Cultura e Spettacoli

"Sfigurata". L'indiscrezione sull'assenza di Charlene di Monaco

La principessa Charlene sarebbe ancora ricoverata in Svizzera a causa di un intervento di chirurgia estetica malriuscito

"Sfigurata". L'indiscrezione sull'assenza di Charlene di Monaco

Il mistero dell’assenza della principessa Charlene si arricchisce di un nuovo capitolo. Sua Altezza Serenissima è ancora ricoverata nella clinica svizzera Kusnacht Practice e, fa sapere Palazzo Grimaldi, “la convalescenza…attualmente sta proseguendo in maniera soddisfacente e molto incoraggiante”. La causa del ricovero, però, non sarebbe la dipendenza da sonniferi forse sviluppata in seguito all’infezione otorinolaringoiatrica che l’ha trattenuta in Sudafrica per 8 mesi. La principessa sarebbe rimasta sfigurata in seguito a un intervento di chirurgia estetica.

La bellezza di Charlene è persa per sempre?

Questa indiscrezione è stata rivelata dall’esperta reale spagnola Pilar Eyre al magazine Lecturas lo scorso dicembre ed è stata riportata dal Daily Mail e, recentemente, dal sito Tgcom24. Secondo la Eyre la principessa si starebbe “nascondendo” alla vista del pubblico perché il suo volto sarebbe stato “sfigurato dopo un intervento di chirurgia plastica” . A quanto sembra prima di rientrare a Monaco la moglie del principe Alberto avrebbe fatto tappa a Dubai per essere sottoposta all’operazione.

Dunque l’abuso di sonniferi, le voci di una presunta crisi coniugale, i dissapori con la principessa Caroline e l’infezione otorinolaringoiatrica non avrebbero nulla a che fare con il nuovo ricovero della principessa. Del resto, sostiene Pilar Eyre, lo scorso 8 novembre, quando Charlene è rientrata a Monaco, era l’unica della sua famiglia a indossare la mascherina, che non ha mai tolto neanche per un secondo.

Ciò che non torna nel mistero Charlene

L’enigma si fa sempre più complicato e la nuova, agghiacciante ipotesi di Pilar Eyre non fa che creare ulteriore confusione. A ben vedere alcuni particolari non tornano. La principessa Charlene ha affrontato diversi interventi chirurgici in Sudafrica, a causa di un’infezione otorinolaringoiatrica. Lo scorso novembre un insider ha accusato Palazzo Grimaldi di minimizzare la malattia di Sua Altezza Serenissima, dichiarando: “Non è giusto che Charlene venga ritratta come se avesse qualche tipo di problema mentale o emotivo, non sappiamo perché il Palazzo stia minimizzando il fatto che in Sudafrica sia quasi morta”, aggiungendo: “Un’infezione all’orecchio, al naso e alla gola…ha provocato gravi problemi ai seni nasali e alla deglutizione, derivanti da un precedente intervento chirurgico. Non è stata in grado di mangiare cibo solido per oltre sei mesi a causa di tutti gli interventi chirurgici che ha subìto, ha assunto liquido attraverso una cannuccia, per questo ha perso metà del suo peso”.

In effetti sembra che la principessa sia arrivata a pesare 46 chili. Però dopo aver affrontato questo calvario e già debilitata Charlene si sarebbe sottoposta a un nuovo intervento. Forse l’infezione ha reso necessaria e inevitabile una nuova operazione, stavolta di chirurgia estetica? Altro dubbio: quando la principessa si sarebbe recata a Dubai? È vero che non vengono pubblicate sue nuove foto da diverso tempo, però guardando il profilo Instagram possiamo notare che l’ultimo scatto recente, prima di quelli con la mascherina dell’8 novembre, risale al 2 ottobre 2021. Nell’immagine Charlene appare stanca e molto magra, ma non ci sono cicatrici visibili sul suo viso. Quindi, se l’operazione c’è stata, dovrebbe essere avvenuta nel lasso di tempo che va dal 2 ottobre 2021 all’8 novembre 2021.

Però c’è un altro problema: l’ultimo comunicato ufficiale di Palazzo Grimaldi dice: “La guarigione e il follow-up delle cure odontoiatriche [di Sua Altezza Serenissima] devono richiedere ancora diverse settimane”. Le “cure odontoiatriche”, che dovrebbero essere la diretta conseguenza dell’infezione otorinolaringoiatrica, hanno qualcosa a che vedere con la presunta operazione di chirurgia estetica, oppure sono la prova che Charlene non ha subito ulteriori operazioni e la natura dei suoi disturbi è ben altra? Le ipotesi di abuso di sonniferi cadono oppure restano in piedi, magari sommandosi a una situazione già precaria? Troppe domande senza risposta. Speriamo di vedere presto Charlene a casa e che sia lei stessa a chiarire il mistero che la circonda da quasi un anno.

Commenti