Uno scisma può sconvolgere la Chiesa di Papa Francesco

Una crisi che rischia di travolgere il mondo cattolico. La sfida ora arriva dalla Germania. E per Roma è un problema

"Scisma", nella storia della Chiesa cattolica, è una parola che si pronuncia con molta attenzione. Perché una divisione interna alla Ecclesia, dal punto di vista teologico-dottrinale, non può che essere interpretata alla luce dell'opera del demonio. Solo che da qualche tempo quel termine viene ventilato dalle cronache con una certa continuità. Il che succede non tanto per via delle critiche che provengono dalla destra ecclesiastica, ma soprattutto a causa di un'iniziativa dell'episcopato tedesco. La stessa che rischia di far discutere gli ambienti ecclesiastici almeno da qui alla fine del prossimo anno, cioè quando il "Concilio interno" dovrebbe avere fine. I vescovi tedeschi, in buona sostanza, sembrano pensare che le istituzioni cattoliche debbano procedere con un cammino evolutivo, che si dimostri in grado di modificare alcuni paradigmi essenziali, andando incontro "al mondo" ed alla cultura contemporanea. Il che dovrebbe accadere tanto all'interno della vita ecclesiastica quanto all'esterno, ossia nel rapporto tra i consacrati ed i laici.

Il "Sinodo biennale" è un appuntamento che il cardinale Reinhard Marx ed i suoi hanno voluto fortemente. Marx è, oltre ad un porporato progressista, anche uno degli uomini più fidati della "cerchia" di papa Francesco. E questo è uno degli elementi che fa discutere. Se non altro perché Roma non può non essere preoccupata dal fatto che i teutonici, nonostante siano dottrinalmente prossimi alla "dottrina Bergoglio", vogliano decidere da soli sul futuro di alcune materie di stretta competenza universale. Quelle per cui spetterebbe decidere proprio al pontefice di Santa Romana Chiesa. Lo strumento scelto è quello della convocazione di un'assemblea che analizzi il momento, che è particolare, e tiri fuori delle soluzioni innovative. Il fattore di fondo è uno: la Chiesa vive una crisi, che è anche vocazionale, dunque deve adattarsi per non scomparire. La strada è già segnata, e qualche prima riflessione collegiale è balzata agli onori delle cronache.

C'è già stato inoltre una sorta di ping pong tra le due parti, Berlino e Roma), ma nonostante le preoccupazioni provenienti dalla mura leonine, vale la pena segnalare come da parte tedesca non sia mai stata palesata una volontà d'interruzione dei lavori. Neppure il Covid-19, a dire il vero, sembra influire più di tanto sul progetto germanico. E i tradizionalisti, con toni critici, hanno persino paventato l'ipotesi secondo cui dalle parti del cardinale Marx stiano cercando una sorta di "nuovo Lutero".

Una figura, insomma, capace di dare una scossa al cattolicesimo globale. Sempre il "fronte conservatore" risulta tuttavia allarmato per via del presunto processo di "protestantizzazione", cioè di avvicinamento alla prassi protestante, che si starebbe consumando. Un fenomeno - quest'ultimo - che coinvolgerebbe tanto la Chiesa tedesca quanto la Santa Sede. Ma cosa vorrebbero approvare in concreto i vescovi della Chiesa teutonica? E perché tra i cattolici si teme uno "scisma"?

Il rapporto tra Benedetto XVI e la Chiesa tedesca

Facciamo prima un piccolo passo indietro. Un pontefice tedesco si è dimesso sette anni fa dal soglio di Pietro. La Germania, insomma, ha avuto la sua grande occasione di "germanizzare" la Chiesa. Il problema, semmai, era che Benedetto XVI la pensava e la pensa in maniera diametralmente opposta rispetto alla visione delle correnti della sinistra ecclesiastica che spopolano nella sua nazione d'origine. Un esempio può valere per tutto: Joseph Ratzinger ha di recente contribuito alla stesura di "Dal Profondo del Nostro Cuore", un libro che si schiera contro l'abolizione del celibato sacerdotale. Ecco, il "Sinodo biennale", tra i suoi punti cardine, ha proprio la volontà di rivedere quella regola. Non è tutto: l'emerito avrebbe anche voluto rivedere l'obbligatorietà della tassa ecclesiastica, che potrebbe essere il vero motivo per cui la Chiesa tedesca pesa così tanto sul consesso mondiale. Interpellato da IlGiornale.it su il rapporto tra l'Ecclesia della Germania e l'ex pontefice, Ettore Gotti Tedeschi, ex presidente dello Ior e pensatore che ha contribuito alla stesura di Caritas in Veritate, ci ha detto quanto segue: "..ricordo che nel periodo fine 2011 inizio 2012 il Santo Padre ricevette "sollecitazioni " affinché dimostrasse una "apertura" al luteranesimo tedesco per render più facile un rapporto politico con la Germania. Mi fu detto che non fu sensibile a queste sollecitazioni".

