Il contrordine dell'Europa sui migranti: "Difenderemo i confini esterni dell'Ue"

Passa la linea volta a non cedere al ricatto di Erdogan: "La situazione al confine esterno dell'Ue non è accettabile, gli Stati sono chiamati a proteggere efficacemente i confini esterni europei", si legge nel comunicato finale del consiglio degli esteri dei 27

Il contrordine dell'Europa sui migranti: "Difenderemo i confini esterni dell'Ue"

"La situazione al confine esterno dell'Ue non è accettabile. L'Ue e i suoi Stati membri restano determinati a proteggere efficacemente i confini esterni europei”: sembrano parole di leader di governo o di partiti considerati “sovranisti”, al contrario si tratta della dichiarazione congiunta dei ministri degli esteri dell’Ue.

A Zagabria, dove si è tenuto il consiglio dei ministri degli esteri dei 27, è dunque arrivato il contrordine sul fronte dei migranti: per il momento, nessun altro miliardo da erogare ad Erdogan per mantenere i profughi in Turchia, al contrario l’obiettivo sembra quello di evitare che dai confini esterni dell’Unione transiti una nuova massiccia ondata di profughi.

I ministri degli esteri europei si sono riuniti nella capitale croata dove, al primo punto all’ordine del giorno, vi era per l’appunto la crisi innescata dalle dichiarazioni di Erdogan di venerdì scorso. In quell’occasione, il presidente turco ha lasciato sostanzialmente via libera di raggiungere il confine con la Grecia a tutti i migranti presenti nel suo paese. Il tutto come ritorsione per il mancato appoggio dell’Ue nei confronti della Turchia a riguardo della battaglia in corso ad Idlib.

Da allora, lungo i confini greci e turchi sono iniziati giorni contraddistinti da tensioni e tentativi di fuga verso il territorio comunitario da parte di migliaia di migranti. Le misure prese da Atene per il momento hanno contenuto gli ingressi regolari, il governo ellenico ha schierato ingenti forze sia lungo le frontiere terrestri che marittime.

L’Europa però considera critica la situazione e, nei giorni scorsi, a livello diplomatico si era diffusa l’ipotesi di nuove contrattazioni con Ankara per provare a dirimere la questione. Era stato lo stesso Erdogan ad annunciarlo: “L’Ue mi aveva sottovalutato – ha dichiarato il presidente turco lunedì – Da quando ho riaperto i confini adesso i telefoni sono tornati a squillare”.

Tuttavia, la linea adesso emersa da Zagabria appare quella della difesa dei confini esterni. Un dietrofront per l’appunto, confermato anche da un comunicato diffuso al termine della riunione dei ministri degli esteri: “Gli attraversamenti illegali non saranno tollerati – si legge nel testo – A questo proposito, l'Ue e i suoi Stati membri prenderanno tutte le misure necessarie, in accordo con la legge dell'Ue e internazionale”.

“I migranti – si legge ancora nella nota – non dovrebbero essere incoraggiati a tentare di attraversare illegalmente il confine via terra o mare. Il Consiglio chiede al governo turco e a tutti gli attori e organizzazioni sul terreno di trasmettere questo messaggio e di contrastare la divulgazione di false informazioni”.

Dunque, stop agli attraversamenti e difesa delle frontiere: una linea che sembrerebbe essere stata spinta dalle rimostranze di diversi paesi circa l’ipotesi di continuare il dialogo con la Turchia. La stessa Grecia, in prima linea nel provare a difendere i confini, ha fatto sapere di non essere nella possibilità di accettare il passaggio e l’arrivo di migliaia di migranti.

Anche da Vienna nelle scorse ore il cancelliere Sebastian Kurz aveva sferzato l’Europa sulla questione: “O si difendono i confini esterni – ha dichiarato il capo dell’esecutivo austriaco – Oppure si introdurranno quelli interni”.

Da Ankara intanto è nuovamente intervenuto lo stesso Erdogan, il quale ha ancora una volta lanciato sulla questione il guanto di sfida al vecchio continente: “Non è più tempo di parlare della questione dei confini – ha dichiarato il presidente turco di ritorno da Mosca – Oramai le frontiere sono aperte”.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti