Serie A, accordo tra i club per il taglio degli stipendi ai calciatori

La riduzione sarà di un terzo se l’attività non riprende, di un sesto se invece la stagione verrà portata a termine. Ora vanno definiti gli accordi con i calciatori

L'assemblea della Lega Serie A ha approvato all'unanimità le linee guida sul taglio degli stipendi a calciatori, allenatori e tesserati.

Dopo la Juventus e il Monza di Berlusconi e Galliani, i primi club ha trovare un intesa sulla riduzione degli stipendi, la Lega di Serie A ha trovato un accordo sulla proposta comune da portare a calciatori e allenatori per la decurtazione dei propri compensi, che poi dovranno essere negoziati tra gli stessi e i club in maniera privata. L'accordo prevede il taglio di 2 o 4 mesi, sul modello di quello che ha già fatto la Juve con i propri tesserati.

La riduzione sarà dunque di un terzo della retribuzione totale annua lorda se non si riprenderà l'attività, e di un sesto se nei prossimi mesi si completerà la stagione. In pratica, secondo questa linea, i calciatori rinunceranno a quattro mensilità nel caso in cui la stagione non riprenda, a due in caso di ritorno in campo per completare il campionato 2019/20, che come spiegato nelle scorse ore dal presidente Gabriele Gravina potrebbe anche concludersi oltre settembre, ma comunque al massimo entro l'anno solare 2020. Un passo di sicuro importante anche se a questo punto, toccherà alle società definire gli accordi con i propri tesserati attraverso le negoziazioni tra le parti, che potrebbero essere non prive di difficoltà.

Il comunicato della Lega Serie A

"In linea con le azioni volte a diminuire il costo lavoro adottate a livello nazionale e internazionale, la Lega Serie A ha deliberato oggi, all’unanimità con esclusione della Juventus che ha già raggiunto un accordo coi propri giocatori, una comune linea di indirizzo per contenere l’importo rappresentato dagli emolumenti di calciatori, allenatori e tesserati delle prime squadre. Questo intervento, necessario per salvaguardare il futuro dell’intero sistema calcistico italiano, prevede una riduzione pari a 1/3 della retribuzione totale annua lorda (ovvero 4 mensilità medie onnicomprensive) nel caso non si possa riprendere l’attività sportiva, e una riduzione di 1/6 della retribuzione totale annua lorda (ovvero 2 mensilità medie onnicomprensive) qualora si possano disputare nei prossimi mesi le restanti partite della stagione 2019/2020. Resta inteso che i Club definiranno direttamente gli accordi con i propri tesserati".

Mentre sulla ripresa del campionato del campionato, il tema più caldo degli ultimi giorni, si legge nella nota: "E stata confermata la volontà di portare a termine la stagione e di tornare a giocare, senza correre rischi, solo quando le condizioni sanitarie e le decisioni governative lo consentiranno. L’Assemblea riunita oggi ha inoltre analizzato le raccomandazioni per la ripresa di gare e allenamenti delle varie discipline sportive prescritte dalla Federazione Medico Sportiva Italiana, alla luce dell’attuale situazione di emergenza sanitaria. A tal proposito entro fine settimana la Federcalcio emanerà le relative norme medico sanitarie''. Questo sarà il prossimo step, quello più importante da affrontare.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Lun, 06/04/2020 - 19:16

Solo al taglio degli stipendi della politica non si riesce mai a trovare un accordo, chissà perchè i sacrifici li debbono fare sempre gli altri.