Guerra in Ucraina

Droni sul Cremlino: sventato attacco contro Putin

Mosca ha fatto sapere che l’attacco, risalente alla scorsa notte, è stato respinto. Il presidente russo non è stato ferito e risulta illeso

Droni sul Cremlino: "Sventato attacco contro Putin"
Tabella dei contenuti

Due droni ucraini hanno cercato di colpire la residenza di Vladimir Putin al Cremlino. Il servizio stampa presidenziale ha fatto sapere che l’attacco, risalente alla scorsa notte, è stato sventato. Putin non è stato ferito e risulta illeso. Nel frattempo, sono comparse sui social russi le immagini delle esplosioni avvenute nel complesso situato nel cuore di Mosca. Nel video si vede una colonna di fumo bianca che si leva dagli edifici.

L’attacco sventato contro Putin

"Questa notte, il regime di Kiev ha tentato di colpire con veicoli aerei senza equipaggio la residenza del presidente della Federazione russa al Cremlino", si legge nella nota diramata dal Cremlino. Secondo il rapporto, i droni sono stati disattivati. Si sarebbe trattato di due veicoli aerei senza equipaggio ucraini puntati contro il Cremlino, che sarebbero stati neutralizzati dalla difesa di Mosca

"A seguito di azioni tempestive intraprese dai servizi militari e speciali che utilizzano sistemi radar, i dispositivi sono stati messi fuori uso. A seguito della loro caduta e della dispersione di frammenti sul territorio del Cremlino, non ci sono state vittime e danni materiali", ha specificato la nota.

Il Cremlino: "Un atto terroristico pianificato"

Il Cremlino ha definito l'accaduto come "un atto terroristico pianificato" e "un attentato alla vita del presidente della Federazione", compiuto alla vigilia del Giorno della Vittoria, la parata del 9 maggio, alla quale è prevista anche la presenza di ospiti stranieri.

Per quanto riguarda Putin, il programma dei suoi lavori non è cambiato e continua come al solito. "La parte russa si riserva il diritto di adottare misure di ritorsione dove e quando lo ritiene opportuno", ha concluso Mosca.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha spiegato che Vladimir Putin non era nel complesso al momento dell'attacco. Il presidente lavora infatti alla residenza di Novo Orarevo, alle porte di Mosca. Peskov ha chiarito che la parata del 9 maggio sulla Piazza Rossa per l'anniversario della vittoria sul nazismo si terrà come previsto.

"Un'altra minaccia dal Cremlino. All'inizio della guerra ha tentato varie volte di assassinate Volodymyr Zelensky e non ha detto nulla. Quanto possiamo credere alle informazioni russe in merito ai presunti attacchi con droni ucraini al Cremlino? Dopo anni di menzogne e provocazioni?", ha scritto su Twitter, dal canto suo,

html" data-ga4-click-event-target="internal">l'ex portavoce di Zelensky Iuliia Mendel.

Commenti