assai vasta, patita dai cristiani. Perché insomma far mancare il calore delle sue parole e delle sue preghiere, alla parte più bisognosa del suo stesso gregge?

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 29/11/2020 - 11:27

Alfa2020 Dom, 29/11/2020 - 11:03 La risposta è intrinseca nella tua domanda! Bergoglio è stato messo sul soglio pontificio,scartando Razinger(conservatore) per portare a termine quello che i progressisti relativisti stanno mettendo in atto:la dissoluzione dei valori evangelici e la contemplazione di valori che stanno in antitesi coi vangeli e dagli stessi condannati.

tofani.graziano

Dom, 29/11/2020 - 11:32

Imam bergoglio mette in pratica il suo credo

cgf

Dom, 29/11/2020 - 11:36

@Francesco Boezi è curioso che lei affermi di occuparsi su queste pagine di "cose vaticane" e temi etici si vergogna[?] di dire che quanto attribuito a Francesco, «penso spesso ai popoli perseguitati: i Rohingya, i poveri uiguri [e] gli yazidi», è contenuto nel libro "Ritorniamo a sognare. La strada verso un futuro migliore” in uscita il prossimo 1 dicembre. Quel passaggio ha scatenato le ire della Cina, questo già 4 giorni fa, definire gl'uiguri cinesi un popolo perseguitato, è un passo che gli attivisti per i diritti umani lo esortavano a fare da anni. In passato aveva parlato dei Rohingya fuggiti dal Myanmar e dell'uccisione di yazidi da parte di militanti islamisti in Iraq, non è un caso che gli yazidi siano nella stessa frase. CHIUNQUE dovrebbe pensare ai perseguitati indipendentemente dalla religione. Poi è poco attento a quanto dice, spesso il Papa ricorda i perseguitati cristiani nel mondo, ma non fa notizia.

rigampi1951

Dom, 29/11/2020 - 11:46

Avanti cosi, tra poco le chiese saranno vuote

Ritratto di pulicit

pulicit

Dom, 29/11/2020 - 11:47

Solamente ai clandestini,pensa,che paghiamo noi ed il vaticano acquista palazzi a Londra.Vergognatevi.Regards

Nicola48ino

Dom, 29/11/2020 - 12:00

Dai francis che fra poco ti toccherà vendere i gioielli di famiglia, gli archivi i quadri i vasti palazzoni e qualcos'altro tanto a te che frega anche vivi fino a cent'anni fai come Luigino dopo di te il diluvio.

mimmo1960

Dom, 29/11/2020 - 12:01

La Parola di Dio è legge, non va cambiata e sarà nei secoli.

routier

Dom, 29/11/2020 - 12:08

Il cattolicesimo bergogliano si potrebbe definire: "Una religione senza fede". Così come il comunismo: "Una fede senza religione". Ecco perché vanno a braccetto, sono complementari l'uno all'altro!

Ritratto di navajo

navajo

Dom, 29/11/2020 - 12:10

Chissenefrega, invece dei commenti dei trinariciuti praticanti. Aria fritta, parole al vento e carriolate di M,aalox. Auiguri

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Dom, 29/11/2020 - 12:14

@Faite. La mia era un'iperbole che metteva in evidenza l'assurdo modo di fare di Bergoglio, ponendolo sullo stesso piano di chi dice che il mondo gira all'inverso o chi sostiene che la Terra sia piatta, e non approvarlo o giustificarlo. Clair? Cordialità

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Dom, 29/11/2020 - 12:35

florio - 10:49 Mi sa tanto che ha ragione..

batpas

Dom, 29/11/2020 - 12:44

Mi accorsi delle stranezze già anni fa e da allora l'8 X 1000 non lo destino piu' a papa francesco.

