Tassi zero e salvataggi: la corsa delle banche ad alzare i costi dei conti

La liquidità diventa un peso da far pagare ai clienti. E il fondo interbancario è un "bail in" mascherato

La grande crisi bancaria ha già visto cadere come birilli nove istituti, mandando in bilico anche Carige e Popolare di Bari. A pagare il prezzo di risoluzioni e salvataggi sono state anche le big del credito sane versando copiosi oboli ai vari fondi di sistema aperti come paracadute. Ma ora la tassa si riversa sui correntisti con l'aumento dei costi dei conti. E si fa ancora più salata nell'epoca dei tassi negativi, in cui gli istituti devono ricavare più commissioni da servizi per compensare l'erosione del margine netto da interessi. Nei conti correnti italiani sono depositati oltre 2mila miliardi: anche piccoli rincari possono portare a un incremento significativo dei ricavi. Quali banche hanno già alzato i prezzi e quali invece lo faranno nei prossimi mesi? Partiamo dalle big. L'ad di Unicredit, Jean Pierre Mustier, a ottobre ha detto che i tassi negativi saranno trasferiti solo ai depositi superiori al milione. Intesa si è mossa nel 2017 comunicando ai correntisti che dal primo agosto dello stesso anno lasciare fermi i propri soldi sul proprio conto corrente avrebbe avuto un costo anche per le opzioni a zero spese come Zerotondo. L'aumento però non è scattato per i clienti con una giacenza fino a 2mila euro. Per tutti gli altri, tra 2 e 10mila euro, i rincari vanno da 20 centesimi a 8,4 euro al mese. Da 2,4 a poco più di 100 euro l'anno.

Ubi per un conto corrente base con spese pari a 18,4 euro ha applicato un aumento di 16,3 euro sul costo gestione, allo stesso tempo per l'aumento delle spese per le singole operazioni passa da 0,50 a 0,60 euro. Bper da ottobre ha introdotto un fisso trimestrale di 3 euro mentre Mps è stata ferma, idem il Banco Bpm. Ma ciò non esclude possibili aumenti nel 2020. Come farà CheBanca! che dal primo gennaio porterà il canone annuo del conto Yellow da 24 a 36 euro. Cosi l'indicatore sintetico di costo annuo (Isc) per i giovani e i pensionati con bassa operatività passerà da 12 a 36 euro e per gli altri clienti da 36 a 60 euro. Ad annunciare una stangatina è anche Fineco: da febbraio 2020 introdurrà un costo di gestione pari a 3,95 euro al mese, azzerabile con bonus mensili legati a una serie di condizioni (chi ha un prestito, per esempio, non paga). Non avranno canone i minori di 28 anni e i nuovi correntisti per 12 mesi dall'apertura del conto. Il canone di 3,95 euro sarà esteso ai clienti di vecchia data che pagano 5,95 euro al mese. Considerando che Fineco ha 1,3 milioni di clienti e depositi a vista per circa 21 miliardi, gli analisti calcolano che l'aumento dovrebbe generare 65 milioni. Ad esempio applicando il potenziale aumento a 700 mila clienti, l'effetto in termini di maggiori ricavi è di circa 33 milioni.

Secondo gli ultimi dati di Bankitalia, nel 2018 la spesa per la gestione di un conto corrente è cresciuta complessivamente di 7,5 euro rispetto al 2017, quasi il 10%, attestandosi a 86,9 euro. Più aggiornati i conti di un'indagine di SosTariffe.it che ha confrontato tutti i costi sostenuti dai clienti a settembre 2019 con quelli di settembre 2018. Nell'ultimo anno i costi di gestione sono cresciuti del 32% e a guidare l'ondata di rincari sono le banche online (con un costo medio salito da 32,7 a 43,2 euro).

Molte banche si appellano ai contributi versati al Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fidt), che risarcisce il cliente su giacenze fino a 100 mila euro se un istituto fallisce, e al Fondo nazionale di risoluzione. L'Abi ha calcolato che l'impegno dei suoi associati, tra contributi ai vari fondi e al fondo Atlante, è stato di 12,2 miliardi tra il 2015 e il 2018. Escludendo dunque Carige e Pop Bari. Mettendo insieme i cuscinetti creati dalle altre banche scaricando una parte di questi oboli sui clienti (se solo Fineco incasserà dai rincari 65 milioni la cifra complessiva può superare il miliardo), il rischio sembra quello di ritrovarsi con una sorta di «bail in» mascherato.

Come può reagire il correntista? Se il conto è diventato troppo salato, può cambiare banca sfruttando la portabilità. Il trasferimento deve essere eseguito dal nuovo istituto entro 12 giorni lavorativi dalla data in cui viene fatta la richiesta. Se non sono rispettati i termini per il passaggio dei servizi di pagamento, la banca inadempiente deve risarcire il consumatore con una multa di 40 euro cui va aggiunta, per ciascun giorno di ritardo, un'ulteriore penale di importo variabile. In caso di contestazioni si può presentare un reclamo alla banca e, se la risposta non arriva entro 30 giorni o se non è soddisfacente, si può ricorrere all'Arbitro Bancario e Finanziario istituito da Bankitalia (il ricorso si fa online e costa 20 euro).