I progressisti tedeschi, dopo il passo indietro di Benedetto XVI, avrebbero insomma mano libera o quasi. E questo sarebbe vero nonostante dal Vaticano siano arrivate precise richieste (e una lettera firmata da Jorge Mario Bergoglio) a tema "Sinodo biennale". Sono parole - quelle della Santa Sede - che non nascondono qualche inquietudine. Arriviamo al punto della questione: cosa vorrebbero fare i tedeschi? E perché Santa Marta non può che guardare con attenzione allo sviluppo dei lavori assembleari? C'è veramente il rischio di uno scisma?

Cosa vorrebbe approvare l'ala sinistra della Chiesa tedesca

"La situazione della Chiesa tedesca è confusa per non dire caotica. Da decadi le comunità e associazioni di base di orientamento progressista contraddicono apertamente il magistero, soprattutto per quanto riguarda la morale sessuale, l’intercomunione con i protestanti, il celibato sacerdotale, l’ordinazione delle donne. Una dissidenza dottrinale ripetuta come un ritornello senza fine". A circoscrivere in questi termini il momento odierno della Chiesa teutonica è Mathias Von Gersdorff, il presidente dell'associazione tedesca Tradizione, Famiglia e Proprietà.

Le questioni aperte dal cardinale pro migranti Reinhard Marx e dagli altri sono proprio quelle elencate: dal rapporto tra dottrina ed omosessualità, passando per l'abolizione del celibato sacerdotale, per la creazione di "sacerdotesse", per la realizzazione di un rito comune che possa essere considerato valido tanto dai protestanti quanto dai cattolici e per l'estensione della gestione laicale degli ambienti parrocchiani.

I tedeschi sono talmente sicuri del loro percorso da aver già iniziato, in alcune circostanze, a benedire coppie formate da persone omosessuali. Il che, in linea teorica, contrasterebbe con gli insegnamenti del Catechismo e con la dottrina sostenuta dal Papa. Von Gersdorff prosegue nella sua analisi, spiegando come sia composto l'ambiente progressista tedesco e da quali leve culturali sia mossa la tendenza dottrinale in oggetto: "L’ala sinistra dell’episcopato si rifiuta di censurare chiaramente questi gruppi. Anzi, mantengono con essi un dialogo cordiale e riconoscono ufficialmente veri “sindacati” cattolici, come il Comitato Centrale dei cattolici tedeschi( ZdK)".

Il cuore della "divisione", quindi, non risiede tanto nelle convinzioni dei vescovi filo-Marx, ma in alcuni emisferi con cui però l'episcopato dialoga volentieri. Il punto vero di tutta questa storia - quello che può comportare una frattura anche a livello di scisma - è che il "Sinodo biennale" dovrebbe mettere nero su bianco quei cambiamenti, puntando ad una riforma nazionale del magistero. Come reagirà Roma, in caso? Attorno a questo quesito ruota il futuro del cosiddetto "scisma". Verranno pubblicati dei documenti. E dal Vaticano arriveranno delle repliche. Siamo probabilmente alle soglie di uno scontro, che può essere mitigato da una marcia indietro della Germania. Marx, nel frattempo, si è anche dimesso da presidente dell'equivalente della nostra Cei.

Gli attriti tra i progressisti ed i conservatori

Com'è normale che sia, non tutti gli ecclesiastici, tedeschi o no, pensano che adottare quei cambiamenti serva o sia necessario. Cardinali come l'ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede Gherard Mueller, Walter Brandmueller e Rainer Maria Woelki sembrano, sulla scia del pensiero ratzingeriano, disposti a battagliare per evitare che un quadro scismatico possa prendere effettivamente piede per via del "concilio interno". Esiste insomma chi sostiene che la Chiesa tedesca non abbia il diritto di minare alle basi l'unità della Chiesa cattolica, provando a fare di testa sua fino a provocare un vero e proprio scisma.