ZZMAXZZ

Dom, 29/11/2020 - 12:46

Non sono d'accordo sull'impostazione del servizio perchè il papa difendendo le altre comunità religiose difende indirettamente anche i cristiani.

agosvac

Dom, 29/11/2020 - 13:00

Il problema degli "uiguri" lo conosciamo tutti. Si tratta di islamici che vivono all'interno della Cina ma non vogliono seguire le regole della Cina ed i costumi del popolo cinese. Non sono perseguitati per caso ma perché si oppongono alle leggi dello Stato in cui vivono. Papa Francesco deve pensare a tutti i Cristiani che vivono in Paesi islamici e che, pur seguendone le leggi ed i costumi, tranne la religione, vengono dagli islamici realmente messi a morte e vedono distrutte le Chiese dove si recano a pregare. Meglio se dentro le chiese ci sono i fedeli.

cgf

Dom, 29/11/2020 - 13:05

@ZZMAXZZ Dom, 29/11/2020 - 12:46 Tutto si basa su UNA SOLA FRASE contenuta nel paragrafo, molto più generalizzato, delle persecuzioni IN GENERE nei Paesi islamici di un ampio libro in uscita il prossimo 1 dicembre "Ritorniamo a sognare. La strada verso un futuro migliore" (in italiano per Piemme) sui temi legati alla pandemia da coronavirus, coautore, insieme al Pontefice, il giornalista e scrittore britannico Austen Ivereigh.

mimmo1960

Dom, 29/11/2020 - 13:13

Per ZZMAXZZ. Gesu' non aveva detto di evangelizzare che la sua dottrina era quella vera ed unica che ci avrebbe portato a DIO? Non so a piu' cosa pensare, mah!!!

kayak65

Dom, 29/11/2020 - 13:18

Una sola richiesta. VATTENE. Sei riuscito perfino a modificare il padre nostro. Ora è troppo. #nonseilnostropapa

giangar

Dom, 29/11/2020 - 13:19

A chi accusa il Papa di disinteressarsi dei cristiani perseguitati e di non parlarne, consiglierei di rileggersi un articolo comparso giorni fa sul Giornale in cui, molto lucidamente, si diceva che la Chiesa sa che per ogni denuncia pubblica troppo diretta contro qualche Stato "a farne le spese saranno i cristiani in quei Paesi, perché nessuno, in Occidente, alzerà un dito per difenderli o aiutarli." Ecco il vero motivo della prudenza! Il Papa innanzitutto prega e poi muove quel po' di diplomazia che può agire in quei paesi, per non peggiorare con ritorsioni le già difficili condizioni dei cristiani. La situazione dei cristiani è seguita da associazioni come Aiuto alla chiesa che soffre, fondazione Pontificia, che provvede a far conoscere le persecuzioni e ad aiutare concretamente i cristiani perseguitati e le loro famiglie, anche grazie ai fondi dell'8 x mille. Altro che disinteresse perché si preferiscono i musulmani, balla colossale che vedo ripetuta da alcuni commentatori.

QuasarX

Dom, 29/11/2020 - 13:21

perche' non se ne va a fare l'iman dei suoi fratelli musulmani e ci rida' l'unico papa Benedetto XVI? cosi' e' contento sia lui che noi della chiesa di bergoglio non sappiamo che farci

giangar

Dom, 29/11/2020 - 13:22

@VIVASALVINI 10:49 - Mi dice, per favore, a quali musulmani il Papa avrebbe baciato le scarpe?

lisanna

Dom, 29/11/2020 - 13:34

questo papa sta distruggendo quel poco che resta del cristianesimo e cattolicesimo.i suoi ponti non muri servono a farci inVadere da musulmani a milioni, dato che praticamente tutti i clandestini sono musulmani(v.ultimo sfregio statua Madonna),il dialogo e' solo con l'islam, che dialogo non fara' mai ( i pochi imam che dialogano veramente con altre confessioni vivono sotto scorta),non ha detto niente su recenti eccidi degli armeni da parte degli azeri, non dice che nei paesi musulmani i cristiani sono ormai estinti o persguitati(Betlemme da maggioranza sono forse 1%),apre ai vescovi pro lgbt(partecipera'ai gay pride cosi' pittoreschi?),e infine fa il politico green antiglobale ecc. non e' questa la Chiesa con la C maiuscola

CICERONE24

Dom, 29/11/2020 - 13:36

Bergoglio, il peggio del peggio per i cristiani. E' più vicino ai comunisti cinesi e agli islamisti arabi che ai cristiani. E' una indecenza senza precedenti. E' la vergogna del cattolicesimo. "..il gesuita è di certo un vescovo capace di stupire..": si, lo abbiamo visto in tantissime occasione come stupisce e come è sempre contro i cristiani, tutto a favore dei clandestini e pro immigrazione a spese degli italiani.

