Come avere una depilazione perfetta in estate

Scopriamo insieme i metodi per liberarsi dai peli superflui su gambe, ascelle e inguine e gli accorgimenti per prevenire i peli incarniti

Depilazione perfetta in estate, metodi e accorgimenti utili

Oggi esistono diversi metodi da praticare a casa che consentono di liberarsi efficacemente dei peli superflui su gambe, ascelle e inguine. Sono metodi veloci e capaci di non lasciare segni sulla pelle abbronzata e permettono di ottenere un risultato perfetto in poco tempo.

I metodi più diffusi per una depilazione perfetta

Scopriamoli insieme:

  • rasoio: è il metodo più utilizzato dalle donne. Lo si sceglie soprattutto quando si ha poco tempo a disposizione per la zona delle gambe, ascelle e bikini. Con questo metodo si taglia il pelo senza intaccare il bulbo pilifero. In commercio ci sono diversi rasoi con lame studiate indicate per le zone più delicate come l’inguine che risulta molto difficile da trattare senza correre il rischio di infiammazioni e rossori. L’accorgimento di cui tenere conto se si utilizza questo metodo è di usare sempre un rasoio personale e di sciacquarlo con acqua tiepida sia prima che dopo la depilazione. Sulla zona interessata va sempre steso uno strato di schiuma depilatoria o di bagnoschiuma. Il rasoio va passato nella direzione opposta della crescita del pelo cercando di tenere il più possibile la pelle tesa quando lo si passa. I rasoi usa e getta vanno buttati dopo ogni utilizzo. Invece i rasoi con la testina che si può cambiare durano di più. La testina solitamente dura per circa dieci utilizzi;
  • creme depilatorie: quelle più diffuse sono a base di acido tioglicolico che serve per indebolire la crescita del pelo. Questo metodo di depilazione richiede solitamente l’utilizzo di uno spatolino abbinato che serve per rimuovere la crema dopo aver rispettato i tempi di posa previsti. Alla fine la zona interessata va sciacquata bene. L’unico accorgimento da seguire è che l’acido tioglicolico essendo molto aggressivo può essere fonte di irritazioni e infiammazioni. Occorrerebbe testare il prodotto su una piccola zona almeno ventiquattro ore prima della depilazione in modo da sondare l’effetto sulla pelle. Un consiglio è proteggere sempre la pelle e le unghie mentre si utilizza questo tipo di creme con dei guanti;
  • epilatore elettrico: ne esistono di varie tipologie in commercio, da quelli con testine rotanti a quelli con luci pulsate. Quando è di buona qualità è in grado di garantire una ricrescita lenta che può raggiungere anche le quattro settimane. Rimuove i peli dalla radice. I peli ricrescono più sottili e morbidi. La prima volta che lo si utilizza si potrebbe percepire un leggero dolore che successivamente si ridurrà. Prima dell’utilizzo dell’epilatore elettrico la pelle deve essere ben lavata, asciutta e priva di creme ed olii per evitare il rischio di follicolite che con questo metodo è più diffuso.

Come evitare i peli incarniti dopo la depilazione

Tra una depilazione e l’altra aumenta il rischio di ritrovarsi con dei peli incarniti che possono provocare prurito, rossore e dolore. Il modo più efficace per prevenirli è quello di sottoporre la pelle ad un trattamento ad hoc in grado di idratare e nutrire la cute prima di eseguire la depilazione.

L’ideale è eseguire uno scrub esfoliante da fare sotto la doccia o durante il bagno qualche giorno prima. La pelle va idratata dopo la depilazione utilizzando creme dall’effetto lenitivo e idratante come quelle a base di calendula, aloe vera e burro di karitè che sono in grado di mantenere la pelle morbida e nutrita, più a lungo

Commenti