Vaccino a dosi da cavallo, incubo Chernobyl e l'Inter: quindi, oggi...

Quindi, oggi...: il caos candidato sindaco a Roma, il boom di sbarchi e la SuperLega Juve senza Champions

Vaccino a dosi da cavallo, incubo Chernobyl e l'Inter: quindi, oggi...

- Roma di Eterno ormai ha solo l’attesa per capire quali saranno i candidati sindaci. Per ora la corsa mi pare tra lo zoppo e il cieco, con l’ormai logorato Calenda a fare da rimorchio

- Gualtieri si candida a sindaco di Roma. Conte appoggia “con tutto il M5S” la Raggi. E fortuna che ‘sti due partiti dovevano diventare alleati. Qui viene giù tutto. E i cocci da rimettere insieme sono già frantumati

- si sta risvegliando il reattore nucleare di Chernobyl. Il 2021 ci sta regalando delle gioie incontenibili. Che altro potrebbe succedere? Chessò: potrebbe cadere dal cielo un razzo cinese… ah no, già successo

- il caos sbarchi a Lampedusa (e le irritazioni cutanee che crea nella Lega) va visto con un occhio rivolto ad agosto. Quando scatterà il semestre bianco non ci sarà più la necessità per il Carroccio di stare al governo costi quel che costi. E per recuperare un po’ terreno perso in favore della Meloni, potrebbe sbattere la porta senza far cadere per forza SuperMario

- al liceo Manzoni di Milano, uno di quelli che raccoglie la creme de la creme meneghina, dopo mesi di Dad gli studenti hanno occupato l’istituto. Troppie verifiche e interrogazioni, dicono. Anzi: “pretendono” che in classe si “socializzi” e “il tempo non venga sprecato a mettere voti”. Sciocchi noi a pensare che la scuola servisse a trasmettere conoscenze e verificarne l’apprendimento. Se volete “socializzare” andate in un centro sociale. Tanto è okkupato pure quello

- a Carrara devono aver frainteso l’invito di Figliuolo a usare tutte le dosi disponibili. A una povera disgraziata invece di inoculare un misurino le hanno iniettato l’intero contenuto della fiala. Sei dosi one shot, come si fa coi cavalli. Ci manca solo che le facciano pure il richiamo

- avete mai assistito a un’intervista imbarazzante in tv? Ecco, guardatevi quella di Lucia Annunziata a Francesco Zambon, autore dell’ormai famoso report dell’Oms sull’Italia. Invece di fare domande all’ospite, via libera ad una difesa senza senso del ministro Speranza. Da brividi

- venti di guerra da Gerusalemme. E non è mai bello. Intanto alla finestra resta Erdogan, che ormai è come il prezzemolo: dove c’è un conflitto, lui ci sguazza

- negli Usa Anthony Fauci dice: “Improbabile nuova ondata in autunno”. C’aveva preso con l’arrivo della seconda (mentre altri prendevano cantonate cosmiche), dunque felicità. Speriamo ci becchi di nuovo

- la pensa diversamente invece la direttrice dell’Ema, che fa il ruolo del poliziotto cattivo. Vi sintetizzo l’intervista: “Non sappiamo ancora nulla”

- ma che sfiga è giocare nell’Inter? No, seriamente: di solito quando vinci il campionato arriva il premio vittoria. Ad Appiano Gentile invece il giorno dopo lo scudetto hanno deciso di tagliare due mensilità di stipendi. Era meglio arrivare secondi, forse

- non succederà, ma se succede… immaginatevi il promoter n°1 della SuperLega, Andrea Agnelli, escluso dalla Champions League da due squadre (Atalanta e Napoli) che non si era premurato di invitare. Direbbe un saggio: “Che figura di m…”

Commenti

Grazie per il tuo commento