giangar

Dom, 29/11/2020 - 13:42

@lisanna 13:34 - "Dato che praticamente tutti i clandestini sono musulmani". Mi dice a quali statistiche si riferisce. A me risulta che la maggioranza dei richiedenti asilo sono cristiani (spesso provenienti proprio da quei paesi in cui i cristiani sono perseguitati).

killkoms

Dom, 29/11/2020 - 13:51

verrognoso!

mimmo1960

Dom, 29/11/2020 - 13:52

Per giangar. Se tanti sono cladestini mi dici come fai a stabilire la loro religione?? non sappiamo nulla di loro, quanti sono e cosa fanno?? Quali sono le fonti di informazioni che lei attinge le news??

killkoms

Dom, 29/11/2020 - 13:58

giangar,il paradosso nigeriano è proprio quello!li rischiano di più i cristiani ma la maggior parte dei sedicenti profughi sono islamici!idem con gli eritrei.

Libero 38

Dom, 29/11/2020 - 14:09

Il kompagno ciccio ogni giorno ne dice e ne fa una.Quqllo che non capisco quale peccato abbiamo fatto noi cristiani per meritare un papa del genere.

giovanni235

Dom, 29/11/2020 - 14:10

Cos'altro volete che faccia il gran Muftì di nome Francesco?????

giovanni235

Dom, 29/11/2020 - 14:15

ZZMAXZZ quindi il papa difende DIRETTAMENTE le altre religioni e INDIRETTAMENTE il cattolicesimo???E tu lo consideri il capo del cattolicesimo???

Klotz1960

Dom, 29/11/2020 - 14:19

"Periferia economico-esistenziale" e' una categoria marxista, per chiunque capisca un minimo di filosofia e teologia. Il valore dell'esistenza individuale e collettiva, in quanto tale, non puo' essere sminuito da pur pesanti limitazioni economiche - salvo per i marxisti.

Antenna54

Dom, 29/11/2020 - 14:25

Perché non si dimette come il suo predecessore? farebbe cosa buona ed utile a tutti i cristiani.

giovanni951

Dom, 29/11/2020 - 14:27

da tempo preoccupa quest^uomo

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 29/11/2020 - 14:46

Ha un'analogia con il nostro governo, loro fanno di tutto contro gli italiani, lui fa di tutto contro i cristiani

justic2015

Dom, 29/11/2020 - 15:32

Ma deve difendere sempre fratelli sono no, altrimenti che papocchio sarebbe.

giangar

Dom, 29/11/2020 - 15:33

@mimmo1960 13:52 - Le statistiche fatte da vari Enti che studiano il fenomeno dell'immigrazione in Italia (es. ISMU - Iniziative e Studi sulla multienticità) si basano, ovviamente, sul totale degli stranieri residenti in Italia, quelli "di passaggio" non vengono considerati e gli ultimi dati, relativi al 2019, mostrano che i musulmani sono circa il 30% del totale degli stranieri contro un 54% dei cristiani (tra cattolici, ortodossi, evangelici) . Io contestavo l'affermazione del lettore che affermava con certezza "sono tutti musulmani".

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/11/2020 - 15:42

I Cristiani se non vogliono farsi perseguitare la smettano di fare i Cristiani e la smettano di credere alla bufale

rudyger

Dom, 29/11/2020 - 15:52

Leggo continuamente L'Osservatore romano. Mai una parola sulle persecuzioni dei cristiai, nè sulle chiese e cattedrali date a fuoco. Sulla decapitazione recente alla statua della Madonna non una parola. Certo non è la pachamama la quale non può essere decapitata !. Che la chiesa nei suoi contatti con altri Stati ha sempre anche un un aspetto politico è inevitabile , ma non può e non deve prima di tutti trascurare i cristiani.

