Mondo

Il divorzio, la malattia e gli intrighi di Palazzo: così vogliono far fuori Alberto

Non ci sarebbe solo la salute della principessa Charlene a turbare Alberto II, ma anche un presunto complotto ai danni del Principato di Monaco

Il divorzio, la malattia e gli intrighi di Palazzo: così vogliono far fuori Alberto

Il ritorno a casa della principessa Charlene, lo scorso 12 marzo, non ha placato le voci di un possibile divorzio da Alberto II. Anche sulla salute della principessa aleggia un fitto mistero, a cui si aggiunge un altro enigma, il sospetto di un intrigo di corte ai danni dei Grimaldi e del Principato di Monaco.

Dov’è la principessa Charlene?

“La convalescenza ha fatto prendere a [Charlene] consapevolezza che non vuole più tornare alla sua vecchia vita…si sente ormai abbastanza forte da imporre le proprie scelte e, così, ha posto una condizione: non vivere più a Palazzo, teatro di troppe delusioni”, ha scritto Voici lo scorso marzo. La principessa non vorrebbe più vivere a Palazzo e avrebbe fatto una proposta al marito: non chiederà il divorzio se lui le permetterà di vivere a Roc Agel, la dimora che il principe Ranieri acquistò nel 1957 per farne la residenza estiva della famiglia. Alberto II vorrebbe evitare a ogni costo lo scandalo di una separazione e, stando alle indiscrezioni, avrebbe già dato il suo assenso.

Ma come sta la principessa Charlene? Da quando è rientrata a casa nessuno l’ha vista. Non ci sono né foto, né video ufficiali. Almeno per ora. “…Visto che la guarigione è sulla buona strada [la principessa Charlene] proseguirà la sua convalescenza nel Principato…Le prossime settimane permetteranno alla Principessa di rimettersi ulteriormente in salute, prima di riprendere con gradualità i Suoi impegni ufficiali...”, ha chiarito un comunicato ufficiale dopo il rientro di Charlene. Forse la rivedremo per il Gran Premio di Formula1, che avrà luogo il 28 e il 29 maggio 2022, o il prossimo 5 giugno per la regata “Riviera Water Bike Challenge”.

Per il momento sul web circola solo un’immagine sfocata, catturata all’aeroporto di Nizza, di una donna che sta per salire sulla scaletta di un aereo privato, a quanto sembra diretto in Svizzera. Lo scatto è stato mostrato nel programma Royal Talk, sul canale tedesco Rtl. Per i giornali la donna misteriosa potrebbe essere proprio la principessa Charlene, sebbene appaia irriconoscibile. La scarsa qualità della foto, poi, non aiuta a identificarla con precisione, anzi, crea ulteriore confusione. La salute e il futuro della principessa non sarebbero gli unici problemi di Alberto II. Un complotto finanziario rischierebbe di minare la credibilità del principe, mettendo in pericolo il piccolo paradiso monegasco.

Veleni a corte

Nel Principato di Monaco sarebbe in corso una lotta per il potere senza esclusione di colpi. Tutto è iniziato da alcuni documenti, diventati famosi con il nome di “Dossier du Rocher”, pubblicati su un sito web e che rischiano di far scoppiare uno scandalo. I dossier prendono di mira 4 uomini di fiducia di Alberto II: Didier Linotte, presidente francese della Corte suprema monegasca, il commercialista e amministratore delle proprietà di Alberto II Claude Palmero, il capo di Gabinetto del Sovrano Laurent Anselmi e l’avvocato di Sua Altezza Serenissima Thierry Lacoste. I dirigenti, definiti “una sorta di G4 discreto e tentacolare” nei dossier, si sarebbero schierati contro Patrice Pastor, proprietario di prestigiose imprese immobiliari, alimentando una vera e propria faida d’élite.

Le Monde ha voluto indagare su questi presunti intrighi di corte in un’inchiesta giornalistica che scava proprio nel labirinto degli affari immobiliari del Principato di Monaco. I diretti interessati avrebbero già sporto querela, etichettando l’intera questione come “spazzatura”, secondo quanto riporta Affari Italiani. Il caso è comunque molto intricato, una battaglia tra milionari che si giocherebbe anche attraverso presunti sistemi per gonfiare il mercato immobiliare. Per ora, però, non ci sono prove, mentre le domande sono molte. Per esempio, chi e perché ha pubblicato i dossier? Per quale motivo lo ha fatto proprio ora?

Il principe Alberto, come riporta Le Monde, ha un’opinione molto precisa in merito: “Attaccando queste persone, è al Principato che si vuole arrivare, è una manovra di destabilizzazione”. Sua Altezza Serenissima sarebbe “in collera”, perché sia la questione della guerra immobiliare che il gossip sulla salute della moglie e su una possibile crisi matrimoniale farebbero parte di un complotto per minare la reputazione del Principato di Monaco. In questa prospettiva la diffusione dei dossier nello stesso periodo in cui sono così forti le voci su un presunto divorzio tra Charlene e Alberto sarebbe una strategia per colpire ripetutamente il principe e il suo Stato, senza dargli tregua.

“Mio padre mi diceva di stare sempre molto attento, di non dare troppa fiducia alle persone”, dichiarò Alberto II nella prima intervista da sovrano, concessa al Corriere nel 2005 e citata dal giornale parlando dei dossier. Ranieri sapeva molto bene ciò che diceva: di battaglie politiche e finanziarie ne aveva combattute diverse (pensiamo ai problemi con De Gaulle, o con Onassis). “C’è tutto un giro di persone a cui interessa che qui non cambi nulla nel modo di fare e io avevo detto fin dal mio primo anno di regno di voler perseguire una gestione più etica e trasparente”, ha sottolineato il capo del casato Grimaldi a Le Monde. Il principe Alberto dovrà condurre una battaglia in difesa del Principato, cercando di schivare le frecce avvelenate dei pettegolezzi. Sarà difficile, ma necessario.

Commenti