La Sea Watch all'assalto, la nave di Carola Rackete torna in mare

La nave che a giugno era capitanata da Carola Rackete adesso è pronta a tornare in mare: ad annunciarlo su Twitter è stata la stessa Ong tedesca Sea Watch

Un video di 21 secondi dove si nota la prua della nave diretta verso l’uscita del porto ed un post che annuncia la ripresa delle attività oramai imminente.

È in questa maniera che su Twitter nelle scorse ore l’Ong tedesca Sea Watch ha annunciato il ritorno in mare della Sea Watch 3, la nave capitanata da Carola Rackete protagonista il 29 giugno scorso dello speronamento di una motovedetta della Guardia di Finanza all’imbocco del porto di Lampedusa.

Un fatto quello piuttosto eclatante, sotto il profilo sia mediatico che politico e che ha contraddistinto la stagione dello scontro tra l’allora governo gialloverde e le Ong impegnate nel Mediterraneo. Dopo quanto accaduto in quel mese di giugno, la nave è rimasta per diversi mesi sotto sequestro all’interno del porto di Licata.

Il tutto perché la procura di Agrigento ha aperto un fascicolo nei confronti di Carola Rackete, con l’indagine che è tutt’ora in corso e per la quale sono stati chiesti nei giorni scorsi ulteriori sei mesi di proroga.

La Sea Watch 3 è stata dissequestrata il 25 settembre, ma non ha potuto subito riprendere la via del mare in quanto sulla nave pendeva un fermo amministrativo. Un atto contro il quale i legali dell’Ong tedesca hanno fatto ricorso, accolto il 19 dicembre dalla sezione civile del tribunale di Palermo.

Da quel momento sono iniziate le fasi preparatorie per riportare la nave in mare: “Sea Watch 3 sta finalmente tornando nel Mediterraneo centrale – si legge nel tweet dell’Ong tedesca – I continui respingimenti in Libia e i ritardi nei soccorsi di Malta e Italia, a cui Moonbird quotidianamente assiste, dimostrano quanto sia urgente la nostra presenza in mare”.

Una dichiarazione dunque che lascia presagire un ritorno alla situazione in cui, nella scorsa primavera ed all’inizio della scorsa estate, la Sea Watch 3 era tra le navi Ong più attive nello specchio d’acqua in cui scorre inesorabile la rotta libica dell’immigrazione.

Una rotta che, in questo inizio di anno, ha fatto registrare numeri quasi da emergenza con aumenti di partenze verse l’Italia nell’ordine del 500% rispetto allo scorso anno. Il 2020 da questo punto di vista si è aperto in modo molto preoccupante: dal 1 gennaio ad oggi, sono approdati in Italia 1.935 migranti, a fronte dei 215 dello stesso periodo del 2019.

L’altra nave Ong ancora ferma al porto era la Mare Jonio di Mediterranea Saving Humans, ma il 5 febbraio scorso la sezione civile del Tribunale di Palermo ha proceduto al dissequestro del mezzo.

Commenti

paco51

Ven, 14/02/2020 - 19:12

avevo simpatia per i tedeschi, oggi per questi no!

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 14/02/2020 - 19:14

Piatto ricco mi ci ficco... il business fa gola.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 14/02/2020 - 19:16

E scommetto ch verrà in italia.

ItaliaSvegliati

Ven, 14/02/2020 - 19:22

I PDIOTI saranno contenti....

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 14/02/2020 - 19:30

altro giro altro carico di rumenta che lo sgoverno grullo pidiota attende ansiosamente evvaiiii!!!

giancristi

Ven, 14/02/2020 - 20:01

Sea Watch è una Ong tedesca. Portino i migranti in Germania. Noi non li vogliamo. Ne abbiamo le scatole piene di questa marmaglia.

Ritratto di Francesco_Albertoni

Francesco_Albertoni

Ven, 14/02/2020 - 20:25

"La Sea Watch all'assalto.." "la nave di Carola Rackete torna in mare" La notizia è questa : La nave della ONG Sea Watch, dissequestrata dal'autorità giudiziaria, torna a svolgere la sua missione, cioè salvare i naufraghi. E' tanto difficile attenersi ai fatti ?. Una volta riferiti i fatti, si possono fare tutti i commenti che si vuole. Come cittadino italiano che contribuisce al finanziamento ( due milioni annui se non sbaglio) di questa testata credo di aver diritto di chiederlo

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 14/02/2020 - 20:56

La nave della Rakkiona è pronta per portare il Coronavirus dall'Africa all'Italia.

nopolcorrect

Ven, 14/02/2020 - 21:36

Avanti verso l'africanizzazione dell'Italia!

nunavut

Ven, 14/02/2020 - 21:41

Senza l'eroica Admiralschiff (capitana) Rakette ?

Calmapiatta

Ven, 14/02/2020 - 22:17

Non è la nave della Rackete. La Rackete si palude delle vesti della salvatrice, disinteressata e filantropa....no, lei viene ben pagata per fare questo mestiere, per pilotare le nuove navi mestiere in mari europei.

roberto67

Ven, 14/02/2020 - 23:37

Non è stata requisita e affondata a suo tempo, adesso ce la dobbiamo tenere.

VittorioMar

Sab, 15/02/2020 - 08:22

....ora sono gli Equipaggi a fare attenzione a chi sale a bordo...il CORONAVIRUS E' letale....non esiste vaccino ancora.....

Albius50

Sab, 15/02/2020 - 08:44

La cara RAKETE in un futuro prossimo ci porterà un bel carico di CORONAVIRUS, la notizia che è arrivato in EGITTO incute grande paura.

Gio56

Sab, 15/02/2020 - 10:14

Francesco_Albertoni,giusto atteniamoci ai fatti,non le pare che questi il "naufragio"se lo vadano a cercare. Chissa perchè il "naufragio" avviene solo se nelle vicinaze c'è pronta una nave che poi li raccoglie. Lei pagherebbe (si parla di 2000-5000€)per salire su un gommone che dopo alcune miglie già sta affondando? Penso,che se anche lei fuggisse da una guerra o dalla miseria ci penserebbe 10 volte prima di fare una cosa del genere.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 15/02/2020 - 10:16

Francesco_Albertoni Ven, 14/02/2020 - 20:25,non mi risulta che il rdc regalatoti dai tuoi amichetti grulli.sia tassato!