cgf

Dom, 29/11/2020 - 16:01

@giangar Dom, 29/11/2020 - 15:33 Vista l'alta percentuale di asiatici in Italia, faccio molta fatica credere che siano solo il 16% i seguaci del Buddismo, Taoismo, Induismo. Considerando poi il fenomeno del sincretismo religioso che dilaga in tutto il mondo, ancora meno visto che anche dall'Africa è molto frequente. ED IN QUEL 16% ANCHE GLI ATEI. È sicuro di aver letto/trovato/ricordare giusto? Non penso che Vincenzo Cesareo abbia lasciato che certi numeri inverosimili possano partire dall'ISMU

pt50lulu

Dom, 29/11/2020 - 16:17

Tutto potevo immaginare ma un peronista papa non l'avrei mai soltanto pensato

gedeone@libero.it

Dom, 29/11/2020 - 16:18

I nuovi padroni l'hanno messo lì apposta. E' un tassello importante per l'instaurazione del NOM (nuovo ordine mondiale). Devono demolire la Fede e la Famiglia, poi avranno la strada spianata.

Savoiardo

Dom, 29/11/2020 - 16:26

Caro Papa sei troppo anziano va come tutti in pensione.

Ritratto di babbone

babbone

Dom, 29/11/2020 - 16:38

mandatelo via...le chiese sono vuote.

routier

Dom, 29/11/2020 - 17:17

Papa Ratzinger ci è stato donato. Papa Bergoglio ci è stato inflitto! UNICUIQUE SUUM. (ad ognuno il suo)

Happy1937

Dom, 29/11/2020 - 17:55

Forse sarebbe stato meglio se si fosse fatto Imam invece che Prete!

newman

Lun, 30/11/2020 - 10:58

@ giangiar (1) 13:19 Allora, secondo la Sua logica, il papa, avendo parlato degli uiguri, li avrebbe danneggiati. (13:22) Francesco I ha baciato le scarpe dei membri di una delegazione Somala, mussulmani, in Vaticano. Foto su "Il Giornale". Ricerchi! (13:42 & 15:33) Riguardo alla percentuale di mussulmani tra i "migranti" accolti in in Italia, non tra i "residenti" stranieri residenti in Italia, la maggior parte dei quali non sono migranti. Citi le statistiche cui Lei si riferisce.

newman

Lun, 30/11/2020 - 11:30

Il baciare i piedi (nel caso della Delegazione Somala in Vaticano "le scarpe") per la mentalitá orientale in genere e mussulmana in specie, é un gesto palese di sottomissione. Il fatto di cui sopra viene letto dai mussulmani cosí: il capo morale della cristianitá si sottomette all'Islam. Idem con patate per il bacio del Corano da parte di papi. Questi gesti hanno un effetto devastante sia per i cristiani sparsi per il mondo che nella stima dei mussulmani verso i cristiani, in quanto i mussulmani pensano cosí: "se si sottomettono a noi, costoro non hanno alcun senso di onore e di stima per la loro religione, quindi il cristianesimo é spazzatura". Purtroppo é cosí: teatralitá ha i suoi limiti.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 30/11/2020 - 14:03

checco pensa che i cristiani. con il martirio. si guadagnino il paradiso(forse).. pertanto è alla ricerca ..dei caproni smarriti!!!uuaaahhuahhhhhhahhhh

newman

Lun, 30/11/2020 - 16:19

@giangiar Si degni di rispondere al mio appello delle 11:30 e presenti le prove del suo asserto che i migranti illegalmente approdati in Italia sono prevalentemente cristiani. Non cambi le carte in tavolo facendo dei "migranti" illegali dei "residenti". Non é serio.

gedeone@libero.it

Lun, 30/11/2020 - 18:01

aro newman, aspetterà invano la risposta di @giangiar. I fasciostelluti komunisti sono così. Sparano a raffica le loro ca..te, ma quando si chiede loro una prova...glissano...

giangar

Lun, 30/11/2020 - 18:03

@newman - (1) Il Papa ha nominato gli Uiguri in un breve passaggio del suo libro di prossima pubblicazione e lo ha fatto con estrema delicatezza, perché sa che, se irritasse i cinesi, questi si "vendicherebbero" non certo contro gli Uiguri, ma contro il suo popolo cristiano. Ci sono decine di interventi del Papa, che potrei citarle, in difesa dei cristiani perseguitati. Il Papa ha baciato le scarpe dei governanti del Sud Sudan, non somali, che non sono musulmani ma in maggioranza cristiani e lo ha fatto dopo averli ospitati per tre giorni in Vaticano per un ritiro spirituale, affinché ritrovassero nello spirito cristiano la forza per cessare una lunga e sanguinosa guerra: con quel gesto, li ha supplicati da cristiani.

