L'importanza delle fibre nella dieta

Avere una sana alimentazione ricca di fibre è la soluzione per una vita longeva e piena di benessere

L'importanza delle fibre nella dieta quotidiana

Mangiare in modo salutare ed equilibrato è una delle regole più importanti per gli over 60, necessaria per agevolare una vita longeva e ricca di benessere. Risulta molto importante nutrirsi adeguatamente, avere un corretto stile di vita e prendersi cura del proprio corpo e di tutte le sue parti, sistema immunitario compreso. Per avere un'alimentazione sana non basta ridurre le calorie e idratarsi di più ma è necessario inserire nella propria dieta anche un quantitativo maggiore di fibre. Scopriamo insieme quali cibi sono più indicati, quali le proprietà più importanti e come introdurli correttamente nel menu quotidiano.

Fibre, cosa sono e dove trovarle

Le fibre alimentari svolgono un ruolo molto importante per la salute personale, migliorando le problematiche legate alla digestione e alla pulizia intestinale. Sono molto utili per prevenire alcune patologie, preservano il benessere della flora intestinale e arginano la pigrizia intestinale. Come detto con il tempo il corpo cambia abitudini e necessità, lancia segnali che vanno ascoltati e colti. In particolare per gli over 60 sempre attenti alla propria salute e all'alimentazione quotidiana.

Ma cosa sono le fibre? Sono carboidrati in grado di resistere alla digestione dell'intestino tenue e, per questo, non si inseriscono nel flusso sanguigno. Possono essere di tipo solubile e non solubile: nel primo caso interagiscono con l'acqua creando una sostanza gelatinosa, in grado di rallentare la digestione; nel secondo caso invece non vi è combinazione con l'acqua ma un'accelerazione della digestione e dell'eliminazione delle scorie.

Le fibre si trovano facilmente in alcuni alimenti, come ad esempio i cereali integrali quali la pasta, il riso, il pane ma sempre di tipo integrale. Ma anche nell'avena, crusca, orzo, broccoli, fagiolini, fagioli, ceci, lenticchie, fave, radicchio, melanzane. Anche la frutta è ricca di fibre come ad esempio le mele, i lamponi, le pere, l'avocado e le albicocche. Senza dimenticare la frutta secca come mandorle, noci, semi di zucca solo per citarne alcuni. Una dieta ricca di fibre sazia maggiormente, aiuta a tenere sotto controllo il peso e risulta meno calorica.

Fibre, i benefici per i senior

Over 60 e fibre, un binomio interessante e importante perché questi alimenti aiutano il benessere dell'intestino ma anche del resto del corpo. Inserirle nella dieta quotidiana agevola una serie di vantaggi.

  • Migliorano il benessere della flora intestinale, favorendo un transito sano con un rilascio rapido delle tossine e delle scorie. Si possono evitare così problematiche quali costipazione, stipsi, emorroidi, e ridurre al contempo la permanenza delle sostanze potenzialmente tossiche all'interno dell'intestino stesso. In questo modo si attiva un'azione preventiva importante contro alcune forme cancerogene e tumorali che colpiscono questo organo spesso trascurato.
  • Saziano più facilmente, risultano meno caloriche e favoriscono il controllo del peso. Un aiuto importante per chi deve monitorare ed eliminare i chili di troppo o soffre di obesità. Le fibre permangono nello stomaco più a lungo, aumentandone la massa e donando una positiva sensazione di sazietà. Hanno un apporto calorico più basso e meno impattante.
  • Migliorano la salute del cuore e della circolazione abbassando al contempo i valori eccessivi di colesterolo, della pressione ma anche della glicemia. In particolare diminuiscono l'indice glicemico presente in un pasto e assicurano un rilascio corretto del glucosio e dell'energia stessa. Per questo i cibi ricchi di fibre risultano di importanza fondamentale per chi soffre di diabete.
  • Offrono maggiore nutrimento perché ricchi di vitamine, sali minerali e proprietà utili per il corpo e il suo funzionamento. Una ricarica energetica e di benessere costante, cosa che non accade con i cibi raffinati colpevoli di aumentare i livelli di zucchero nel sangue ma anche di risultare meno nutrienti.

Per una corretta ed equilibrata assunzione è sempre bene rivolgersi agli esperti di settore, come ad esempio un nutrizionista che potrà stilare un menu bilanciato e personalizzato. Un percorso alimentare adatto a soddisfare il proprio fabbisogno, senza fatica e privazioni.

Commenti