Cultura e Spettacoli

"Al Gf aveva bisogno di supporto, gli è mancato tutto...": come sta Marco Bellavia

Il manager del conduttore ha parlato delle attuali condizioni di salute di Bellavia, in netta ripresa, e ha sottolineato che sono stati gli atteggiamenti dei gieffini nella Casa a peggiorare la crisi di Marco

"Al Gf aveva bisogno di supporto, gli è mancato tutto...": come sta Marco Bellavia

"Prima di entrare Marco stava bene, non era depresso, ha superato tutti i test attitudinali e psicologici per cui non aveva nessun problema". Tony Toscano, il manager di Marco Bellavia, ha rotto il silenzio sulle condizioni di salute del conduttore, che sabato scorso ha abbandonato il Grande fratello vip a causa di un forte disagio psicologico. L'uomo ha rivelato che Marco si sta lentamente riprendendo e che la sua crisi scatenatasi dalla mancanza di punti fermi nella Casa - che per i concorrenti è come una bolla - sarebbe peggiorata per colpa del bullismo e dell'isolamento a cui è stato sottoposto.

"Marco è sempre stata una persona allegra, solare e disponibile sono stati gli atteggiamenti che hanno avuto alcuni concorrenti all'interno della casa a causargli uno stress psicologico che poi Marco non è più risuscito più a gestire", ha spiegato il manager all'agenzia di stampa Adnkronos, che lo ha intervistato nelle scorse ore. Che Marco Bellavia stesse meglio dopo l'abbandono del reality, il pubblico lo aveva già capito. Il conduttore di Bim Bum Bam è riapparso nelle scorse ore su Instagram, pubblicando alcuni post e video, nei quali si è mostrato con il figlio Filippo. Nelle immagini Marco è apparso sereno e felice di avere ritrovato la sua quotidianità e la sua famiglia, facendo tirare un sospiro di sollievo ai telespettatori che lo aveva sostenuto durante la sua crisi e dopo l'uscita dalla Casa.

Marco Bellavia e i problemi psicologici

Cosa è successo a Marco Bellavia nelle due settimane di permanenza lo ha spiegato il suo manager: "Quella casa è come una bolla, non è facile adattarsi. Sei isolato da tutto, Marco aveva solo bisogno del supporto dei suoi compagni di avventura, supporto che purtroppo non ha avuto perché molti di loro si sono scagliati inspiegabilmente contro di lui". Nei primi giorni, infatti, Bellavia si era recato più volte nel confessionale per parlare del disagio che stava vivendo: lontano dai suoi affetti e vittima dell'assenza di punti di riferimento temporali. A peggiorare la sua situazione è stato l'atteggiamento ostile e denigratorio di molti concorrenti, che invece di aiutarlo hanno preferito ignorarlo o addirittura deriderlo.

Dopo il "mea culpa" della produzione e di Alfonso Signorini, che per primo si è scusato per non avere capito la gravità della crisi di Marco, ora c'è l'ipotesi che Bellavia possa tornare nella Casa, per avere un chiarimento con coloro che lo hanno emarginato e bullizzato: "La cosa principale adesso è la salute di Marco, ora è a casa tranquillo e sereno la produzione spinge affinché rientri nel programma, tra qualche settimana decideremo. A Marco interessa lavorare nel mondo dello spettacolo e fare quello che ha sempre fatto nella sua vita, perciò non escludiamo niente". Quello a cui Marco Bellavia non ha rinunciato è ringraziare il pubblico per l'affetto e il supporto dimostrati nei suoi confronti.

Commenti