giangar

Lun, 30/11/2020 - 18:17

@newman - (2) Nel mio precedente post ho detto chiaramente di riferirmi alle statistiche dell'ISMU relative al 2019 sugli immigrati residenti in Italia. Evidentemente i residenti di oggi sono, in parte, i migranti sbarcati ieri. Su quelli sbarcati nell'ultimo anno non ci sono statistiche e forse non è corretto dire che sono in maggioranza cristiani perchè non ci sono statistiche possibili, ma, sicuramente, dire che sono tutti musulmani significa fare del terrorismo. La saluto.

giangar

Lun, 30/11/2020 - 18:28

@gedeone@libero 18:01 - Anziché fare la spalla ed il controcanto e preoccuparsi della tempestività delle mie risposte (non è che sto sempre attaccato al computer) potrebbe impiegare utilmente il tempo studiando un po' la buona educazione su come ci si rivolge al prossimo

newman

Mar, 01/12/2020 - 14:37

@ giangiar Nel suo post originale si parlava dei migranti illegali accolti in Italia, non dei residenti stranieri in Italia. I Suoi riferimenti, molto indeterminati, per la veritá, si riferiscono q questi ultimi. Il suo asserto originale, che i migranti che stanno invadendo l'italia siano in maggioranza cristiani, é una bufola.

newman

Mar, 01/12/2020 - 14:41

@ giangiar Che il papa parlasse "molto delicatamante" non solo degli uiguri ma anche dei cristiani perseguitati ... ma non lo fá. Il Suo riferimento privo di riscontri (links) é del tutto astratto.

gedeone@libero.it

Mar, 01/12/2020 - 16:44

#giangiar, lei vende solo fumo, ed il fumo le annebbia la vista.

giangar

Mar, 01/12/2020 - 17:15

@newman - "Per trovare i martiri non è necessario andare alle catacombe o al Colosseo: i martiri sono vivi adesso, in tanti Paesi. I cristiani sono perseguitati per la fede. In alcuni Paesi non possono portare la croce: sono puniti se lo fanno" (Messa a Santa Marta 6 aprile 2013). “Oggi la Chiesa è Chiesa di martiri”, “martiri nascosti” di tutti i giorni, di cui non conosciamo i nomi, che soffrono nelle carceri o vengono calunniati e perseguitati per rimanere fedeli a Gesù: “Loro soffrono, loro danno la vita e noi riceviamo la benedizione di Dio per la loro testimonianza” (Messa a Santa Marta 21 aprile 2015). "oggi ci sono molti cristiani che patiscono persecuzioni in varie zone del mondo, e dobbiamo sperare e pregare che quanto prima la loro tribolazione sia fermata. Sono tanti: i martiri di oggi sono più dei martiri dei primi secoli” (discorso del 29 aprile 2020, festa di S. Caterina da Siena)

giangar

Mar, 01/12/2020 - 17:20

@newman - «Prego, imploro umilmente i Paesi di tradizione islamica affinché assicurino libertà ai cristiani, affinché possano celebrare il loro culto e vivere la loro fede, tenendo conto della libertà che i credenti dell’Islam godono nei paesi occidentali! " (Evangelii gaudium) «Una doverosa attenzione da parte di tutti al grave problema delle discriminazioni che i cristiani subiscono in tante parti del mondo. Vi sono nazioni dove è imposta un’unica religione, altri dove si assiste a persecuzione violenta o sistematico dileggio culturale nei confronti dei discepoli di Gesù, a discapito della libertà religiosa, un diritto fondamentale dell’uomo che va riconosciuto poiché riflette la sua più alta dignità». (messaggio del 21 novembre 2018). Trova sufficiente la documentazione del pensiero di Papa Francesco o vuole che continui con altre citazioni? Sono tante, sa.

giangar

Mar, 01/12/2020 - 17:43

@newman - Va bene, ammetto che la mia affermazione sui richiedenti asilo in maggioranza cristiani, contenuta nel mio post del 29/11/2020 13:42 non fosse documentata. Tenga però presente che rispondevo la post di un altro lettore che il 29/11/2020 13:34 affermava che tutti i clandestini fossero musulmani, notizia altrettanto non documentata. E lei è disposto a riconoscere che la notizia del Papa che bacia le scarpe ai somali musulmani è completamente inventata? Le consiglio di leggere per intero il discorso tenuto dal Papa prima di quel famoso gesto, vedrà quanta profondità e passione per la pace!