Tutto questo avviene, come racconta Von Gersdorff, anche per via del venir meno di alcuni equilibri curiali: "Tuttavia negli ultimi anni si è operato un cambio importante. Vescovi seppur progressisti del calibro del defunto cardinale Karl Lehman (presidente della conferenza episcopale dal 1987 al 2008) avevano l’autorità e il prestigio per addomesticare le frange estreme. Insomma, il card. Lehmann sapeva fino a che punto andare avanti senza destare il sospetto che si stava sull’orlo dello scisma e dell’eresia. Non succede lo stesso con i suoi successori i quali non riescono a imporsi sulle teste più calde, sicché danno sempre più l'impressione di essere burattini nelle loro mani". I progressisti di prima, in sintesi, erano meno progressisti dei vescovi odierni.

E la tendenza alla "protestantizzazione" avrebbe a mano a mano conosciuto sempre meno ostacoli lungo il suo cammino, mentre le acredini tra i conservatori ed i progressisti sarebbero divenute più evidenti.

Ma è tutto qui? "Non solo - risponde l'esponente teutonico di Tradizione, Famiglia e Prorietà - . Credono (questi vescovi progressisti tedeschi, ndr) che cedendo un tanto eviteranno il peggio e così sono entrati in un meccanismo che gli fa fare promesse sempre più audaci sugli argomenti detti prima. Questa strategia di cedimento continuo è stata persino istituzionalizzata con il “cammino sinodale” che va prendendo sempre più l'aspetto di uno pseudo-sinodo". Un "cedimento" che da parziale sarebbe diventato completo, con l'interessamento indiretto di certe ideologie. Marx, per dirne una, ha volentieri incontrato i leader dei Verdi dopo i risultati delle passate elezioni valevoli per il Parlamento europeo.

La crisi dei numeri

Qual è, a questo punto, il risultato che deriva da quella che sembra essere una confusione generale, signor Von Gersdorff? " Il risultato - rivela l'esperto studioso cattolico - è la situazione deplorevole che vediamo. I progressisti sono sempre più esigenti con i conservatori che accusano giustamente l’episcopato “liberal” di rischiare lo scisma e l'eresia. In mezzo alla polemica, la grande massa dei fedeli va perdendo l'interesse nella Chiesa. Fuori dai recinti più stretti, la Chiesa in Germania è sempre meno rilevante". E in effetti i dati raccontano di un numero abbastanza cospicuo di fedeli disposti ad abbandonare la Chiesa teutonica. Anche perché, differentemente da come succede nelle altre realtà nazionali, in Germania bisogna versare una parte del proprio reddito ogni anno, nel momento in cui si dichiara allo Stato di appartenente alla confessione religiosa cattolica. T

anti fattori lasciano supporre che la Chiesa tedesca assomigli nel tempo sempre di più alla realtà protestante, che appunto da uno scisma è nata. Gli stessi fattori che suggeriscono pure però come il futuro della Germania possa essere privato dal cattolicesimo per com'è comunemente inteso e per come l'Europa l'ha conosciuto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Klotz1960

Lun, 26/10/2020 - 15:47

Che Marx e company si facessero la loro Chiesa Cattolica Tedesca, destinata ad affogare nel protestantesimo. Stupisce invece la mancanza di reazione da parte dei veri Cattolici. Bergoglio e' un politico di sinistra che sta distruggendo la Chiesa Cattolica.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 26/10/2020 - 15:52

E' già sconvolta la sua chiesa. Ha fatt oallontanare i cattolici ed avvicinare i comunisti, tra loro acerrimi nemici.

Savoiardo

Lun, 26/10/2020 - 15:58

Tra gli uni e gli altri,di soldi ne hanno succhiati.Tutti parassiti.

Giorgio Colomba

Lun, 26/10/2020 - 15:59

Card. Marx: nomina sunt consequentia rerum.

