Venezia, filma ragazzine sotto la doccia: fermato

Un dirigente d'azienda, 50 anni, sorpreso mentre riprende con un vidofonino delle 17enni sotto la doccia in un maneggio di Portogruaro. Le ragazze lanciano l'allarme. L'uomo scappa, ma viene fermato dai carabinieri dopo un inseguimento in auto

Venezia - Un dirigente d'azienda di 50 anni, padovano, è stato arrestato dai carabinieri per pedopornografia, con l'accusa di aver filmato con un videofonino alcune minorenni che si facevano la doccia. Il fatto sarebbe avvenuto in un maneggio di Fossalta di Portogruaro (Venezia), l'Equipolis Tiziana scuderia Fg, che ieri aveva ospitato una prova ippica del 17esimo Campionato italiano di volteggio. L'uomo si era intrufolato nel bagno femminile al termine della premiazione, e qui con la fotocamera del telefono aveva ripreso le ragazzine che si lavavano sotto la doccia. Una di queste, vedendo un braccio spuntare dallo stipite della porta, ha dato l'allarme. L'uomo è scappato da una finestra, allontanandosi dal maneggio a bordo della sua auto.

Inseguimento Ma sulla base delle descrizioni delle giovani e dei genitori, che lo avevano riconosciuto come una delle persone viste prima tra il pubblico, una pattuglia dei carabinieri di Portogruaro, insieme ai militari della stazione di Villanova, ha bloccato l'individuo a Precenicco (Udine) e l'ha ricondotto al centro ippico. Il 50enne, R.R., dirigente di un'azienda industriale, ha tentato di negare, mostrando agli investigatori un vecchio cellulare senza videocamera. Un telefono però con un numero diverso da quello che aveva lasciato alla direzione del maneggio. Composto questo numero, i militari, dopo alcuni tentativi, hanno udito la suoneria provenire da un vaso di fiori posto vicino alle finestre degli spogliatoi. E' spuntato così il telefono con le immagini pornografiche scattate alle ragazzine, e il conseguente arresto dell'uomo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.