giangar

Mar, 01/12/2020 - 17:52

@gedeone@libero.it - Vede, discutere con chi controbatte ed argomenta è un piacere ed anche un arricchimento, ma con chi si limita ad insulti e frasi senza senso è solo una perdita di tempo.

newman

Mar, 01/12/2020 - 17:58

@giangar Sono citazioni di carattere generale che purtroppo lasciano il tempo che trovano. Gli autori e gli stati colpevoli di discriminazione, odio e soppressione dei cristiani nei loro territori, non sono mai chiamati per nome da Sua Santitá. Non ci sono appelli concreti alle istituzioni internazionali ed europee da parte del papa invitandoli ad agire per fermare tale discriminazione. Per i media, che tanto amano Sua Santitá, tali fatti non fanno notizia. Il Vaticano, poi, tanto solerte nell'organizzare convegni e giornate di studio su questo o quel tema, non muove dito per organizzare un convegno internazionale sulla persecuzione dei cristiani nel mondo - tema cruciale per la chiesa oggi. Basterebbe che il pontefice esprimesse un desiderio in tal senso e l'apparato si muoverebbe immediatamente. L'opinione pubblica moderna vuole concretezza, sia dei fatti accaduti che dei colpevoli. Il pontefice offre pie generalitá e significativi, deplorevoli silenzi.

giangar

Mar, 01/12/2020 - 19:21

@newman - (1) Beh, però non mi può spostare continuamente il discorso. Nel post precedente mi diceva: "Che il papa parlasse "molto delicatamente" non solo degli uiguri ma anche dei cristiani perseguitati...ma non lo fá.". Le ho citato una piccola parte delle frasi molto delicate da lui pronunciate e lei mi dice che sono generiche e che il Papa non organizza giornate di studio ed appelli alle organizzazioni internazionali ed etichetta frasi così esplicite come "deplorevoli silenzi". Guardi che la diplomazia vaticana si muove con discrezione, sempre con l'obbiettivo di non determinare, con prese di posizione in cui si fanno accuse con nome e cognome, ritorsioni contro i cristiani . Tipico l'esempio di Asia Bibi, dove, per ogni intervento esplicito, scoppiavano in Pakistan richieste per una esecuzione immediata. Poi Asia Bibi è stata salvata.

giangar

Mar, 01/12/2020 - 19:36

@newman - (2) Potrei citarle varie "giornate di preghiera per i cristiani perseguitati" organizzate in Italia. Il fatto che non facciano notizia e ne parli magari solo Avvenire, non è colpa del Papa. Veda, la stampa laica amplifica solo quegli interventi del Papa che possono contribuire a distorcere e mistificare le sue posizioni. Guardi poi che l'Associazione Aiuto alla Chiesa che soffre, che denuncia nei suoi rapporti periodici le persecuzioni ai cristiani con cui il Giornale riempie i suoi articoli, oltre a fornire aiuti concreti ai cristiani ed alle loro famiglie, è una fondazione Pontificia, sostenuta anche con i fondi dell'8 x mille. Ci sono tanti modi per sostenere una causa, non solo le denunce pubbliche e violente, che sicuramente raccolgono audience e danno soddisfazione, ma rischiano di peggiorare la situazione.

gedeone@libero.it

Mer, 02/12/2020 - 16:56

Vede giangiar, lei per me vende solo fumo. Però la sua cortina fumogena una cortina fumogena non annebbia la mia vista.

giangar

Mer, 02/12/2020 - 18:17

@gedeone@libero.it - Aridaje col fumo! Ma perché non argomenta le sue posizioni, spiegando qual è il fumo che io cercherei di vendere? Se per lei esporre le proprie idee, senza avere la pretesa di convincere nessuno, significa vendere fumo... Finora mi ha solo insultato e continua a farlo da tre giorni: mi ha dato del fasciostelluto (che significa?), mi ha detto che dico ca...te e che vendo fumo, ma nessun argomento.