Carlopi

Lun, 26/10/2020 - 16:00

I tedeschi dopo esser riusciti a prendersi la leadership politica ed economica in Europa adesso vogliono anche quella religiosa. Vogliono comandare su tutto.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 26/10/2020 - 16:00

Il Papa "preceda" questi porporati e li allontani lui per prima, per il bene del cattolicesimo e di tutti i credenti (compreso il sottoscritto). Altrimenti la decadenza che probabilmente era preconizzata nell'ultima lettera di suor Lucia, si farà purtroppo strada. Ripeto precedere limiterebbe moltissimo i "danni", raccogliendo intorno al "Vescovo di Roma" i migliori sentimenti di noi cattolici. Papa Francesco, non ti lasciare intimidire!

venco

Lun, 26/10/2020 - 16:02

E anche da noi nel prossimo futuro dovremo continuare ad essere credenti cattolici senza il supporto del clero.

giovanni951

Lun, 26/10/2020 - 16:08

saranno contenti coloro che lo hanno messo lí aesautorando Ratzinger.....

marcs

Lun, 26/10/2020 - 16:16

Non so se Leonida 55 è cattolico, secondo me no, ma in ogni caso é meglio che la Chiesa perda gente come lui è si dedichi alla sua missione di aiuto verso gli ultimi, cosa che papà Francesco sta facendo egregiamente.

upwithrich

Lun, 26/10/2020 - 16:16

Papa Francesco mette in pratica Bibbia e Vangeli, Libri che ogni Cattolico dovrebbe conoscere ma che a quanto pare molti commentatori non hanno mai letto. Voi non siete Cattolici, voi entrate in Chiesa solo per matrimoni e funerali. Voi non siete Cattolici, il prossimo invece di accoglierlo e sfamarlo lo respingete. Voi non siete Cattolici abbiate almeno il coraggio di ammetterlo a voi stessi.

antonmessina

Lun, 26/10/2020 - 16:21

il pampero non è un papa ..

evuggio

Lun, 26/10/2020 - 16:25

a tirarle troppo, si sa, le corde si spezzano; questo Papa ha avuto troppe attenzioni al mondo esterno al cattolicesimo (soprattutto Islam) mentre all'interno della Chiesa Cattolica non stato certo un gran tessitore!

Ritratto di francescoromanaccio

francescoromanaccio

Lun, 26/10/2020 - 16:27

Oggi la Chiesa è invasa dai modernisti e in questo frangente ne abbiamo la prova, ora san Pio X nell'enciclica Pascendi Dominici Gregis del 1907 diceva dei modernisti"Per verità non si allontana dal vero chi li ritenga fra i nemici della Chiesa i più dannosi. Imperocché, come già abbiam detto, i lor consigli di distruzione non li agitano costoro al di fuori della Chiesa, ma dentro di essa..." Dunque: i peggiori nemici della Chiesa, dentro la Chiesa per distruggere la Chiesa. CHI NON HA CAPITO QUESTO NON HA CAPITO NULLA DEI MODERNISTI.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 26/10/2020 - 16:29

upwithrich forse noi non saremmo cattolici ma non siamo nemmeno dall'altra parte komunisti.Non ha mai citato un verbo del vangelo o bibbia ,il suo mantra è accogliamo -accogliete perchè lui non accoglie nessuno.I soldi li spende a comprare palazzi in Inghilterra invece di aiutare gli italiani che non ce la fanno.Hai ragione,ma nemmeno tu sei cattolico.

Ritratto di VenCom

VenCom

Lun, 26/10/2020 - 16:31

@Leonida55 una domanda semplice semplice. Ma tu sei cattolico, nel senso che ti riconosci nei valori del cattolicesimo? Cominciano dalla carità cristiana, ammesso che tu sappia cosa sia...

Italianocattolico2

Lun, 26/10/2020 - 16:32

La Chiesa attuale, volta solo a proteggere ed accogliere gli invasori mussulmani perde e perderà sempre più fedeli. Il danno fatto da un Papa e da pseudo-preti come Biancalani, Zanotelli e Parolin che pensano solo a far invadere l'Italia da questi miscredenti non sarà mai più sanabile e le chiese saranno sempre più vuote e disponibili per farne tante moschee, come accaduto a Santa Sofia, senza che la Chiesa abbia fatto un solo fiato. La prossima occupazione sarà il Santo Sepolcro a Gerusalemme, dove Erdogan farà una madrassa.

Carlopi

Lun, 26/10/2020 - 16:34

upwithrich. Quanto scrive è vero, ma la Chiesa è fondata sull'ipocrisia. Niente di quello che viene predicato dai pulpiti tutte le domeniche mattina è minimamente osservato dai fedeli , anche dai più bigotti, e tantomeno dagli ecclesiastici stessi.

