Pelle, così mantieni la tintarella dopo l'estate

Non tutti conoscono i segreti e gli accorgimenti per mantenere più a lungo il colorito dorato delle vacanze al mare o in montagna, una volta al rientro in città. Ecco come fare

Come mantenere l'abbronzatura dopo le vacanze

Uno dei lati negativi della fine delle vacanze è perdere l’abbronzatura che con tanto impegno abbiamo acquisito al mare o in montagna. Infatti, quando manca la costante esposizione al sole, inevitabilmente la pelle si scolorisce divenendo opaca. Spesso tende anche a seccarsi e screpolarsi, come segno evidente di una disidratazione in atto.

I segreti per un’abbronzatura duratura

[[fotonocrop1971226]]

Ci sono dei piccoli e preziosi accorgimenti che ci consentono di mantenere più a lungo il colorito dorato che ci fa sentire più belli e in salute. La prima regola è quella di cercare di preferire le docce tiepide ai bagni caldi. L’acqua troppo calda tende a disidratare la pelle rendendola secca. Al contrario l’acqua tiepida svolge un’azione rigenerante mantenendo la pelle elastica e non danneggiando il filo idrolipidico della tintarella.

Un altro accorgimento da non sottovalutare quando si fa la doccia è di utilizzare un detergente delicato. Da preferire sono quelli ricchi di ingredienti dall’azione lenitiva e idratante, come quelli a base di malva, camomilla e lavanda. Dopo la doccia non bisogna sfregare troppo la cute con l’asciugamano perché altrimenti si tende a irritarla. Anche se non si va al mare, la pelle ha bisogno di continua idratazione. È quindi buona abitudine utilizzare creme idratanti corpo e viso sia al mattino che alla sera, prima di andare a letto.

Uno degli errori frequenti è quello di usare il profumo che, invece, andrebbe evitato sull'abbronzatura. Essendo un prodotto che contiene alcol contribuisce a lasciare macchie sulla pelle abbronzata oltre che a seccarla più velocemente. Al fine di ridurre l’opacità e il grigiore che si viene a formare sulla cute quando si sta perdendo la tintarella gli esperti di bellezza consigliano di effettuare uno scrub delicato che aiuterà a rimuovere le cellule morte e le impurità. Naturalmente il piccolo accorgimento è di utilizzare prodotti non aggressivi che rischiano di stressare l’epidermide.

Quando si esce durante le ore mattutine non smettere mai di proteggere la pelle con una crema con filtro adatto al proprio fototipo. Anche se si è abbronzati, non si deve fare a meno di proteggersi dall’azione dei raggi ultravioletti che provoca danni permanenti. Infine si consiglia di limitare l’utilizzo dell’aria condizionata che disidrata la pelle contribuendo a ridurre il primo strato di melanina.

Come prolungare l’abbronzatura a tavola

Una giusta e accurata alimentazione post vacanze è un’alleata preziosa nel mantenimento dell’abbronzatura. Ci sono degli alimenti che ci consentono di prolungarla e sono i cibi ricchi di betacarotene e licopene. Via libera quindi a pomodori, carote, albicocche, pesche, patate dolci, zucca, spinaci e cavolo riccio.

Mai farsi mancare anche gli alimenti ricchi di antiossidanti che contribuiscono a mantenere la pelle più elastica, contrastando la formazione dei radicali liberi. Tra di essi si consiglia il consumo di frutti rossi, mandorle, noci. Come condimento per le nostre pietanze bisogna prediligere l’olio extravergine di oliva che è fonte di preziose vitamine e acidi grassi saturi.

Inoltre, per contrastare la disidratazione, bisogna ricordarsi di bere almeno due litri di acqua al giorno e preferire “cibi acquosi” come smoothie, centrifugati e frullati che sono anche fonte di sostanze nutritive e vitamine come C ed E. Quest’ultime sono indispensabili per mantenere bella e giovane la pelle, più a lungo.

Commenti