Bevande alcoliche: i benefici del "Dry January" per i senior

Il "Dry January" prevede l'astinenza dalle bevande alcoliche per il mese di gennaio: ecco come smaltire i liquidi in eccesso e depurare l'organismo dalla tossine, anche a 60 anni

Bevande alcoliche: i benefici del "Dry January" per i senior

Gennaio è il mese dei buoni propositi, specie per chi durante le festività natalizie non ha rinunciato ai piaceri della tavola ed ora intende intraprendere un percorso detossificante. Uno spunto interessante per i senior - e non solo - potrebbe essere il "Dry January" – dall'inglese "gennaio a secco" – che consiste nell'astinenza totale dalle bevande alcoliche per circa trenta giorni.

L'iniziativa ha trovato ampio consenso nei Paesi Anglosassoni tanto che, secondo le proiezioni dell'organizzazione no profit Alchol Change UK, circa 8 milioni di inglesi avrebbero già deciso di sposare la causa salutista. Ma quali sono i benefici del Dry January? E con quali altre bevande possono essere sotituite quelle alcoliche? Proviamo a dare una risposta esaustiva a queste domande.

Gli effetti dell'alcol

Le bevande alcoliche allietano il palato e i sensi. Se consumate con moderazione, e in accompagnamento a pasti sostanziosi, contribuiscono a migliorare lo stato generale di salute. Ai senior, ad esempio, gli esperti consigliano di bere ogni tanto del vino rosso, in quanto ricco di antossidanti e composti vegetali dotati di notevoli proprietà metaboliche.

Per contro, un consumo eccessivo di alcol può avere effetti deleteri sull'organismo. Nel caso specifico degli over 65 – ma vale anche per le persone più giovani - possono insorgere disturbi di entità più o meno severa. Ricordiamo infatti che l'elcol etilico contenuto nel vino ha un'azione nervina, ossia stimolante del sistema nervoso centrale. Il sovradosaggio può indurre uno stato di "euforia" con anche perdita di equilibrio e disturbi visivi.

Escludendo le forme patologiche, tra gli effetti indesiderati dell'alcol annoveriamo:

  • Irritazione e infiammazione del tratto digerente;
  • Disordini intestinali;
  • Disidratazione;
  • Danneggiaento di fegato e reni;
  • Aumento della trigliceridemia,
  • Azione psicotropa (altera le funzioni del cervello);
  • Insonnia.

Infine, l'alcol favorisce l'incremento di massa grassa sull'addome a danno di quella muscolare. È stato dimostrato che l'etanolo incide sulla sintesi proteica, rallentandola in modo significativo.

I benefici del "dry january"

Appurato che l'abuso di bevande alcoliche comporta dei rischi per la salute, appare evidente la necessità di un periodo detossificante dopo i fasti natalizi. In tal senso, l'iniziativa del Dry January può essere d'incentivo per rimettersi a regime depurando l'organismo da tossine e altre sostanze di scarto.

In linea generale, seguire un percorso detox apporta i seguenti benefici:

  • Favorisce il drenaggio di liquidi in eccesso stimolando la diuresi;
  • Sgonfia la pancia;
  • Riduce la stanchezza;
  • Migliora la digestione;
  • Rafforza il sistema immunitario;
  • Contribuisce alla perdita di peso;
  • Rende i capelli più sani e forti;
  • Rende la pelle più luminosa;
  • Favorisce le performance sportive;
  • Migliora la qualità del sonno.

Secondo un'indagine condotta da Santé publique France – l’istituto pubblico di ricerca francese - circa il 70% dei partecipanti al Dry January del 2020 ha notato un netto miglioramento della propria condizione di salute. A seguito del mese detossificante, alcuni intervistati hanno dichiarato di aver cambiato approccio alle bevande alcoliche, prediligendo un consumo più sostenibile e responsabile.

Le bevande "alternative"

Se un mese di totale astinenza da alcolici vi sembra una sfida impraticabile, vi suggeriamo alcune bevande alternative che, per certo, non vi faranno rimpiangere quelle tradizionali.

Le bibite analcoliche

Avete mai preso in considerazione le bevande analcoliche? Eppure, il mercato offre un'ampia varietà di bibite "alcol free": dagli spritz alle birre, financo lo spumante. Il vantaggio dei prodotti analcolici è che hanno un apporto calorico quasi irrilevante rispetto a quelli tradizionali e rarissimi effetti indesiderati. In questo modo non dovrete rinunciare ad apertivi con amici e parenti.

Le acque aromatizzate

L'acqua è fondamentale per idratare l'organismo. Per sfruttare al meglio le sue proprietà detossificanti potete aromatizzarla con frutta o spezie. Per la preparazione non dovete far altro che munirvi di una caraffa in vetro, versarvi all'interno l'acqua e aggiungere qualche fetta del vostro frutto preferito (arance, fragole, mirtilli eccetera). Riponete la prepazione in frigo per una notte – avendo cura di sigillare il contenitore - e consumatela nell'arco delle 24 ore successive. Ricordiamo che, oltre ad essere particolarmente rinfrescanti, le acque aromatizzate hanno un'azione antifiammatoria e antibatterica.

Le tisane

Le tisane sono un toccasana per la salute, specie dopo le abbuffate delle ultime settimane. In commercio sono disponibili bevande pronte all'uso ma si possono realizzare agevolmente anche a casa propria. Tutto ciò che vi occorre è una tisaniera – o un comune bollitore – ed estratti di piante o radici a uso erboristico. Per il periodo post natalizio, vi suggeriamo le cosiddette "tisane sgonfianti" che aiutano a ridurre la ritenzione idrica drenando i liquidi in eccesso. La scelta è piuttosto varia: dal tarassaco alla curcuma, dall'Ibisco alla menta pipirita. Insomma, non avete altro che l'imbarazzo della scelta.

Commenti