Ue, crolla il pil: -2,5% Bruxelles vara il piano contro la disoccupazione

Il pil di Eurolandia è crollato nei primi tre mesi dell’anno del 2,5%. Il dato peggiore riguarda la Germania (-3,8%). Male anche l'Italia che cede il 2,4. Barroso: "L'impatto sul lavoro è la nostra prima preoccupazione"

Ue, crolla il pil: -2,5% 
Bruxelles vara il piano 
contro la disoccupazione

Bruxelles - Il pil di Eurolandia è crollato nei primi tre mesi dell’anno del 2,5% rispetto all’ultimo trimestre 2008. Si tratta del calo più marcato dalla nascita della zona euro. L'Eurostat conferma così la stima flash del maggio scorso. Il dato peggiore riguarda la Germania (-3,8%), seguita da Austria e Olanda (-2,8%), Italia (-2,4%), Spagna (-1,9%), Belgio (-1,6%) e Francia (-1,2%). Nell’Ue-27 il calo è stato del 2,4%, col Regno Unito a -1,9%.

Piano anti-disoccupazione
Accelerare lo stanziamento di 19 miliardi di euro dei finanziamenti Ue programmati per sostenere l’occupazione nel periodo 2009-2010. Il presidente della Commissione Ue, Barroso, ha definito il Piano di ripresa sociale per l’emergenza occupazione. Questi i cardini: deroga di 2 anni alla regola del co-finanziamento per l’uso del Fondo europeo; destinare 100 mln per la creazione di un sistema di microcredito per le pmi; garantire almeno 5 milioni di contratti di apprendistato ai giovani. Barroso ha detto che bisogna affrontare l’emergenza occupazione con la stessa determinazione con cui si è affrontata la crisi finanziaria ed economica. Il piano è stato presentato oggi dall’esecutivo europeo e sarà portato sul tavolo del prossimo Consiglio dei capi di Stato e di governo dell’Ue. Nel testo della comunicazione si esortano gli Stati membri sia a ’favorire l’occupazione attraverso la formazione e il lavoro a tempo parzialè, sia a ’garantire un aiuto immediato ai disoccupatì. Ad esempio "con proposte finalizzate ad offrire tempestive opportunità di formazione o lavoro a ciascun disoccupato: entro un mese per i giovani di età inferiore ai 20 anni, entro due mesi per quelli sotto i 25 anni, entro tre mesi per quelli sopra i 25 anni". "L’impatto della crisi sul lavoro è la nostra principale preoccupazione", ha detto Barroso.

Un crollo da record Su base annua, nel primo trimestre 2009 il pil è diminuito del 4,8% nella zona euro e del 4,5% nell’Ue-27. Anche qui la performance peggiore tra i Paesi di Eurolandia è quella della Germania (-6,9%), seguita da Italia (-5,9%), Francia (-3,2%) e Spagna (-3,0%). A pesare di più sulla recessione della zona euro nei primi tre mesi dell’anno - sottolinea Eurostat - un calo dello 0,5% nella spesa delle famiglie per i consumi, ma sopratutto un calo del 4,2% degli investimenti, dell’8,1% dell’export e del 7,2% delle importazioni. Eurostat ricorda come nel primo trimestre 2009 il pil Usa è calato dell’1,5% mentre quello del Giappone del 4,0%.

Commenti

Grazie per il tuo commento