L’anteprima Non fate gli snob, è un brano da ascoltare

Troppo facile sparare sul pianista. D’accordo, stavolta gli ingredienti sono ideali per i killer dalla stroncatura pronta. Al Festival di Sanremo, poi, si scatenano. Scriveranno: «Italia amore mio», che titolo retorico. Pupo? Ma si accontenti della tv, non si agiti tanto e pensi a «Gelato al cioccolato». Il principe Emanuele Filiberto? Un bellimbusto, che cosa c’entra qui tra signori cantanti?
I paragoni, poi: gettonatissimi quelli con «L’italiano» di Cutugno e «Italia» di Reitano. E via dicendo, nel più prevedibile di quei «j’accuse» festivalieri che hanno stecchito canzoni poi diventate best seller. L’unico intoccabile del trio è Luca Canonici, che ha una voce impeccabile, stentorea e colorata, un curriculum che avercene di così belli e in «Italia amore mio» non si prende sul serio neanche un po’. D’altronde il brano è una dichiarazione d’amore nella più pura tradizione del belcanto, senza orpelli ideologici, con qualche inevitabile retorica e con quell’orgoglio lieve di chi celebra la propria terra.
E poi c’è la struttura musicale.
Intanto non è per nulla banale, con un intreccio di voci e di partiture strumentali che sono più vicine all’operetta, o addirittura al melodramma, che alla tessitura tipicamente pop. Ciascuno dei tre interpreti fa il suo, senza sovrapporsi e, anzi, alternandosi con bel ritmo serrato. Il principe sussurra, niente più. Dice: «Io credo nella mia cultura, nella mia religione» senza l’ardire del canto e, tutto sommato, ha una parte pressoché recitata. Pupo (che l’anno scorso aveva un brano decisamente inferiore) è molto più grintoso, si insinua nell’alternanza con un piglio addirittura esagerato quasi volesse per forza staccarsi dal cliché in cui molti lo vogliono imprigionato. E il tenore fa il tenore, squillante come pochi e destinato a piacere a molti. Insomma, se ascoltato senza ingombranti pregiudizi, «Italia amore mio» è un brano che nella gioiosità dell’armonia racchiude il senso di una tradizione musicale da conservare, altro che stroncature.
PG

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.