Fate sport? I consigli da seguire per evitare amare sorprese

Praticare sport aiuta gli over 60 mantenersi in salute e in forma: l'allenamento deve avvenire però nel modo giusto e in sicurezza, per evitare brutte sorprese

Fate sport? I consigli da seguire per evitare amare sorprese

Praticare sport dopo i 60 anni è un'ottima abitudine. È risaputo, infatti, che l'attività fisica contribuisca a migliorare la qualità del nostro organismo, allungando l'aspettativa di vita. Tuttavia, durante la terza età è opportuno fare delle scelte ben ponderate sulle tipologie e modalità di allenamento in cui cimentarsi. Ecco perché è importante che gli atleti senior prendano in considerazione alcuni consigli.

Perché è importante fare sport dopo i 60

Come ben sappiamo, l'invecchiamento è un processo regolato dalla genetica, ma uno stile di vita sano e equilibrato può rallentarne la progressione.

Dopo i 60 anni, vi è una riduzione graduale del tono muscolare e della resistenza aticolatoria. Ma con un programma di allenamento mirato, il rischio di insorgenza delle patologie a carico delle strutture ossee e dei tessuti muscolari si riducono notevolmente. Pertanto, oltre a garantirci una forma fisica invidiabile, praticare sport regolarmente ci aiuta a:

  • Ridurre l’incidenza di malattie croniche;
  • Migliorare la qualità della vita rendendoci più resistenti e prestanti;
  • Limitare lo stress;
  • Ottimizzare le capacità cognitive;
  • Produrre serotonina (l'ormone della felicità).

Quali sono gli sport più adatti?

Sfatiamo subito un mito: non c'è alcuno sport in cui gli over 60 non possano cimentarsi. Tuttavia un'attività fisica funzionale, che riesca cioè a mantervi in salute e in forma, è sicuramente la scelta più consona per un atleta senior.

Un allenamento ottimale potrebbe essere quello di alternare esercizi cardio a sedute con i pesi al fine di migliorare, oltre alla capacità di resistenza, anche la tonicità muscolare. Attenzione, però, a non sottoporre le strutture corporee (l'apparato muscolo-scheletrico, ad esempio) ad eccessivo stress. Dopo una certa età, i tempi di recupero da eventuali infortuni - fosse anche la classica contrattura muscolare - si allungano.

La corsa è sicuramente un toccasana per la salute ma, se la postura non è corretta, può diventare dannosa per caviglie e ginocchia. Lo stesso si dica anche per il nuoto in cui persino la scelta dello stile può fare la differenza. Dunque, il consiglio è quello di aver un approccio graduale e moderato a qualunque tipo di disciplina sportiva abbiate scelto.

Cosa fare per evitare brutte sorprese

L'atleta senior, come abbiamo già detto, è maggiormente esposto al rischio infortuni. Pertanto è fondamentale evitare il sovraccarico muscolare o l'esecuzione scorretta di alcuni esercizi. Di seguito, alcuni suggerimenti per praticare sport in totale sicurezza. Ecco cosa fare:

  • Eseguire qualche esercizio di riscaldamento muscolare prima di una attività fisica: una buona mobilizzazione del busto e degli arti inferiori favorisce la lubrificazione delle articolazioni;
  • Aumentare gradualmente i battiti cardiaci: è bene prendersi 5 minuti prima di correre, dove si cammina aumentando gradualmente la velocità. Il tutto facedo respiri molto profondi;
  • Usare un cardiofrequenzimetro per mantenere l'attività cardiaca sempre sotto controllo;
  • Utilizzate sempre un abbigliamento tecnico, specie se vi esponete ad agenti atmosferici;
  • Fare soft streching alla fine di una seduta;
  • Bere molta acqua per reintegrare i liquidi persi.

Per tutto il resto, non deve mancare mai un po' di sano e rigenerante divertimento.