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 26/10/2020 - 16:36

Una crisi che rischia di travolgere il mondo cattolico ... ... ... e ad aprire all'islamismo, tutto questo grazie ad un gesuita komunista !!!

upwithrich

Lun, 26/10/2020 - 16:37

@ gianniverde 16:29 @ Dar da Mangiare agli affamati. Dar da bere agli assetati. Pensi che sia una frase di Marx?

flip

Lun, 26/10/2020 - 16:38

diversi anni fa, diventare'prete' era un occasione per rtimediare qualche lira e scroccare il pranzo a qualche 'fedele' Non c'è ,mai stata vera vpcazione... come per altri ordini religiosi......

Ritratto di Trinky

Trinky

Lun, 26/10/2020 - 16:45

Adesso si capisce del perchè dell'apertura di quello del vaticano verso le coppie gay....... Paura di rimanere senza il gregge di pecorelle che gli versano le prebende?

Ritratto di Trinky

Trinky

Lun, 26/10/2020 - 16:48

upwithrich..........parli per sè e non si permetta di giudicare: del resto mi pare che proprio nei suoi testi ci sta scritto di non giudicare per non essere giudicato! E si tenga stretto questo qua perchè presto resterete in 4 gatti... Ah, come mai non paga l'IMU delle sue sezioni politiche in Italia mascherate da luoghi di culto e poi blatera di pagare le tasse?

Ritratto di italiota

italiota

Lun, 26/10/2020 - 16:50

ma abolitela sta chiesa !!! è tutto un magna-magna fondato sulla credulità delle persone

maxmado

Lun, 26/10/2020 - 16:52

Dico la verità me ne frega ben poco, ma se Gesù tra gli apostoli ha chiamato solo uomini ci possono essere solo due motivi contrapposti: 1. sarebbe stato troppo per la società dell'epoca ammettere le donne in posti rilevanti, e quindi la sua "riforma" mai sarebbe stata accettata 2. voleva proprio escluderle Nessuno di noi può sapere il motivo vero, quindi, a mio avviso continuare con la tradizione. Sul celibato invece penso sia stato fatto volontariamente, nessuno avrebbe obbiettato su questo, quindi avanti come da tradizione. Su altre cose, non so, l'uscita sulle coppie gay, è sembrata più politica che religiosa ...

ilrompiballe

Lun, 26/10/2020 - 16:56

Nella Chiesa imperversano ormai i "cattolici adulti" o "cattocomunisti". Il loro percorso è iniziato all'interno della DC, che hanno demolito, per passare poi alla demolizione del PCI/PD . Finiranno con la demolizione della Chiesa. Poi, come i virus, non trovando più di che alimentarsi, spariranno. E la Chiesa risorgerà sui pochi che veramente avranno il coraggio di lasciare il mondo per seguire Cristo.

APPARENZINGANNA

Lun, 26/10/2020 - 17:01

Vadano pure per la loro strada: il cattolicesimo dei tedeschi lo conosciamo bene...da secoli e fino ai tempi del nazismo. Bergoglio inoltre non è certamente in grado di tener salda in mano la barra del timone. Sia come vuole il Signore. Va bene quello che va bene a Lui.

Totonno58

Lun, 26/10/2020 - 17:01

Chissenefrega

venco

Lun, 26/10/2020 - 17:01

marcs 16,16, tu non sei cattolico perche non conosci il cristianesimo..

INGVDI

Lun, 26/10/2020 - 17:12

No. La distinzione non va fatta tra modernisti e tradizionalisti, ma tra chi recita il Credo (professione di fede) credendo, e chi lo recita o non lo recita non credendo. Nella chiesa post-conciliare la maggior parte dei prelati appartiene alla categoria dei non credenti. La chiesa bergogliana è già in piena apostasia, come lo rivelano molte profezie.

detto-fra-noi

Lun, 26/10/2020 - 17:13

allora Dio esiste

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 26/10/2020 - 17:21

upwithrich Comprare palazzi con i soldi delle offerte cos'è.E poi la chiesa povera?? guardi le sale del vaticano e gli attici da 300 metri e mi dica se è povertà.Almeno non dicano che è povera,e sopratutto non metta il becco negli affari di un altro paese e magari paghi le tasse a Cesare.

CICERONE24

Lun, 26/10/2020 - 17:28

Come il governo Conte è il peggiore di tutta la Repubblica italiana, così il tizio Bergoglio è il peggior Papa che la Chiesa abbia avuto. I cattolici non se lo meritavano.

