Sanremo, mini zona rossa nei giorni del Festival

Il governatore della Liguria firmerà un'ordinanza con nuove restrizioni per Ventimiglia e Sanremo che ricadono proprio nei giorni del Festival. E intanto Naomi Campbell ha dato forfait

Che sarebbe stato un Festival blindato lo si era capito sin dalla notizia dell'assenza del pubblico al teatro Ariston. Ora, però, la stretta anti Covid si fa più rigida con l'annuncio di nuove restrizioni a Sanremo e Ventimiglia fatto dal governatore della Liguria.

La regione è passata da zona gialla a zona arancione da pochi giorni, ma da mercoledì 24 febbraio fino al 5 marzo compresi Sanremo e Ventimiglia saranno inserite in una mini zona rossa. Una misura che limita ulteriormente le attività concesse. "La situazione nell'estremo ponente ligure continua a essere preoccupante - ha annunciato il presidente Giovanni Toti nel corso del consueto aggiornamento sull'emergenza coronavirus in Liguria - l'incidenza di diffusione del virus è il doppio rispetto al resto della regione. Per questo domani mattina firmerò un'ordinanza restrittiva per i comuni di Ventimiglia e Sanremo e i distretti sociosanitari 1 e 2 che sarà in vigore da mercoledì 24 febbraio a venerdì 5 marzo".

Una situazione in peggioramento che sembra risentire dell'aumento dei contagi in Costa Azzurra, dove si registra un'incidenza di casi decisamente elevata. In Asl 1 la curva si è innalzata già alla fine di gennaio, arrivando a superare, oggi, la soglia dei 3,5 casi per diecimila abitanti. Un'incidenza che ha costretto Toti a prendere provvedimenti: "Comporterà la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e, solo per Ventimiglia e comuni del distretto 1, divieto di asporto dopo le 18 e anche di vendita di alcolici dalla stessa ora, per evitare ogni assembramento, e divieto di spostamento dai comuni di residenza. I sindaci avranno facoltà di vietare l'accesso ad alcune zone in giorni o fasce orarie considerati a rischio di eccessivo assembramento".

Il festival di Sanremo - che prenderà il via il 2 marzo - si annuncia dunque in zona rossa. Amadeus tiene botta ma è costretto a rinunciare al primo ospite internazionale. Naomi Campbell non ci sarà. Il direttore artistico Amadeus dovrà fare a meno della top model: "A causa delle nuove restrizioni Usa, che impongono la quarantena a chi arriva dai paesi Schengen e ai cittadini non americani, la signora Campbell non potrà essere presente alla prima serata del Festival di Sanremo. Sono state percorse molte ipotesi ma nessuna ha reso possibile il rientro negli Stati Uniti in tempo per le attività programmate da Naomi". Al suo posto ci sarà l'italianissima Matilda De Angelis, attrice e modella, la cui presenza era già stata annunciata nelle scorse settimane.

Niente pubblico in sala, niente curiosi e simpatizzanti fuori dal teatro e per le vie delle città, insomma. Ma gli organizzatori sono comunque pronti a dare a Sanremo la sua festa con la gente. Per questo Amadeus ha annunciato che un evento in grande stile potrebbe essere organizzato in estate per "risarcire" la città e rilanciare turismo e attività commerciali. Ci stanno lavorando da alcune settimane Amadeus insieme alla Rai e il conduttore ha incontrato oggi il sindaco della città Alberto Biancheri e le varie associazioni di categoria locali per valutare la fattibilità. L'idea è quella di uno spettacolo che possa essere organizzato a Sanremo tra giugno e luglio se la situazione emergenziale sarà in miglioramento.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 23/02/2021 - 11:40

Abolite quella BOIATA