Birmingham, calci in faccia alla 16enne che non indossa la mascherina

Il violento attacco è avvenuto su un bus. L’aggressore è stato poi assalito dall’autista e altri passeggeri che lo hanno picchiato a sangue

Purtroppo, in tempi di coronavirus può succedere anche di venire aggrediti se non si indossa la mascherina. È quello che è avvenuto a una ragazzina di 16 anni che si trovava su un bus a Birmingham, nel Regno Unito. A bordo dell’autobus è infatti scoppiata una violenta lite che ha visto coinvolti passeggeri e autista del mezzo. Tutto ha avuto inizio quando la 16enne, che non indossava la mascherina obbligatoria, è stata additata da due passeggeri. Soprattutto un uomo è stato particolarmente aggressivo nei confronti della giovane, apostrofandola prima con insulti e poco dopo sferrandole un calcio in piena faccia.

Niente mascherina e ragazzina viene pestata

Secondo varie testimonianze, l’uomo avrebbe prima investito la 16enne con parole pesanti e dopo, una volta accortosi che la ragazza non voleva assolutamente indossare la mascherina, sarebbe passato ai fatti. L’uomo ha precedentemente finto di dover scendere e, passandole vicino l’ha invece aggredita violentemente. Le ha infatti sferrato un calcio in pieno volto mentre si trovava seduta al suo posto. A quel punto, a intervenire per difendere la poveretta, ci hanno pensato sia i viaggiatori dell’autobus che il conducente stesso. Tutti si sono scagliati contro l’aggressore buttandolo a terra e assestando a loro volta un calcio in faccia all’uomo.

I casi in Italia

In Italia è successo invece il contrario. In qualche occasione sono stati i soggetti richiamati a seguire le regole anti-Covid a essersi ribellati nei confronti di cittadini e forze dell’ordine. Come nel caso di una signora che, lo scorso 8 settembre, era stata pestata a sangue da un extracomunitario solo per avergli chiesto di indossare la mascherina all'interno degli uffici del patronato Cgil di Foggia. In quel caso l’aggressore, un 36enne maliano, aveva sferrato un forte pugno in faccia alla donna, spaccandole il setto nasale. La vittima aveva avuto trenta giorni di prognosi con trauma cranico, naso rotto ed altre ecchimosi. L’uomo era stato arrestato.

A fine agosto vi erano stati invece diversi episodi di violenza sempre causati dal mancato uso delle protezioni. A Roma erano stati aggrediti anche degli agenti della municipale che avevano cercato di far rispettare la legge. Gli aggressori erano stati fermati e accusati di resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

roberto67

Mar, 06/10/2020 - 11:46

Il mancato uso della mascherina su un autobus è a tutti gli effetti un attacco fisico rivolto agli altri viaggiatori. Se qualcuno di questi reagisce in maniera altrettanto fisica non c'è da stupirsi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 06/10/2020 - 12:26

Mai che succeda in Italia che i passeggeri aggrediscono un aggressore, stanno lì a filmare senza intervenire ad aiutare magari un autista assalito da uno, che di solito è un clandestino.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 06/10/2020 - 12:45

do-ut-des, giusto il suo post, ma come dire, se vuole venire LEI a salvarci , prego venga pure e fermi tutte le risse sui treni,bus,vaporetti,strade che vedi in Italia. A volte tacer da grandi frutti. Saluti

roberto67

Mar, 06/10/2020 - 13:39

do-ut-des, l'aggressione è partita dalla ragazzina. Anche se la reazione del viaggiatore è stata esagerata io sono tra quelli che non avrebbero mosso un dito.

cabass

Mar, 06/10/2020 - 13:54

A me queste mascherine fanno schifo, un po' perché fanno respirare la propria dannosissima anidride carbonica, un po' perché i visi mascherati da cui traspaiono solo occhi impauriti mi mettono una certa inquietudine e tristezza. Poi, come in questo caso, ci si mettono i Guardiani della Rivoluzione Covidiana a menare chi non si adegua e il clima diventa tale e quale a quello a cui sono abituati a Teheran...

cabass

Mar, 06/10/2020 - 13:57

Peccato che non ci fossi anch'io su quel bus: avrei starnutito volentieri in faccia a quell'energumeno, lasciandogli la convinzione di aver preso chissà quale virus! Ma si può essere tanto vigliacchi da aggredire così una ragazzina???

caren

Mar, 06/10/2020 - 14:15

Quel "signore" sul bus, ha ragione. Nei luoghi chiusi e stretti come un autobus, la mascherina va messa. Però ci sono modi e modi di richiamare all'ordine una persona. Se il "signore", di fronte a lui avesse avuto un tipo modello Tyson, tanto per capirci, secondo me non avrebbe nemmeno fiatato.

Malacappa

Mar, 06/10/2020 - 14:16

In questo caso si doveva procedere a fermare l'autobus far scendere la tipa punto

ulio1974

Mar, 06/10/2020 - 14:25

sono confuso: bisogna usare i metodi forti con chi non indossa le mascherine, sì o no??

Ritratto di Piddiopentababbei

Piddiopentababbei

Mar, 06/10/2020 - 14:27

Tipico laburista, equivalente degli idioti piddioti-covidioti nostrani.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 06/10/2020 - 14:29

@98NARE, sì dimmi, dove sono, che vengo a prenderli. Avvisami! "prego venga pure",...che ragionamento! Hai capito che tutti i passeggeri sono intervenuti non uno solo? Qui hanno tutti paura. Anzi meglio dire, abbiamo tutti paura. Per forza se intervieni arrestano te non l'aggressore. Capisci la differenza? E non interessa se sei un civile o un militare, qui le risorse non te le fanno toccare. Comunque nell'articolo è altra storia.

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 06/10/2020 - 14:59

Roberto67, non dire corbellerie cosmiche. Non avere la mascherina e dare un calcio in pieno volto per te sarebbe la stessa cosa? Tu sicuramente sei un sinistrato del 67 si, 67 A.C.

ilcapitano1954

Mar, 06/10/2020 - 16:05

E' vero, in Italia siamo cosi, ci mettiamo sempre dalla parte del reo.

roberto67

Mar, 06/10/2020 - 16:47

@navajo, non ho mai detto che la reazione del viaggiatore fosse proporzionata all'offesa, mi pare di aver scritto l'esatto contrario. Ma l'offesa c'è stata, e non si può mai sapere come gli altri possono reagire: se la ragazzina è allergica alle mascherine vada a piedi o in bicicletta, non su un autobus.

trasparente

Mar, 06/10/2020 - 18:01

Il coronavirus è stressante e malefico che ci fa scaricare la frustrazione e rabbia sul prossimo. E il "terzo" gode.

Ritratto di Opera13

Opera13

Mar, 06/10/2020 - 18:35

Se gli altri portano la mascherina perche obbligare la ragazza ? E poi chi dice che I mascherati sannno utilizzare la mascherina e manterere l'igiene.

Ritratto di asimon

asimon

Mar, 06/10/2020 - 18:59

con la mascherina obbligatoria ci stanno mettendo sullo stesso piano delle donne musulmane che non è vero che lo fanno per libera scelta ma perchè sono guai a partire dai suoi stessi familiari, con la mascherina per noi a breve sarà la stessa cosa