Chiara Ferragni come Meghan Markle, direttrice per un giorno di "Grazia"

Chiara Ferragni è stata la direttrice ospite del nuovo numero di Grazia dedicato al potere e al talento femminile. L'influencer è protagonista anche della cover story di Grazia in Regno Unito, Germania, Olanda, Medio Oriente, Russia

Chiara Ferragni come Meghan Markle, direttrice per un giorno di "Grazia"

Chiara Ferragni è la protagonista indiscussa del nuovo numero della rivista Grazia. Dopo Meghan Markle, curatrice dell'edizione inglese di Vogue, oggi è la volta della Ferragni. L’influencer digitale più famosa al mondo è stata, infatti, scelta come direttore ospite per realizzare un’edizione all’insegna del potere e del talento femminile. La direttrice della rivista, Silvia Grilli, ha fortemente voluto Chiara Ferragni come co-direttrice del nuovo numero in edicola dove la moglie di Fedez compare non solo come cover girl, ma è anche protagonista dell’editoriale dedicato al suo documentario (Chiara Ferragni – Unposted in uscita il 4 settembre alla Mostra del Cinema di Venezia) e di alcuni servizi di moda e beauty. Nell’insolita veste di guest editor, Chiara Ferragni ha collaborato alla realizzazione del magazine, selezionando servizi e interviste, scegliendo foto e suggerendo tendenze.

"Da tempo Grazia da me diretto ha un legame speciale con le imprenditrici digitali – ha spiegato Silvia Grilli, direttrice di Grazia - Siamo stati i primi a lanciare una squadra di influencer quando l'establishment della moda non le aveva ancora valorizzate, e i primi a realizzare (insieme con The Blonde Salad di Chiara Ferragni) una mostra sulla rivoluzione che lo street style ha provocato nel mondo del fashion. Il mio legame con Chiara è consolidato da lunga data e quando, con l'occasione della presentazione a Venezia del film sulla sua vita, le ho chiesto di collaborare come direttrice invitata alla realizzazione di un numero speciale, lei ha accettato con entusiasmo".

Un numero, quello di Grazia in edicola il 29 agosto, che proietta il lettore nel mondo di Chiara Ferragni dalle sue passioni alla sua moda, dal suo impegno fino al film sulla sua vita con spunti e suggerimenti sui luoghi del cuore dell'influencer (tra Los Angeles, Milano, Parigi e Londra) e i trend in fatto di make up e moda.

Una collaborazione che non si è limitata solo all'Italia, visto che la co-direzione firmata Ferragni coinvolge anche altre cinque edizioni internazionali. "Quando Silvia Grilli, la stessa direttrice che per prima ha creduto in me e mi ha dedicato una copertina cinque anni fa, realizzando un mio sogno, mi ha proposto di fare la direttrice ospite per un numero, pensavo non ne sarei stata all'altezza. Abbiamo realizzato insieme questo numero per ricordare a tutti di seguire i propri sogni, anche e soprattutto andando contro i giudizi negativi degli altri. Per me è un nuovo sogno che si realizza", ha raccontato Chiara Ferragni. Tra i temi trattati nell'edizione speciale (da collezione, con oltre duecento pagine) ci sono i ritratti di donne speciali, fonte di ispirazione, come le interviste all'attrice Oprah Winfrey, la direttrice creativa di Dior, Maria Grazia Chiuri, l'astronauta Samantha Cristoforetti, la direttrice artistica di Givenchy Clare Waight Keller e l'attrice Margot Robbie. Ma anche lo speciale sul bullismo digitale, tema sul quale Silvia Grilli e Chiara Ferragni sono particolarmente impegnate.

Commenti