"Volevo lasciare la mia firma". E il 15enne canadese imbratta il Colosseo

Il ragazzino, in vacanza coi genitori nel nostro Paese, approfitta di una loro distrazione per lasciare la firma sul monumento capitolino

Ancora un episodio di vandalismo ai danni dei monumenti italiani, una cosa che ormai si registra con cadenza quotidiana, stavolta torna ad essere vittima il Colosseo a Roma.

Neanche un mese fa il nostro amato Anfiteatro Flavio era stato preso di mira da un turista brasiliano, un 17enne che proprio non aveva saputo resistere al desiderio di incidere sul travertino il proprio nome servendosi di una pietra acuminata.

Nel pomeriggio di ieri, stesso triste copione: stavolta però si tratta di un 15enne canadese, in vacanza a Roma assieme alla famiglia. Il ragazzino, sfuggendo al controllo dei genitori, avrebbe sfruttato l’occasione per imbrattare alcuni blocchi del celebre monumento con una matita nera che aveva nello zainetto. Troppo forte la tentazione di lasciare la sua firma, con tanti saluti al rispetto che sarebbe doveroso dinanzi ad un simile capolavoro del nostro glorioso passato.

Fortunatamente, una pattuglia di carabinieri della Compagnia Roma Centro si trovava sul posto ed ha colto in flagrante il giovane turista, che è stato fermato ed identificato. Per lui una informativa di reato per danneggiamento aggravato di beni monumentali consegnata al Tribunale per i minorenni presso la Procura della Repubblica.

Desiderava lasciare in Italia un ricordo di sé, invece proprio dall’Italia si porterà via come souvenir una meritata denuncia di cui dovrà rispondere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 04/08/2018 - 18:20

Temo che quella denuncia verrà usata come tovagliolo per pulirsi la bocca a cena,complici i genitori che solitamente sono dalla parte dei figli.

Cheyenne

Sab, 04/08/2018 - 19:15

solo in italia succedono queste cose che restano sempre impunite

titina

Sab, 04/08/2018 - 19:32

Non gli faranno niente, il ragazzino lo sa che l'Italia è il pese dei balocchi

Massimom

Sab, 04/08/2018 - 20:19

Chissà che paura quando riceverà gli avvisi del tribunale in Canada! In qualsiasi altro paese, una multa salata da pagare immediatamente da parte dei genitori, pena l'arresto, avrebbe sistemato le cose senza aggiungere altro lavoro ai tribunali già intasati.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 05/08/2018 - 10:36

che idiota ma non é il solo, molti virgulti nostrani e non fanno lo stesso ... che ci possiamo fare, sono cocchi di mamma ...