2milan

Lun, 26/10/2020 - 17:31

Il buffo è che abbiamo davanti agli occhi cosa significa approvare quelle "riforme" per "andare incontro al mondo": il luteranesimo, che lo ha già fatto anni se non decenni fa, è ormai ridotto all'inconsistenza ed è una specie di corrente mistica del mainstream liberal. Per questo penso che molti nella Chiesa (anche alcuni commentatori di questo blog, che esaltano Bergoglio) siano in malafede e vogliono questo solo per accelerare la distruzione della Chiesa Cattolica.

giangar

Lun, 26/10/2020 - 17:34

@trinky 16:48 - sezioni politiche mascherate da luoghi di culto??? Ma di che parla?

Libertà75

Lun, 26/10/2020 - 17:36

@upwithrich, aldilà del celibato dei preti sui quali si potrà discutere per altri 2mila anni, ma mi spiegheresti invece dove nella Bibbia si incoraggiano rapporti omosessuali o benedizione degli stessi? O per di più, magari, elevazione a status di "matrimonio"? Dai su, lo strappo non è meramente solo sulla questione del celibato. Inoltre, per un cattolico il culto mariano è fondamentale, per un protestante è eresia. Non esiste una possibilità che i cattolici convergano su posizioni protestanti, mi pare logico.

ilbelga

Lun, 26/10/2020 - 17:39

mi sembra di aver sentito mi pare ieri o domenica scorsa (chiedo scusa per l'eventuale errore) il Papa dire che bisogna pagare le tasse, che è giusto e sacrosanto. Bene: allora correte a pagare l'Imu su tutti i vostri palazzi.

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 26/10/2020 - 17:52

upwithrich si trovi su google le battute che ha fatto su Gesù e che non oso ripetere.

giangar

Lun, 26/10/2020 - 17:54

@ilbelga 17:39 - ma chi le dice che non la paghi già? Questa della Chiesa che non paga L'IMU sugli immobili non adibiti a luoghi di culto è una delle più grosse balle in circolazione.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Lun, 26/10/2020 - 17:55

Scisma ? SPERIAMO , così questo bergoglio lo rispediscono nella Pampa.

giangar

Lun, 26/10/2020 - 18:00

@gianniverde 17:21 - lei parla come se le sale del Vaticano, magari con annessi affreschi, fossero di proprietà del Papa, che ne potesse disporre e magari venderseli... Ma suvvia, un po' di senso del ridicolo....

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Lun, 26/10/2020 - 18:00

italiota, d'accordo con te. Ma direi di più: Abolizione del riconoscimento di "Organizzazione" a tutte le confessioni religiose. Chi vuol credere nelle fate lo faccia tranquillamente a casa sua come fatto privato.

flip

Lun, 26/10/2020 - 18:03

leggete la storia ndella chiesa, guerrre, stupri, delitti, prevarivazione e tutto quello che d'ignobile commette l'uomo!

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 26/10/2020 - 18:06

Bergoglio è molto sensibile verso tutto quello che proviene dalla chiesa tedesca, se non altro perché la più ricca e la più generosa con i finanziamenti verso il sud america a favore della teologia della liberazione. I teutonici stanno percorrendo la stessa strada a suo tempo imboccata da Martin Lutero, oggi i luterani non esistono praticamente e le loro chiese sono vendute o trasformate per altro uso. Facciano come credono i vescovi tedeschi, sarebbe comunque disastroso seguirli o compiacerli nelle loro scelte distruttive. Il cattolicesimo non è una moda che si debba aggiornare ai tempi, già è stato disastroso il tentativo di luteranizzare la Chiesa cattolica nel nome dell'ecumenismo, con le conseguenze che vediamo sempre più evidenti. Lo scisma lo fa chi si allontana, non c'è bisogno di rincorrerlo per scongiurare lo scisma, ognuno è libero delle proprie scelte e delle proprie decisioni.

Franco40

Lun, 26/10/2020 - 18:06

L'unica cosa che accetto da papa Francesco è l'asserzione "esiste un UNICO DIO". Per gli emigranti, se ricordo bene, è scritto da qualche parte "ama il prossimo tuo come te stesso", e il mio prossimo lo limito al mio Paese (che ha bisogno di tanto amore). Sono un credente e prego sotto un albero di leccio avendo la convinzione di essere certamente ascoltato da DIO. Odio l'ipocrisia delle Religioni, tutte.

