Junior Cally in terapia: "Sono alcolizzato. E col sesso..."

Il rapper romano ha detto addio ai suoi fan e ai social per curarsi in una clinica. Negli ultimi due anni il suo disturbo ossessivo compulsivo lo ha portato al tracollo: "Mi fermo prima che sia troppo tardi"

Junior Cally in terapia: "Sono alcolizzato. E col sesso..."

"Da sabato inizierò un percorso contro le dipendenze dove non potrò vedere nessuno che conosco, dove non potrò usare il telefono e dove ovviamente non potrò più bere". Junior Cally si ritira dalla scena musicale e per dire addio ai suoi fan ha scelto il modo più diretto e pubblico, i social network.

Il rapper - salito agli onori della cronaca per la sua partecipazione al festival di Sanremo 2020 - ha chiuso i suoi profili Instagram e Facebook per rinchiudersi in una clinica e iniziare la lunga e difficile riabilitazione per curarsi dall'alcolismo e dal disturbo ossessivo compulsivo (DOC) di cui soffre da anni.

Junior Cally, al secolo Antonio Signore, 29 anni, ha affidato al web l'ultimo messaggio per spiegare il suo addio alla scena pubblica: "Ho deciso di fermarmi prima che sia troppo tardi, ho scelto la vita e ho deciso di respirare e di pensare alla mia salute mentale e non". La partecipazione a Sanremo 2020 - con il brano "No grazie" - lo aveva fatto finire al centro delle polemiche per i suoi testi violenti e sessisti. Poi il lockdown e la fine della storia d'amore con la fidanzata - l'ex tronista Valentina Dallari - lo hanno fatto sprofondare in un incubo, come lo ha definito lui stesso: "Pensavo di essere forte e solido a sufficienza per superarla facilmente e invece no, a distanza di quasi due anni mi ritrovo ancora qui a leccarmi le ferite. Non sono invincibile".

Senza troppi giri di parole Junior Cally ha confessato ai suoi fan di essere dipendente dall'alcool e di soffrire da anni del disturbo ossessivo compulsivo. "Sono un alcolista e, come già sapete, soffro da anni di DOC - ha scritto su Instagram il rapper - nei momenti più bui di questo ultimo periodo, dove il DOC tornava ad essere padrone della mia vita trovavo rifugio nel bicchiere, mi rendeva libero e mi disinibiva, mi dava la forza per fregarmene di tutto ed andare avanti". Dipendenze gravi alle quali si è aggiunta anche quella per il sesso, che per lui era diventato "una malattia, compulsivo, incontrollabile, irrefrenabile".

In accordo con lo psicologo che lo segue da tempo, Cally ha deciso di isolarsi dalla scena pubblica e di entrare in rehab per disintossicarsi: "Ho deciso di pensare a me e alla mia salute e ho deciso finalmente che era arrivato il momento di curarmi. Andrò in un posto dove mi auguro di poter trovare le forze di guardarmi dentro, un posto in cui vomitare tutte le mie paure per liberarmene una volta per tutte". Il rapper dunque è pronto a sparire per un periodo di tempo indefinito, non prima però di aver chiuso il suo ultimo album musicale, edito da Sony Music, che dovrebbe uscire a settembre.

Commenti