Le rivelazioni choc sulla caserma: ​"Maniaci, lì fanno sesso animale"

Francesca è una trans che frequentava la caserma dei Carabinieri di Piacenza e a Radio Capital ha svelato alcuni nuovi dettagli sulla vicenda

Le rivelazioni choc sulla caserma: ​"Maniaci, lì fanno sesso animale"

Sono emersi nuovi dettagli nel caso della caserma dei Carabinieri di Piacenza, posta sotto sequestro e ormai ribattezzata "caserma degli orrori". L'ultima in ordine di tempo a rilasciare la sua testimonianza pubblica è una trans, Francesca, che in un'intervista a Radio Capital ha raccontato la sua esperienza, con particolari agghiaccianti e nuove rivelazioni che potrebbero dar vita a un nuovo filone investigativo.

Stando alla sua ricostruzione dei fatti, il deus ex machina dei festini sarebbe il maresciallo Orlando, ora agli arresti, che avrebbe preteso la collaborazione della trans mediante ricatto: "Se non lavoravo per lui faceva in modo di incularmi, di mandarmi in Brasile". Ammette che nessuno le abbia mai chiesto di vendere droga ma ha dichiarato di essere stata picchiata nell'ambito di aggressioni sessuali di quelli che lei definisce "Maniaci del sesso, perché loro sono maiali era sesso a go-go, droga a go-go".Francesca a Radio Capital non usa mezze misure per descrivere l'atmosfera da lei percepita all'interno della caserma: "Era un puttanaio, almeno quattro volte abbiamo fatto feste con sesso e droga".

Pare che i carabinieri le chiedessero di fare sesso senza protezione, cosa che lei si sarebbe sempre rifiutata di fare essendo sieropositiva: "Sono tutti gay perché succhiano cazzi. Scopa fica, scopa culo, succhia cazzo, vuol dire che sono gay, però io ho usato sempre il mio guanto con loro, perché lo sapevo che questa bomba esplodeva, io sono andata in caserma 3 o 4 volte". Nella sua lunga intervista radiofonica, Francesca fa una rivelazione inedita sui possibili coinvolgimenti in questa turpe vicenda, che potrebbe allargare il campo delle indagini. Ai microfoni di Radio Capital, infatti, rivela che anche la Polizia di Stato sapeva, perché "Uno di loro veniva a casa mia e una volta sono andata a sporgere denuncia. Sono fatti che sono successi da tanto tempo a Piacenza, non solo con la caserma dei Carabinieri, ma anche la Questura".

Francesca ammette che da qualche tempo non si sono più verificati questi scenari con la Polizia ma ha dichiarato che in passato "Anche loro ne hanno combinate di tutti i colori". Francesca non ha mai voluto parlare prima d'ora, ma ora che i fatti di Piacenza sono venuti alla luce ha deciso di raccontare anche la sua esperienza: "Cosa devo fare? Mi devo ammazzare, mi suicido? È ora che mi sfogo e tiro fuori la lingua, è arrivato il momento".

Commenti

Grazie per il tuo commento