La Ocean Viking va a Pozzallo: i 274 migranti messi in quarantena

Il Viminale ha dato il via libera all'approdo di 274 migranti a bordo della Ocean Viking al porto di Pozzallo, la nave dell'Ong Sos Mediterranée già diretta verso lo scalo siciliano

La Ocean Viking va a Pozzallo: i 274 migranti messi in quarantena

Sull’immigrazione non c’è accordo nel governo ed al momento sembra difficile capire quando e come la maggioranza giallorossa metterà mano ai decreti sicurezza. Intanto però, da Roma sono arrivati altri via libera per gli sbarchi di navi delle Ong.

L’ultimo in ordine di tempo è di questa domenica e riguarda la nave Ocean Viking, dell’Ong francese Sos Mediterranée. Il mezzo già da alcuni giorni si trova nel tratto di mare in cui scorre inesorabile, e con sempre più intensità nelle ultime settimane, la rotta libica dell’immigrazione.

All’inizio della scorsa settimana, i membri dell’Ong francese, i quali a bordo della Ocean Viking operano assieme a Medici Senza Frontiere, hanno compiuto tre diverse operazioni di recupero di migranti nel giro di poche ore. La prima è avvenuta a 71 miglia più a nord della costa libica ed ha portato a bordo della nave 84 migranti, nella seconda invece ne sono stati recuperati 98.

L’ultima operazione è avvenuta a poche miglia dalla piattaforma Sabratha, con 92 persone salvate in condizioni definite dai membri della stessa Ong come “molto difficili”. In totale dunque, a bordo della Ocean Viking ci sono 274 migranti, 64 di questi sarebbero minorenni.

Adesso sono tutti diretti verso il porto di Pozzallo, lo stesso in cui già nei mesi scorsi la nave ha attraccato. Ad annunciarlo in questa domenica mattina, è stata la stessa Ong francese attraverso il proprio canale Twitter: “Sollievo a bordo della Ocean Viking questa mattina - si legge nel tweet – per le persone, soccorse nel Mediterraneo in 3 operazioni Sar questa settimana, nel sentire che l'Italia è stata assegnata come luogo sicuro: la nave si dirige a Pozzallo, Sicilia, per lo sbarco”.

Sos Mediterranée risulta l’Ong più attiva nel Mediterraneo a partire dallo scorso mese di settembre, da quando cioè si è insediato il governo Conte II guidato dalla maggioranza giallorossa, il quale ha mostrato una linea considerata più “morbida” sulle Ong rispetto all’esecutivo Conte I. La nave Ocean Viking è stata non a caso la prima ad ottenere il via libera ad uno sbarco lo scorso 14 settembre, quando il mezzo è approdato con 82 migranti a bordo a Lampedusa. L’ultima volta invece, Sos Mediterranée aveva portato in Italia 403 migranti, fatti sbarcare il 29 gennaio a Taranto.

Nelle scorse ore si è appreso, tramite una nota del ministero dell'Interno, che i migranti sbarcati dalla Ocean Viking verranno messi in quarantena: "Al fine di assicurare adeguate misure di prevenzione, i migranti saranno trattenuti in quarantena nell'hotspot della cittadina siciliana - si legge nella nota - Alle medesime finalità precauzionali, il personale della nave rimarrà isolato a bordo per tutto il periodo necessario. Le autorità competenti provvederanno agli accertamenti e alla sorveglianza sanitaria ritenuti indispensabili".

Oltre alla Ocean Viking, in mare c’è attualmente la Sea Watch 3. Quest’ultima, dell’Ong tedesca Sea Watch, ha a bordo 121 migranti recuperati nei giorni scorsi. Possibile a breve una nuova richiesta all’Italia per ottenere un porto sicuro.