Commenti
Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 08/12/2019 - 08:55

In realta' l'aumento dei costi dei conti correnti e' l'applicazione ai medesimi dei tassi d'interesse negativi. Questi vengono mascherati al pubblico appunto con l'aumento dei costi per tenere i soldi sul conto, cioe' con una tassa. Per la stessa ragione, stanno conducendo una lotta serrata al contante, perché in regime di tassi negativi, se io invece di tenere i soldi sul conto li tolgo dalla banca e li nascondo in casa, alla fine dell'anno, con la stessa quantita' di moneta, avro' piu' denaro di quanto ne avrei avuto se li avessi lasciati in banca sotto tassi negativi.

titina

Dom, 08/12/2019 - 09:04

E' proprio una vergogna. già sul conto corrente ci sono 0 interessi, ci manca solo l'aumento. Però se le banche prestano i soldi vogliono gli interessi, il correntista in fondo presta i soldi a loro avendoli sul conto e deve pure pagare e con l'aumento.

Ernestinho

Dom, 08/12/2019 - 09:35

E la lotta al contante è solamente tutta una manovra pro-banche!

flip

Dom, 08/12/2019 - 09:43

se truccano i 'costi' (fasulli)? vuol dire che guadagnano troppo e quindi sono costrette a pagare 6troppe asse. meglio 'intascare' i 'costi' fasulli.

rokko

Dom, 08/12/2019 - 09:59

In un contesto di tassi negativi o nulli da lungo tempo, è inevitabile che sia così.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Dom, 08/12/2019 - 10:05

Grazie a un tecnicismo che si chiama riserva frazionaria, cioè ogni euro depositato in banca viene prestato fino a 7 volte, in altre parole ogni euro depositato crea altri 7 euro virtuali, le banche sono tutte virtualmente in bancarotta, poiché se ogni correntista volesse indietro il suo deposito nessuna banca avrebbe modo di soddisfare la richiesta. Questo è il motivo del voler impedire l'uso del contante. Quello che è proibito a ogni persona o azienda è permesso al sistema bancario, mettendo a rischio l'intero sistema economico. Questa truffa è stata architettata dal socialismo mondiale sulle basi teoriche farlocche di Keynes ed è destinata prima o poi a crollare e allora saranno problemi per il mondo intero.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 08/12/2019 - 10:14

ma ritirateli dalle banche e aprite un conto all estero.Ludovicus vero o tenerli in una cassetta di sicurezza.tener sul conto 1000 euro il resto in cassetta.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Dom, 08/12/2019 - 10:30

I soldi lasciati sul conto corrente per le banche sono un rischio enorme, non per i costi che gravano sulla gestione, cioè il mantenere un numero sul disco di un computer, ma perché quei soldi in realtà non ci sono, sono stati dati ad altri; il far pagare il conto corrente è un modo per fare entrare nuovi soldi veri nella banca. Di per se far pagare il servizio di custodia dei soldi non è eticamente sbagliato, la truffa bancaria consiste nell'appropriarsi dei nostri soldi e poi farli sparire! La riserva frazionaria è utile agli stati poiché, insieme al quantitative easing , crea inflazione cioè riduce il valore del denaro cosicchè i governi renderanno meno valore alla scadenza dei BOT.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 08/12/2019 - 10:58

Ora si deve solo tornare al contante e liberarsi dell'obbligo del Conto corrente. Che era una fregatura solo per lucrare e ingrassare Banche e Stato si sapeva ma ci illudevamo non fosse vero. Ora abbiamo certezze, dobbiamo riappropriarci dei nostri risparmi e decidere da soli cosa farne non essere "schiavi" del sistema bancario.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 08/12/2019 - 12:08

@franco-trier, il problema e' che la guerra al contante viene fatta tenendo conto precisamente di questo tipo di possibilita'. Pensa solo al fatto che adesso le banconote stesse (soprattutto gli euro, ma anche le sterline GBP e i dollari) vengono modificate e messe fuori corso molto piu' spesso di una volta, e soprattutto senza preavviso. Questo viene fatto per scoraggiare il pubblico a tenersi il denaro fisico, perché per esempio se metti il denaro contante oggi in cassetta di sicurezza, rischi che fra un anno ti ritrovi con carta straccia, nel momento in cui quelle banconote vengono messe fuori corso. Pensa solo alle banconote da 500Euro per esempio.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 08/12/2019 - 12:12

@franco: la soluzione al problema in questo momento sono i metalli preziosi (oro in testa) che puoi materialmente conservare in una cassetta di sicurezza senza il rischio che venga dichiarato "fuori corso" oppure le criptovalute. Queste ultime (Bitcoin) sono molto piu' sicure del deposito bancario.