Immigrazione, a processo Viminale e Fiamme gialle: "Respingimenti violenti"

Ad agosto 75 immigrati intercettati al largo di Portopalo: riportati in Libia su una nave delle Fiamme Gialle. A processo il direttore Ps e un generale GdF. <strong><a href="/interni/maroni_non_ci_sta_tutto_regolare__piena_solidarieta_accusati/23-04-2010/articolo-id=439836-page=0-comments=1">Maroni: &quot;Fu tutto regolare&quot;</a></strong>

Siracusa - La procura di Siracusa ha disposto il giudizio per concorso in violenza privata del direttore della direzione centrale dell’immigrazione e della polizia delle Frontiere del ministero dell’Interno, Rodolfo Ronconi, e del generale della guardia di finanza Vincenzo Carrarini, in qualità di capo ufficio economia e sicurezza del terzo reparto operazioni del comando generale delle Fiamme Gialle. La richiesta riguarda il "respingimento" di 75 immigrati che tra il 29 e il 31 agosto del 2009 furono intercettati da unità navali della guardia di finanza al largo di Portopalo di Capo Passero e che furono riportati in Libia su una nave della Guardia di Finanza.

Prosciolti i militari La procura di Siracusa ha chiesto e ottenuto dal Gip il proscioglimento dei militari della Guardia di Finanza che intervennero sul posto "in considerazione del fatto che avevano operato per ordini superiori non manifestamente illegittimi". Il processo a Ronconi e al generale Carrarini si celebrerà davanti il tribunale di Siracusa, in composizione monocratica, che non ha ancora fissato la prima data dell’udienza.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.