"Combattenti dell'Isis pronti a colpire l'Europa"

L'allarme degli 007 olandesi

In Europa ci sarebbero tra i 60 e gli 80 combattenti dello Stato Islamico pronti a compiere un attentato in qualsiasi momento. A lanciare l'allarme, riporta Metro.co.uk, è il capo dell'antiterrorismo olandese, Dick Schoof, secondo cui gli aspiranti combattenti sono anche all'ascolto del "messaggio dell'Is che chiede loro di non andare in Siria o Iraq ma di preparare attacchi in Europa".

Si ritiene che il Califfato stia subendo perdite significative e battute d'arresto in seguito alle operazioni militari della coalizione a guida Usa per cacciare i militanti islamici dall'Iraq e dalla Siria e il numero di foreign fighters non è cresciuto. Tuttavia, ha avvertito Schoof, anche se i combattenti non stanno viaggiando, ciò non significa che "la potenziale minaccia di coloro che hanno viaggiato è diminuita". Quanto alla possibilità di un attacco nei Paesi Bassi, per il capo dell'antiterrorismo è da definirsi "reale". "Abbiamo avuto 294 combattenti terroristi che si sono recati all'estero, in Iraq e Siria, e ce ne sono ancora 190 laggiù. Quello che è successo in Francia, Bruxelles e Germania potrebbe accadere a noi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GabrieleD.97

Sab, 19/11/2016 - 18:12

Di tanto in tanto si tirano fuori notizie di questo genere citando sempre dati sensazionalistici oltre che totalmente infondati. Che cosa starebbero aspettando a colpire? E poi dove sarebbero? E perchè il numero è così incerto (da 60 a 80)? Allora non lo sanno neanche loro! Io non ci credo più a a questi allarmismi.

Martinico

Dom, 20/11/2016 - 10:19

GabrieleD.97 Hai perfettamente ragione. Isis è una fonte commerciale per tutti...Armaioli, politici, pompe funebri e giornalisti a iosa.