Interni

Mafia, la Meloni frena sul concorso esterno. E Nordio conferma: "Non è in programma"

Il presidente del Consiglio inaugura il nuovo collegamento diretto del Frecciarossa 1000 da Roma a Pompei: "Non mancherò alla commemorazione di Borsellino"

Mafia, Meloni: "Anche quest'anno andrò a via D'Amelio". E frena sul concorso esterno

Ascolta ora: "Mafia, Meloni: "Anche quest'anno andrò a via D'Amelio". E frena sul concorso esterno"

Mafia, Meloni: "Anche quest'anno andrò a via D'Amelio". E frena sul concorso esterno

00:00 / 00:00
100 %

Giorgia Meloni "battezza" il nuovo collegamento diretto Roma-Pompei. Il Frecciarossa 1000 ha compiuto il viaggio inaugurale dalla Capitale fino al Parco archeologico giungendo a destinazione dopo un'ora e quarantasette minuti: a bordo del treno c'erano, oltre al premier, il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, e l'amministratore delegato del Gruppo Fs, Luigi Ferraris. La tratta ferroviaria diventa anche l'occasione di proiettarsi alla prossima settimana, quando il 19 luglio si ricorderanno i 31 anni dalla morte di Paolo Borsellino, evento dopo il quale, come spesso ricordato dal premier Giorgia Meloni, decise di fare politica. "Io non sono mai mancata a nessuna commemorazione della strage di via d'Amelio e non mancherò neanche quest'anno", assicura.

Sul tema sollevato recentemente dal ministro della Giustizia a proposito della modifica del reato di concorso esterno in associazione mafiosa, la leader di Fratelli d'Italia esprime il propio punto di vista: "Io comprendo sia le valutazioni che fa il ministro Nordio, che sono sempre molto precise, che le critiche che possono arrivare. Mi concentrerei attualmente su altre priorità". Una posizione condivisa dallo stesso guardasigilli, Carlo Nordio, che in una nota ha così commentato: "Con la premier siamo e siamo sempre stati in perfetta sintonia. Il problema del concorso esterno è stato da me trattato nei miei scritti di questi ultimi venti anni, è essenzialmente tecnico - ha, infine specificato - e mira semmai a rafforzare la lotta contro la criminalità organizzata".

La sfida di Meloni

Sul treno presente anche una "delegazione" di studenti in archeologia, invitati per l'occasione, insieme anche a molti giovani e semplici cultori di luoghi d'arte. Il convoglio odierno sarà poi in partenza ogni terza domenica del mese con due corse no stop. I passeggeri comunque, grazie ad un video clip, potranno immergersi nella realtà archeologica e conoscere la storia dell'antica Pompei già durante il viaggio.

"Sono molto contenta di partecipare al viaggio inaugurale del treno ad Alta velocità che collega direttamente la città eterna con Pompei, uno dei siti archeologici dei quali andiamo maggiormente fieri - ha affermato Meloni -. Questa iniziativa speriamo abbia un successo tale da essere implementata in termini di tratte e potrà essere più fruibile, perché - ha aggiunto - il nostro obiettivo è quello di collegare il grandissimo patrimonio che abbiamo anche a una fruibilità e una facilità di raggiungimento che in tempi come questi è fondamentale, e mettere insieme così la nostra cultura, la nostra tradizione con la modernità che offre il nostro tempo. Quindi voglio ringraziare l'iniziativa del ministro Sangiuliano, le Ferrovie italiane per questo segnale molto importante che danno su un sito come questo".

"A Pompei dimostriamo che l'Italia si prende cura del patrimonio". Anche perché "turismo e cultura sono la nostra benzina produttiva. Il punto è riuscire a metterli a disposizione in maniera più semplice e comoda ai turisti, che oggi hanno legittimamente pretese più alte - sottolinea Meloni -.

"C'è una competitività nel mondo che si fa strada, e sulla quale l'Italia non può rimanere indietro, adagiandosi sul grande patrimonio che ha. Dobbiamo riuscire a legare questo patrimonio anche a un'offerta ampia, sempre più semplice e apprezzata. Questo è il grande sforzo che stiamo cercando di fare anche con questa iniziativa".

Commenti