A scuola dal maggiordomo per imparare la dolce ospitalità

Nasce il circuito «Sweet Hospitality» by Nestlé Professional dove i clienti possono trovare il massimo dell'ospitalità

Albergatori e ristoratori a lezione dal maggiordomo, o come preferisce farsi chiamare adesso direttore di casa, per imparare come 'coccolare' la propria clientela. Tutto ciò per entrare a far parte dell'esclusivo circuito della "Sweet Hospitality" by Nestlé Professional, dove per accedervi non basta essere segnalati, come avviene con le "solite" guide, ma bisogna frequentare, anche se gratuitamente, un vero e proprio master su Internet. Un circuito "meritocratico" a tutti gli effetti, con tanto di esame finale, e dove si potranno apprendere tutti i segreti, anche quelli più banali, per accogliere e offrire la più dolce dell'ospitalita' alla clientela di un albergo o di un ristorante. Secondo i dati di una ricerca ben sette italiani su dieci motivano la scelta di un ristorante o un albergo alla qualita' dell'ospitalita'. A scendere in campo per 'insegnare' l'arte dell'ospitalita' a gestori di hotel e ristoranti e' un pool di professionisti, capitanati dal maggiordomo, quali esperti di organizzazione aziendale, di psicologia, bon ton, gestione aziendale.
Per aderire al circuito di Nestlé Professional, leader per il mercato dell'Out of Home e del Food service, e' semplice. Basta collegarsi al sito www.sweethospitality.it, e partecipare a 5 serie di lezioni tenute da esperti del calibro di Marina Puricelli, docente di organizzazione e gestione del personale presso la SDA Bocconi; Fabiana Gatti, docente di psicologia presso l'Universita' Cattolica di Milano; Barbara Ronchi della Rocca, famosa scrittrice e consulente esperta di bon ton, a Giovanni Lodigiani, maggiordomo, direttore di casa e consulente a livello internazionale delle più prestigiose e super stellate catene di hotel .
"Grazie al progetto Sweet Hospitality - spiega Federica Braghi, Marketing Manager Nestlé Professional - vogliamo fornire alla miriade di operatori del mondo dell'ospitalita' uno strumento professionale di grande prestigio e utilita'. Oggi da molte ricerche emerge che i clienti/consumatori vogliono sempre più essere coccolati, ovvero ricevere l'attenzione che meritano. Da qui l'idea di costruire un vero e proprio circuito in cui ad essere premiato e' il servizio e l'accoglienza. Abbiamo voluto a tutti i costi premiare la cortesia, la disponibilita', la cura dei particolari, il calore, insomma, in una parola l'ospitalita'".
Per attirare i clienti le ricerche dicono che non bastano piatti sofisticati e la citazione su guide stellate: a fare la differenza e' la giusta atmosfera, risultato di più elementi che combinati insieme ricreano la più dolce delle ospitalita'. Una perfetta accoglienza si compone infatti di diversi fattori, che vanno dall'uso accorto dei colori per ricreare una stanza capace di suscitare emozioni particolari, al giusto modo con cui un cameriere si rivolge al cliente al tavolo. Saranno le lezioni di Fabiana Gatti a svelare i segreti per poter ricreare la giusta sintonia con semplici e pratici accorgimenti, fatti di gesti e modi di porsi, da utilizzare con misura anche al posto della normale comunicazione verbale. E se una cena di classe non può esimersi dall'avere commensali eleganti, anche la tavola deve essere all'altezza della situazione: l'esperienza di Barbara Ronchi della Rocca e' messa a disposizione di albergatori e ristoratori per impartire speciali lezioni sulle principali regole in modo da preparare ed apparecchiare la tavola con originalita' e pregio.
E poiché una perfetta accoglienza passa anche da una perfetta organizzazione della sala, Marina Puricelli impartira' essenziali nozioni di organizzazione e gestione del personale nel settore della ristorazione, con cui differenziarsi dalla concorrenza e guadagnare in efficienza.
E per carpire i segreti della migliore tradizione millenaria inglese dell'arte del servizio, il maggiordomo Giovanni Lodigiani, membro delle più importanti e rinomate associazioni internazionali di categoria come gli americani "International Institute of Modern Butlers" e l' "International Association of Private Service Professionals", dopo aver trasmesso le sue conoscenze durante l'insegnamento alla "School of Business and Economics" dell'Universita' di Exeter, in Gran Bretagna e tenuto conferenze nei più importanti hotel stellati del mondo, tra cui l'Hotel Principe di Savoia di Milano, trasmettera' l'essenza del servizio superiore della tradizione millenaria inglese. Grazie ai suoi insegnamenti qualsiasi cena diventera' un evento di classe, capaci di regalare un'esperienza unica ed indimenticabile, in cui l'ospite verra' accolto con discrezione e attenzione al dettaglio.
Poiché anche l'occhio vuole la sua parte, non bisogna però trascurare neppure la presentazione dei piatti: l'estro creativo dello chef Marco Vinci, responsabile dello Spazio Culinario (centro di ricerca e sviluppo nonché struttura tecnico-dimostrativa di Nestlé Professional) trasmettera' dei semplici suggerimenti su come presentare il frutto dello loro fatica tra i fornelli, nel più fantasioso dei modi.
Dopo aver seguito le lezioni e scoperto i segreti della più dolce delle ospitalita', gli operatori entreranno a far parte di un gruppo esclusivo circuito di ristoranti e, per riprendersi dopo le 'fatiche' in cucina, Nestlé Professional regalera' un soggiorno di tre giorni in un posto da favola per un meritato relax.

Commenti