Cronache

Daniela Martani perde il lavoro: "Mi hanno lasciato a casa per le mie posizioni sul Covid"

Daniela Martani non lavorerà più a Radio Kiss Kiss: dopo tre anni non le sarebbe stato rinnovato il contratto per le sue posizioni sul Covid, da molti considerate negazioniste, ma l'emittente ha negato che il motivo sia quello indicato dall'ex gieffina

Daniela Martani perde il lavoro: "Mi hanno lasciato a casa per le mie posizioni sul Covid"

Ancora una polemica social per Daniela Martani, che su Twitter ha annunciato di non lavorare più per Radio Kiss Kiss. Dopo diversi anni di collaborazione, infatti, l'ex concorrente del Grande Fratello, pasionaria dell'Alitalia, e oggi attivista su più fronti, dichiara di essere stata esclusa dall'emittente per le sue posizioni in merito al Covid.

La denuncia di Daniela Martani arriva da Twitter, dove la 47enne è molto attiva con le sue battaglie. L'ex gieffina ha dichiarato pubblicamente che Radio Kiss Kiss non le ha rinnovato il contratto in virtù di quelle che al giorno d'oggi vengono rienute "posizioni negazioniste" sull'epidemia in corso. Un post polemico per Daniela Martani, che in poche ore è diventato virale e ha attirato l'attenzione anche di personaggi di spicco del mondo politico e del pensiero liberale, contrari a quanto deciso dall'emittente. "Come effetto delle mie posizioni ed esternazioni non allineate e conformi a quelle circolanti sui media alla narrazione attuale sul #Coronavirus, si interrompe, dopo 3 anni, la mia collaborazione con #RadioKissKiss nel programma #PippoPeloShow", accusa Daniela Martani.

La sua è una dichiarazione circostanziata e precisa. Per molti questo rappresenta una vera privazione della libertà di pensiero sancita costituzionalmente. Nelle ultime settimane, Daniela Martani ha fatto molto parlare di sé. In Sardegna ha impedito a un traghetto di partire dal porto de La Maddalena perché si è rifiutata di indossare la mascherina in auto durante il controllo dei biglietti al'imbarco. Ne è una una discussione con i marittimi che ha di fatto rallentato l'esecuzione di un servizio pubblico. Ha generato grande discussione in rete la presa di posizione dell'ex gieffina, che nemmeno davanti alla richiesta cortese e garbata di un lavoratore che avrebbe dovuto raggiungere il posto di lavoro si è ammorbidita.

Pochi giorni dopo sono state le sue dichiarazioni sul bonus di 600 euro a destare scalpore. In motli hanno fatto notare il comportamento contraddittorio della Martani, che ad aprile diceva di aver chiesto i 600 euro per necessità e 3 mesi dopo trascorreva le vacanze in Sardegna in alcune delle sue zone più raffinate. Ora, però, a essere compromesso è il suo lavoro in radio dopo ben 3 anni di servizio presso l'emittente. In uno sfogo successivo, Daniela Martani se la prende anche con il popolo di sinistra e pentastellato. "Incredibilmente quelli con l'hashtag #facciamorete che si definiscono #AntiFascista sono coloro che si rallegrano per la mia estromissione da #radiokisskiss per aver espresso opinioni personali sui social in merito alla dittatura sanitaria che stiamo vivendo in questo periodo", scrive la Martani, che in poche ore ha ricevuto numerose manifestazioni di solidarietà.

Poche ore dopo è arrivata la smentita delll'emittente al Corriere della sera tramite il direttore responsabile Walter De Maggio. "Nessuna telefonata.

Ho avallato la decisione dell'editore di non rinnovare un contratto scaduto. E non vi è alcuna correlazione con le opinioni personali Di alcuni episodi raccontati in rete non eravamo neppure a conoscenza", ha spiegato De Maggio.

Commenti