Come avere il cellulare di Stato: ecco cosa fare

Il provvedimento è riservato alle famiglie con un reddito inferiore ai 20mila euro annui. Ma non tutti potranno usufruire del bonus. Ecco perché

Come avere il cellulare di Stato: ecco cosa fare

Un cellulare "in comodato d'uso" per un anno, connesso ad Internet e con l'abbonamento a due "organi di stampa, in pratica due giornali, e l'app Io: è il "kit digitalizzazione", una novità prevista da un emendamento alla Manovra contenuto nel pacchetto delle proposte riformulate, ed ancora in discussione, che saranno messe al voto in commissione Bilancio alla Camera.

Ufficialmente l'obiettivo di tale provvedimento è quello di spingere alla digitalizzazione delle fasce della popolazione più in difficoltà. I requisiti per ottenere il kit sono quattro: avere un reddito inferiore ai 20mila euro annui, non essere in possesso né di un contratto di connessione a internet né di uno inerente alla telefonia mobile e avere lo Spid, il sistema pubblico di identità digitale,"per il tramite di Poste italiane o di altri identity provider abilitati".

Tale agevolazione, però, sarà concessa ad un solo soggetto per nucleo familiare. Molti aventi diritto rischiano, così, di essere esclusi in quanto il finanziamento previsto per il 2021 è di 20 milioni di euro. Ciò significa che potrebbero essere distribuiti all’incirca 200mila telefonini quando la platea dei potenziali beneficiari si aggira attorno a due milioni di famiglie.

Prima della consegna, sul telefono sarà installata anche l’app Io della Pubblica amministrazione per poter partecipare al cashback, il programma ideato dall'esecutivo per premiare i cittadini che effettueranno gli acquisti usando strumenti elettronici, e ad altri incentivi, tra cui il bonus vacanze e la tanto discussa lotteria degli scontrini.

Soddisfazione per l’introduzione della novità è stata espressa dal, deputato del M5s della commissione Trasporti, Davide Serritella: "Nel corso dell'esame della Manovra in commissione Bilancio abbiamo approvato un emendamento per ridurre il divario digitale, garantendo ad un membro di ogni famiglia con Isee inferiore ai 20.000 euro, senza connessione internet e contratto di telefonia mobile, di ricevere in comodato d'uso un cellulare con abbonamento a due quotidiani online e l'app 'IO' della pubblica amministrazione. Per accedere al beneficio è richiesta l'identità digitale SPID, che si può ottenere facilmente attraverso Poste Italiane o un altro identity provider abilitato". L’esponente pentastellato ha spiegato che con tale bonus si compie “un altro passo verso l'Italia digitale, dopo il cashback e in attesa degli investimenti del Recovery Fund".

Commenti