TV

Le nuove indagini (e i vecchi tormenti) del Commissario Riccardi tornano in tv

Lino Guanciale è di nuovo Il Commissario Ricciardi nell'omonima serie tv di Rai Uno che torna a raccontare Napoli e l'Italia durante gli anni '30

Le nuove indagini (e i vecchi tormenti) del Commissario Riccardi tornano in tv

È stata una tra le fiction italiane di maggior successo di Rai Uno della passata stagione. Una delle poche che ha unito l’indagine poliziesca a un affresco molto sincero dell’Italia degli anni ’30 durante il regime fascista. Era il 2021 e in tv è esploso il mito de Il Commissario Ricciardi. La prima stagione – composta da 6 prime serate – è arrivata a sfiorare i 5 milioni di telespettatori. Un successo che, inevitabilmente, ha convinto i vertici a confermare la fiction per un altro ciclo di episodi. Dopo quasi due anni di attesa, e dopo che le riprese si sono svolte durante la primavera e l’estate del 2022 tra Napoli, Caserta e Santa Maria Capua Vetere, l Commissario Riccardi è pronto a tornare in tv. I nuovi episodi – 4 da cento minuti ciascuno – arrivano in prima serata, sempre su Rai Uno, dal 6 marzo. In appena due mesi dall’inizio del nuovo anno, la grande fiction Rai non ha preso ancora un po' di respiro. Con il ciclone di Come Dio ci aiuti 7 ancora in tv, si aggiunge anche il ritorno di una serie molto amata dal pubblico.

Lino Guanciale, il "divo" della tv , torna a indossare i panni di Luigi Alfredo Ricciardi che di professione è commissario di polizia, il quale si muove in una Napoli crepuscolare tra crimini violenti e torbidi misteri. Lui è un uomo altrettanto misterioso che custodisce un segreto: ha il potere di percepire e di vedere i fantasmi rimasti intrappolati nel nostro mondo, soprattutto quelli che sono stati uccisi in maniera efferata. Un dono che ha ereditato dalla madre e che, in un certo qual modo, lo inibisce nel trovare una donna adatta a lui per paura di tramandare a un figlio il suo stesso potere. Ma, per il Commissario è impossibile non resistere al fascino di Erica – presenza fissa anche nella seconda stagione – donna bella e dannata che è tra le più corteggiate di Napoli. La nuova stagione - occhio agli spoiler – inizia con Ricciardi alle prese con un nuovo caso, quello sulla morte del conte Palmieri e di sua moglie, e nel mentre elabora il lutto per la morte di Rosa, la sua tata a cui era molto legato.

La fiction è ispirata a una lunga serie di romanzi scritti da Maurizio de Giovanni che sono editi da Enaudi Editore. I produttori non hanno seguito una particolare linea narrativa, anzi, prendono spunto da diversi libri per raccontare la storia di Ricciardi. In particolar modo, la seconda stagione è ispirata a ben 4 romanzi, pubblicati tra il 2011 e il 2017.

Commenti