DRAGONI

Lun, 26/10/2020 - 18:12

E COSI' PASSERA' ALLA STORIA!!

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 26/10/2020 - 18:13

E comunque il Papa è Benedetto XVI finché in vita.

Totonno58

Lun, 26/10/2020 - 18:17

La cosa davvero degna di nota di questo articolo è che è finalmente scivolato in fondo alla pagina di questo giornale...magari lo ritroviamo a breve accanto alle notizie sul GF.

rudyger

Lun, 26/10/2020 - 18:24

Sono cattolico, prego e sono credente. Ho Fede. Ciò premesso penso però che il Papa permeato dallo Spirito Santo sia Ratzinger, ancorchè autoallontanatosi dal suo mandato. E ciò in quanto analogamente a coloro che intendono scristianizzarsi rimangono ugualmente cristiani in virtù del Battesimo ricevuto.

Happy1937

Lun, 26/10/2020 - 18:31

Gesu’ predicava l’aiuto ai poveri e derelitti. Non credo che con questo intendesse la tratta dei disgraziati per portarli in Italia per mangiare sulla loro pelle e trattarli peggio delle bestie.

giovanni235

Lun, 26/10/2020 - 18:35

Uno scisma è necessario per fargli capire che sta sbagliando tutto.Ma vista la sua cocciutaggine difficile che lo ammetta.Non avendolo mai riconosciuto come Papa per me non cambia niente.Il Papa è Benedetto XVI.Punto

Ritratto di Milko-62

Milko-62

Lun, 26/10/2020 - 18:49

Sono solidale con chi come marcs ed upwithrich elogia il nostro immenso Papa Francesco, illuminato dalla luce della sapienza, bontà e misericordia di Cristo, cioè Divina. Tutti gli altri, che inn questo forum sono molti, beh, che dire? L'aggettivo "cattolico", senza davanti quello "cristiano", non vuol dire proprio nulla. Se essere modernista significa rendersi conto dela realtà ed immergerVisi per aiutare chi ne fa parte ed ha concreto bisogno condi me, a me va benissimo. I farisei restino pure protetti nelle loro bolle d'oro e cristallo a giudicar male gli altri uomini diversi da loro. A tempo debito saranno anch'essi stessi giudicati. Gesù pronunciò il Discorso della Montagna anche per loro.

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 26/10/2020 - 19:01

Un vero cattolico aiuti i poveri come quelli aiutati da Santa Maria Teresa di Calcutta.

Ritratto di Trinky

Trinky

Mar, 27/10/2020 - 10:24

giangar.........perchè nelle prediche durante le messe di cosa si parla? Vuole qualche twitter di preti che scrivono di politica?

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 27/10/2020 - 10:26

Marcs, non so se Leonida 55 sia cattolico, tu certamente no. La missione della Chiesa è spirituale, basta leggere i vangeli, non sociale. La missione della Chiesa è la salvezza delle anime che, se perse, saranno perse per l'eternità.La nostra vita è solo un brevissimo e misero passaggio. La Chiesa può e deve aiutare i poveri , ma senza dimenticare qual è la sua fondamentale missione.

Ritratto di Trinky

Trinky

Mar, 27/10/2020 - 10:26

Milko-82........ fate quello che dico e non quello che faccio è il motto di quello del vaticano! Ma davvero finge di non vedere quello che sta accadendo in vaticano?

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Mar, 27/10/2020 - 11:00

Con la benedizione alle coppie gay, questo Papa lo Scisma, benché sotteso ad evitarlo, lo ha già approvato di fatto. Cordialita'

Ma.at

Mar, 27/10/2020 - 11:50

Dopo che Francesco l'Apostata è diventato musulmano credo proprio che uno scisma ci vorrebbe per buttare fuori lui e i suoi complici.

giangar

Mar, 27/10/2020 - 12:22

@trinky 10:26 - mi scusi ma, a parte i Twitter, lei a quante messe ha partecipato ascoltando omelie "politiche" in senso partitico intendo? Io ci vado piuttosto spesso e non mi è mai capitato. Al massimo qualche accenno a tematiche sociali, che non sono fuori tema quando si commenta il Vangelo. E questo le sembra sufficiente per definire le chiese sezioni politiche? Suvvia, un po' di senso del ridicolo!

justic2015

Mar, 27/10/2020 - 12:49

Titolo sbagliato la chiesa non è di Francesco ,e stato eletto come presidente dell'istituto dai parassiti.