Quei trucchi nascosti di iOS 16 da conoscere

iOS 16, il nuovo sistema operativo per iPhone rilasciato da Apple il 12 settembre, ha delle funzionalità “nascoste” che possono essere molto comode. Eccone alcune

Quei trucchi nascosti di iOS 16 da conoscere

Ci sono anche se non appaiono sempre immediate. Sono funzioni e funzionalità comode e pratiche in iOS 16 che i produttori, quando sviluppano i rispettivi sistemi operativi, omettono di elencare tra le principali innovazioni ma che, nonostante tutto, risultano comode per diverse persone.

Più in generale, iOS 16 ha introdotto migliorie in ogni comparto. Il sistema operativo può essere prelevato da chi dispone di un iPhone 8 o modello seguente selezionando Impostazioni / Aggiornamento software.

Vediamo alcune delle novità comode ma meno intuitive che iOS 16 offre ai propri utenti.

Fotografie e filtri

Sono state introdotte diverse novità. Cominciamo dalla possibilità di applicare filtri alle fotografie, per farlo è sufficiente selezionare un’immagine dall’app Foto e cliccare sulla scritta Modifica posta in alto a destra per avere accesso a filtri che permettono di cambiare i parametri di esposizione, di saturazione e di vividezza delle fotografie. Approntate le modifiche desiderate e premendo sul menù indicato con i tre puntini orizzontali che si può trovare in alto a destra, si possono applicare le modifiche fatte ad altre foto, scegliendo la voce Copia modifica e poi selezionando con un dito tutte le immagini a cui si vuole applicare il medesimo filtro.

Dallo stesso menù si può ripristinare la foto originale, annullando così le modifiche apportate e, in basso, ci sono due voci interessanti. La prima è Regola data e ora, mediante la quale si possono cambiare – come suggerisce il nome – i dati relativi al momento in cui la foto è stata scattata. La seconda voce è Regola posizione e permette di cambiare i metadati geografici che localizzano il luogo in cui la foto è stata scattata. Si tratta di due accorgimenti per la privacy e l’archiviazione di video e foto, in realtà già disponibili da iOS 15 ma ancora poco noti.

Rimanendo sempre nel comparto fotografico, si possono cancellare le immagini e i video duplicati. Per farlo è sufficiente aprire l’app Foto scorrere verso il basso e scegliere la voce Duplicati e poi premere sul bottone Unisci. Due novità di rilievo, pensate anche in questo caso per migliorare la privacy, riguardano le foto e i video nascosti e cancellati. Con iOS 16 si può accedervi soltanto mediante FaceID (il riconoscimento del volto), TouchID (il riconoscimento dell’impronta digitale) o password.

Messaggi e tastiera

iMessage è un servizio per lo scambio di messaggi, anche multimediali, pensato per chi possiede dispositivi Apple. iOS 16 introduce la possibilità di modificare un messaggio entro i 15 minuti successivi all’invio. Per farlo occorre premere sul messaggio e poi selezionare dal menù contestuale la voce Modifica, cambiare il messaggio e selezionare poi la spunta blu in alto a destra.

Un’altra novità, anche in questo caso acclamata dagli utenti al pari della possibilità di correggere i messaggi dopo il loro invio, riguarda la tastiera la quale – così come accade da tempo sui terminali dotati di Android – restituisce una breve vibrazione quando viene premuto un tasto. Funzione che si attiva selezionando Impostazioni / Suoni e feedback aptico / Feedback tastiera e attivando l’interruttore Feedback aptico.

Le notifiche

Prevale ancora la riservatezza degli utenti. Rimane sempre disponibile la possibilità di non mostrare notifiche ma, nel caso in cui non si potesse farne a meno, queste possono venire conteggiate senza ulteriori dettagli. Accedendo a Impostazioni / Notifiche si può scegliere se attivare il conteggio, che mostra sul display il numero di notifiche ricevute senza altri dettagli, oppure le già note modalità Raccolta (che sovrappone le notifiche una sull’altra) oppure Elenco che le mostra sul display separate in base all’applicazione che le ha generate.

Contatti

I contatti possono essere organizzati in elenchi, ovvero dei gruppi. Consultando la rubrica del gruppo appare il simbolo di una busta in alto a destra, scorciatoia che permette di inviare un’email a tutti i membri del gruppo nella cui scheda è memorizzato un indirizzo di posta elettronica.

Musica

iOS 16 offre la possibilità di ordinare le playlist secondo principi elementari. Se, in precedenza, erano elencate in ordine alfabetico ora, apprendo l’app Musica, selezionando l’area playlist e cliccando sul pulsante Ordina posto in alto a destra, gli elenchi musicali possono essere ordinati per titolo, per tipo o per ordine di ascolto, iniziando da quelli ascolti più di recente. La possibilità di ordinarli a mano secondo principi del tutto personali non c’è ancora.

Password (anche quella del Wi-fi)

Condividere la password del Wi-fi diventa semplice. Dal menù Impostazioni / Wi-fi, selezionare la “i” posta al fianco della rete a cui si è connessi o alla quale si è già stati connessi per selezionare poi la voce Password. Dopo il riconoscimento del volto o dell’impronta la password appare in chiaro e, cliccando sul bottone Copia, la si può condividere o utilizzare.

Rimanendo in tema di password e autenticazioni, succede spesso di trovarsi confrontati con i Captcha, sistemi pensati per evitare che i bot possano accedere alle risorse web che ne fanno uso. Si è quindi chiamati a ricopiare lettere spesso illeggibili o a selezionare, da un set di immagini, quelle che contengono un particolare indicato dal Captcha medesimo, come per esempio ponti, semafori o strisce pedonali. Accedendo al menù Impostazioni e quindi a ID Apple, basta cliccare su Password e sicurezza. Al resto pensa l’iPhone.

Email e promemoria

Si tratta di una funzione pratica e comoda. Usando l’app Mail e facendo scorrere verso destra un’email appare il bottone “Ricordamelo” e la possibilità di scegliere quando ricevere un promemoria. Un modo per non dimenticare di svolgere i compiti indicati in un’email o di rispondere a chi ha scritto.

Apple Pay

L’app Wallet porta in grembo due novità di rilievo. La prima è la possibilità di seguire lo stato delle ordinazioni pagate con Apple Pay e la seconda, indicata dall’evocativo nome Apple Pay Later, permette di dilazionare un pagamento in quattro rate lungo sei settimane. Entrambe possibilità non ancora giunte in Italia e delle quali potremo fare uso soltanto in futuro.

Chiudere una telefonata

Siri, l’assistente vocale di Apple, diventa più utile con il passare del tempo. Con iOS 16 può essere utilizzata per concludere una telefonata. Quando si hanno le mani occupate o si è concentrati su altro, basta dire “Ehi, Siri, riaggancia”.

Commenti